Tre operatori umanitari trovati morti nel Tigray, afferma Médecins Sans Frontières Global Development

Tre operatori umanitari che lavoravano nella regione etiope del Tigray sono stati trovati morti e la loro organizzazione, Medici senza frontiere, annunciato venerdì.

MSF ha detto di aver perso il contatto Con i lavoratori in viaggio giovedì pomeriggio. I loro corpi sono stati trovati vicino alla loro auto vuota questa mattina.

I due operatori erano Maria Hernandez, la coordinatrice dell’emergenza dalla Spagna, Johannes Halivom Reda, l’assistente coordinatore, e Tedros Gebrimariam Gebremichael, l’autista di MSF, entrambi etiopi.

“Nessuna parola può veramente trasmettere la nostra tristezza, shock e indignazione per questo orribile attacco”, ha detto MSF. “Nessuna parola può confortare la perdita e la sofferenza delle loro famiglie e dei loro cari, ai quali esprimiamo la nostra più profonda solidarietà e condoglianze.

Condanniamo questo attacco ai nostri colleghi con la massima fermezza e lavoreremo senza sosta per capire cosa è successo. In una dichiarazione, Medici Senza Frontiere ha affermato che Maria, Yohannes e Tedros erano nel Tigray per aiutare le persone ed è inimmaginabile che abbiano pagato con la vita per questo lavoro.

MSF è attiva nella regione etiope del Tigray, al centro di un’offensiva del governo contro l’Egitto Fronte di liberazione popolare del Tigray dall’anno scorso. L’organizzazione ha dichiarato a marzo che a seguito di un’imboscata dell’esercito ai suoi lavoratori Soldati testimoni che eseguono esecuzioni extragiudiziali, mentre il loro autista è stato picchiato con il calcio del fucile e anche lui minacciato di morte.

Le segnalazioni di violazioni dei diritti sono state diffuse nel Tigray e i gruppi per i diritti hanno incolpato le parti in conflitto. Occupare le scuole E il attaccare gli ospedali.

All’inizio di questo mese, l’operatore umanitario etiope Nagase Kidan è stato ucciso da una pallottola vagante, secondo il suo datore di lavoro, l’organizzazione caritativa italiana, la Commissione internazionale per lo sviluppo dei popoli. A maggio è stato ucciso un altro etiope che lavorava con l’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale.

READ  Il redattore di Teen Vogue estromesso Alexi McCammond è stato fotografato con indosso un costume da nativo americano

“Ogni giorno gli operatori umanitari rischiano la vita per aiutare i più bisognosi a causa di conflitti causati dall’uomo e disastri naturali”, il presidente USAID Samantha Power, Ha detto in una nota. “Speriamo che il suo coraggio e il suo sacrificio, il suo coraggio e il suo sacrificio, e quello di altri operatori umanitari che sono stati intimiditi, minacciati, maltrattati o uccisi nella regione del Tigray non vadano invano mentre lavoriamo con il popolo etiope verso un pacifico soluzione e un futuro più luminoso”.

Almeno 11 operatori umanitari sono stati uccisi nel Tigray dal novembre 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *