Torrefazione al sole | Notizie di affari

Andrew Medici, Associated Press

ROMA – Unendo due dei capolavori italiani, il caffè e la luce del sole, due ingegneri di Roma hanno ideato un modo ecologico per tostare i chicchi di caffè senza elettricità né gas.

Antonio Dorby e Daniel Tommy hanno trascorso quasi sei anni a costruire e perfezionare la torrefazione del caffè a energia solare.

Il risultato è un sistema che richiede un appezzamento delle dimensioni di mezzo campo da tennis e un clima soleggiato per tostare fino a 50 chilogrammi (110 libbre) di caffè all’ora.

L’intero impianto è alimentato dall’energia del sole. I raggi del sole sono focalizzati da una serie di specchi nella torrefazione e anche le poche parti elettriche sono alimentate da un piccolo pannello solare. I sensori controllati dal computer consentono agli specchi di seguire i raggi del sole durante il giorno e focalizzare la sua luce su un cestello rotante in acciaio contenente chicchi di caffè freschi. Il cestello raggiunge una temperatura massima di circa 240-250°C (450-480°F), a seconda della luminosità del sole, e i fagioli possono essere tostati in 20 minuti.

READ  L'Italia multa Google di 123 milioni di dollari per aver abusato di una posizione dominante

Questo processo non è solo ecologico ed economicamente conveniente. Secondo Durbe e Tummei conserva meglio anche l’aroma del caffè, conferendogli un sapore più ricco. A differenza dei tradizionali forni ad aria calda, che normalmente funzionano a gas, la luce solare concentrata tosta il caffè senza riscaldare l’aria circostante, penetrando nei chicchi in maniera più uniforme e senza bruciare la superficie esterna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *