Trump continua i capricci di Biden, dicendo di aver perso

L’ex presidente Donald Trump ha rilasciato un’altra dichiarazione ingiustamente accusata in risposta al discorso del presidente Joe Biden in occasione del primo anniversario dell’attacco del 6 gennaio 2021 al Campidoglio degli Stati Uniti.

Giovedì, Biden ha pronunciato osservazioni alla National Statues Hall del Campidoglio per celebrare l’anno da quando una folla pro-Trump ha preso d’assalto l’edificio sperando di impedire al Congresso di certificare la vittoria del Collegio elettorale del 2020 su Trump.

Per la prima volta da quando è entrato in carica, il presidente ha accusato il peggior attacco alla sede del governo degli Stati Uniti da quando il maggiore generale Robert Ross ha ordinato alle forze britanniche di bruciarla nel 1814 direttamente sul suo predecessore, che lo ha accusato di diffondere una “rete di bugie”. ” A proposito delle recenti elezioni presidenziali “perché vede i suoi interessi più importanti di quelli del suo Paese e di quelli americani, e perché la sua stanca arroganza conta più per lui della nostra democrazia o della nostra costituzione”.

“Non può accettare la sua perdita, però”, ha detto Biden, “anche se questo è ciò che tutti i 93 senatori degli Stati Uniti, il suo procuratore generale, il suo rappresentante, i governatori e i funzionari statali in ogni stato delle streghe hanno detto che la battaglia è stata: ha perso”.

Venerdì, l’ex presidente due volte caduto in disgrazia e messo sotto accusa ha rilasciato la sua quarta dichiarazione nelle ultime 24 ore attaccando Biden per aver suggerito la sua propensione a mentire e condannando la stampa statunitense per aver pubblicato le sue dichiarazioni e l’anniversario stesso “salva”. Comitato di azione politica d’America.

READ  CIA: "Sindrome dell'Avana" "Impossibile" causata da forze straniere ostili Notizie dagli Stati Uniti

“Quello a cui abbiamo assistito ieri sono stati gli ultimi sussulti di un’establishment politico e mediatico corrotto, screditato e di sinistra che ha portato il nostro paese a terra per decenni: ha spostato i nostri posti di lavoro, rinunciando al nostro potere, sacrificando la nostra sovranità, attaccando la nostra storia e i nostri valori, provando trasformare l’America in un paese che la nostra gente riesce a malapena a riconoscere”.

Ha accusato Biden di essere “la voce della disperazione e dello sconforto” e ha osservato che il discorso di giovedì è stato opera di “commercianti” non specificati che gli hanno “lanciato” il discorso da leggere “perché conoscono i suoi fallimenti senza precedenti. La presidenza e l’estremismo di sinistra della Conferenza Pelosi Schumer ha distrutto il Partito Democratico”, ha poi aggiunto che la commemorazione dell’anniversario dell’ispirato attacco al Campidoglio si è basata su “calunnie assurde”.

L’ex presidente ha continuato a brontolare su una serie di false e screditate teorie del complotto di destra che sono state avanzate per sfuggire al suo coinvolgimento incolpando l’attacco alla presidente della Camera Nancy Pelosi.

Trump, che nei giorni precedenti l’attacco ha sostenuto un piano per annullare i risultati delle elezioni del 2020 e la sua inaugurazione per un secondo mandato contro il volere degli elettori americani, ha esortato i suoi seguaci a ricordare che “non è qualcuno che sta cercando di minare Democrazia americana” nonostante il fatto che molti funzionari della sua precedente amministrazione abbiano lavorato per pianificare in tal senso.

Jennifer Mersica, professoressa di comunicazione alla Texas A&M University e autrice di The President’s Demagog: The Rhetorical Genius of Donald Trump, ha detto indipendente L’ultimo messaggio di Trump era una “risposta del tutto attesa” al discorso di Biden.

READ  Indonesia earthquake kills dozens and injures hundreds

Siamo in una battaglia per plasmare la memoria pubblica del 6 gennaio, le elezioni del 2020 e le minacce alla democrazia americana. Abbiamo visto il Partito Democratico sfruttare l’occasione per celebrare solennemente la giornata, indicando il suo posto nella storia americana e come il 6 gennaio 2021 sia stata una violazione dei nostri standard democratici, e abbiamo visto il Partito Repubblicano respingere, sminuire o ridicolizzare quelle celebrazioni come irrilevanti, sensazionali o parte di una cospirazione.

“È fantastico vedere i tentativi di formare la memoria pubblica accadere in tempo reale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *