Tre uomini “hanno torturato e ucciso un archeologo e una figlia adolescente per un raro violino Stradivari”

Si è trasferito in Paraguay cinque anni fa, più o meno nello stesso periodo dei tre sospettati e sono diventati tutti amici, hanno detto i pubblici ministeri.

Così, quando von Prideaux dovette tornare in Germania, affidò il violino a Steinmetz per la custodia.

Ma quando il signor Steinmetz è tornato ha affermato che erano stati distrutti da un incendio.

Tuttavia, i quattro rari violini – che si ritiene siano stati realizzati dal venerato italiano Antonio Stradivari – da allora sono stati trovati in possesso di Granas, che viveva vicino alla casa di von Prideaux, secondo il commissario di polizia Hugo Grans.

I pubblici ministeri ritengono che i tre uomini non avrebbero potuto vendere il violino per il suo vero valore senza i certificati di autenticità ancora in possesso di Von Prideaux, e che siano tornati per costringerlo a cederlo.

“Per commettere un crimine e un omicidio così brutale deve essere perché conoscono le vittime. Abbiamo trovato molte prove”, secondo il procuratore Lorena Ledesma.

Il signor Granas si era già fatto avanti affermando di essere amico di Von Prideaux dopo il suo omicidio.

Ha anche rilasciato interviste alla TV paraguaiana in cui ha affermato di essere rimasto scioccato dal loro omicidio, affermando che von Prideaux e sua figlia conducevano una vita “semplice” e non tenevano mai soldi a casa.

I violini Stradivari, realizzati dalla famiglia italiana Stardaviari nei secoli XVI e XVII, continuano ad affascinare il mondo musicale.

I collezionisti credono di avere un tono e una qualità del suono superiori rispetto a qualsiasi altro violino, nonostante numerosi test alla cieca che hanno dimostrato che violinisti e intenditori non possono differenziarli dagli strumenti moderni.

READ  Gli investitori occidentali stanno "uccidendo la strada" nella guerra della Cina contro i suoi giganti tecnologici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *