Tristezza e rabbia in Ciad per la repressione di sanguinose proteste | Notizie dal Ciad

I parenti chiedono giustizia poiché i gruppi per i diritti umani chiedono un’indagine approfondita sulle morti durante le proteste dell’opposizione.

N’Djamena, Ciad – Circondata da altre donne in lutto, Grace Garandi crolla a voce alta e incontrollabile.

Suo fratello, Sina, di 17 anni, è una delle almeno cinque persone uccise in Ciad durante le proteste di questa settimana contro la presa del potere da parte dell’esercito a seguito della morte improvvisa del presidente Idriss Déby avvenuta molto tempo fa, circa 10 giorni fa.

La famiglia del giovane dice che era solo uno spettatore a guardare uno scontro tra manifestanti e forze di sicurezza nella capitale, N’Djamena.

“Hanno suonato dei colpi. Un proiettile gli ha rotto il braccio, poi gli è penetrato nello stomaco. Quando è caduto, sono stati lanciati lacrimogeni sulla folla. È stato portato d’urgenza in ospedale, dove è morto “, dice Qrandi, accovacciato per terra nella casa di famiglia.

“Hanno ucciso mio fratello, e forse hanno ucciso anche me.”

I dimostranti sono scesi nelle strade di N’Djamena e altrove martedì, una settimana dopo che l’esercito aveva annunciato che Déby era morto per le ferite riportate durante la visita alle forze che combattevano i ribelli contrari al suo governo di 30 anni. Ben presto, il figlio 37enne di Déby, il generale Mohamed Idriss Déby, fu dichiarato suo successore.

L’opposizione politica in Ciad ha condannato la creazione di un consiglio militare di transizione guidato da Déby come un colpo di stato, mentre i gruppi della società civile hanno chiesto ulteriori manifestazioni nonostante il divieto del consiglio militare.

Secondo le autorità, la repressione dei manifestanti di martedì ha ucciso quattro persone a N’Djamena e una nella città meridionale di Mundo, mentre gli attivisti dell’opposizione hanno calcolato il bilancio delle vittime a nove.

READ  Il Canale di Suez: le razioni di carburante della Siria mentre falliscono gli sforzi per liberare una nave ferma | canale di Suez

Anche decine di persone sono state arrestate, molte delle quali hanno affermato di essere semplicemente dei passanti.

“Stavo aspettando una moto”. Francois ha detto: “All’improvviso sono apparsi due soldati e mi hanno arrestato. Mi hanno perquisito e mi hanno preso il telefono e una bottiglia d’acqua. Hanno detto che la bottiglia d’acqua era un segno che ero un manifestante. Mi hanno picchiato e lanciato, poi sono stato picchiato di nuovo. Dopo l’interrogatorio, sono stato consegnato a un altro gruppo, dove sono stato duramente picchiato “.

L’eccessivo uso della forza da parte delle forze di sicurezza ha suscitato critiche da parte degli alleati del Ciad, tra cui la Francia, ex potenza coloniale, e chiede indagini.

Il presidente francese Emmanuel Macron, che ha partecipato ai funerali di Deby la scorsa settimana, ha affermato di “condannare fermamente la repressione delle manifestazioni e le violenze avvenute questa mattina a N’Djamena”.

In un netto cambiamento nella sua posizione dopo il suo precedente sostegno al Consiglio militare di transizione, Macron ha anche chiesto la formazione di un governo di unità civile per guidare il Ciad fino a quando le elezioni non si terranno entro 18 mesi.

Macron ha detto: “Sono a favore di una transizione pacifica, democratica e inclusiva, e non sostengo il piano di successione”. “La Francia non sosterrà mai chi persegue un simile progetto”.

Nel frattempo, gruppi per i diritti umani hanno chiesto un’indagine sulla violenta repressione dei manifestanti.

“Esortiamo le autorità a condurre indagini imparziali e indipendenti sulle circostanze di queste morti e ad assicurare alla giustizia qualsiasi persona sospettata di essere responsabile dell’omicidio illegale”, ha detto Marceau Seviod, vicedirettore per l’Africa occidentale e centrale di Amnesty International.

READ  L'aumento delle tasse da 3 trilioni di dollari di Biden sta trovando sostegno pubblico nonostante la resistenza repubblicana

Le autorità devono garantire che le persone possano esercitare il loro diritto di riunirsi pacificamente. Nessuna persona dovrebbe essere arrestata solo per aver esercitato il suo diritto di riunione pacifica e libertà di espressione, e tutti coloro che sono stati arrestati per questo motivo devono essere rilasciati immediatamente e senza condizioni “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *