Tornando alla finale di Wimbledon, Djokovic affronterà l’italiano Bertini

Continuano a crescere le vittorie di Novak Djokovic: 20 di fila a Wimbledon dall’inizio del 2018 e 20 di fila in tutte le partite del Grande Slam dall’inizio di questa stagione.

Portando entrambe le vittorie consecutive a 21 di domenica battendo Matteo Berrettini nella finale all’All England Club, Djokovic eguaglierà i rivali Roger Federer e Rafael Nadal per un Grande Slam 20, il massimo da un uomo nella storia del tennis.

“Significherebbe tutto”, ha detto il seme numero 1 Djokovic.

“Ecco perché sono qui. Ecco perché gioco”. Venerdì si è tirato fuori dai guai contro un avversario molto più giovane e molto meno esperto fino a eliminare il numero 10 Denis Shapovalov 7-6 (3), 7-5, 7-5 in semifinale al Centre Court.

Ogni gruppo era compatto e intenso. Entrambi sembravano alla portata di Shapovalov, fino a quando non arrivò a Djokovic.

“Stava servendo nel primo set. Era meglio nella maggior parte del secondo set”, ha detto Djokovic, che ha 34 anni e Shapovalov 12 anni in più.

“Nei momenti importanti, penso che avrei potuto mantenere i nervi saldi meglio di lui, e (gli ho fatto) giocare un tiro in più, (fargli) fare un errore facile”. Djokovic ha commesso solo 15 errori non forzati, Shapovalov 36. Altre statistiche chiave: Djokovic ha salvato 5 break point su 5 nel secondo set, poi 3 su 3 nel terzo.

“Quello che mi ha colpito molto questa volta è stato che sentivo che la partita era lì e potevo andare a giocare per la coppa”, ha detto Shapovalov, che ha lasciato in lacrime dopo essere caduto 0-7 contro Djokovic.

“È una sensazione che non ho mai provato prima, ed è per questo che è stato così doloroso. Mi sentivo come se avessi battuto Novak per alcune parti della partita. Se batti Novak, puoi battere chiunque”. Troppo vero. Ora un’altra nuova avversaria in queste fasi, la settima testa di serie Berrettini, le darà una chance.

READ  You do not need to contact the New York Unemployment Office for an additional $ 300; When the benefits start

grida “Fay!” (Vai!), “Forza!” (Andiamo!) e anche “Andiamo, amore mio!” (Andiamo, amore mio!) Prima ha chiamato il campo principale dell’All England Club e ha sostenuto Berrettini nella sua lingua madre nel suo percorso per diventare il primo giocatore italiano del Grande Slam in 45 anni.

Servendo 22 ace e potenti dritti aiutando ad accumulare un totale di 60 vincitori, Berrettini ha utilizzato una serie di 11 partite per ottenere un enorme vantaggio e ha sopraffatto il 14 ° seme Hubert Hurkacz 6-3, 6-0, 6. 7 (3), 6 -4.

Djokovic sta cercando di conquistare il sesto titolo di Wimbledon – e il terzo consecutivo – per eguagliare nove degli Australian Open, tre degli US Open e due degli Open di Francia.

Poi c’è quanto segue: dopo aver collezionato trofei sul cemento a Melbourne Park a febbraio, e la terra rossa del Roland Garros a giugno – lì sconfiggendo Bertini nei quarti di finale – Djokovic cerca la vittoria sul prato dell’All England Club prenderne tre. Un quarto della strada per un Grande Slam per AD, con solo gli US Open rimasti.

Nessun uomo è riuscito a vincere tre titoli nello spazio di un anno – figuriamoci quattro – da quando Rod Laver ha vinto il Grande Slam del 1969.

Questa sarà la trentesima finale di Djokovic, la prima di Berrettini. Per quanto sia stata la 41esima semifinale major per Djokovic, è la prima per Shapovalov.

“E’ chiaro che il lavoro non è ancora finito”, ha detto il 25enne Berrettini, che ha perso la sua unica semifinale a un Grande Slam, agli US Open 2019.

“Voglio prendere il trofeo ora che sono qui.” Ha 11 partite consecutive sull’erba, incluso il titolo al Queen’s Club il mese scorso, quando è diventato il primo giocatore dopo Boris Becker nel 1985 a vincere il titolo al suo debutto in quell’evento.

READ  La società italiana Saipem ha messo in guardia sulle aspettative dopo l'incertezza in Mozambico

“Matthew ha giocato (partita) in modo incredibile”, ha detto Hurkacz, che ha raggiunto Wimbledon in sei partite consecutive di sconfitte ma ha battuto Federer e Daniil Medvedev con 2 teste di serie per raggiungere le semifinali dello Slam. “Non ho avuto molte possibilità, in pratica. Forse zero”. Quando ha rotto per la prima volta, il 24enne polacco si è seduto per il cambiamento che è seguito e, tra un morso di banana, ha fatto segno al suo allenatore americano, Craig Boynton, di regolare la disposizione dei posti nel palco degli ospiti. Come se fosse così.

Acclamato dagli spalti dalla sua ragazza Agla Tomljanovic, che ha raggiunto i quarti di finale questa settimana, i suoi genitori e suo fratello – mia madre ha afferrato la sua riunione in campo usando il suo cellulare – Brittini era a due punti dalla vittoria del terzo set.

Ma Hurkacz ha allargato la gara ad un altro gruppo, prima che Berrettini si affermasse nuovamente.

Mancino con uno swing vibrante, a volte violento, anche quando si trattava di un rovescio a una mano, Shapovalov continuava a spingere Djokovic oltre il limite, ma non riusciva a portare a termine il lavoro.

Quell’errore di rovescio ha costretto Djokovic a porre fine a uno scambio di quindici calci che ha dato a Shapovalov una pausa e un vantaggio per 2-1. Lo ha esteso a 5-3 ed era a due punti dal prendere il set nella prossima partita, ma non è riuscito ad avvicinarsi di più.

Spedendo il set sul 5-4, Shapovalov vacilla, spinto dall’infaticabile difesa di Djokovic.

Djokovic ha rotto, poi è stato meglio al tiebreak. Non perfetto, ma migliore.

READ  Analisi: l'accordo fiscale dei grandi stati espone la spaccatura in Europa

Per lo più giocando sul sicuro e lasciando che Shapovalov erra funzioni bene. Doppio errore di Shapovalov per chiudere quel gruppo. Lo ha fatto di nuovo per tornare indietro di 6-5 al secondo. E ancora nel match che lo ha lasciato 6-5 al terzo posto.

A quel punto, Djokovic stava prendendo a pugni l’aria e urlando, conoscendo la fine della partita, e un’altra finale era vicina. (AFP) Aba Aba

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *