Titoli di rugby del Sei Nazioni con Jimmy Roberts che elogia “ una scena in ogni generazione ” e Maru Itogi difende Eddie Jones

Ecco i titoli per il Campionato di rugby Sei Nazioni di domenica 21 marzo, il giorno dopo che Welles ha perso un Grande Slam a Parigi, quando l’Inghilterra ha perso contro l’Irlanda e la Scozia ha battuto l’Italia.

Jimmy Roberts elogia la scena “una volta in una generazione”

Il Wales International Rugby Club e il Dragon Centre Jimmy Roberts ha salutato la Francia contro il Galles come “uno spettacolo diverso da qualsiasi altro in una generazione”.

Roberts, 34 anni, ha ammesso di essere stato “distrutto” da Wayne Pevac, ma ha descritto il crollo del Grande Slam come “drammatico”.

Welles non vedeva l’ora di un secondo torneo del Grande Slam in tre anni concluso con cinque minuti rimasti a Parigi, la squadra del BIVAC aveva 10 punti in buona forma e si sedeva magnificamente, prima che i 14 uomini della Francia facessero miracoli per rubare la vittoria alla morte – non ha aiutato Taulupe Faletau e Liam Williams a essere privati ​​del peccato entro un minuto l’uno dall’altro.

Il lavoro incessante ha lasciato Roberts, che ha aiutato Welles nei tornei back-to-back nel 2012 e nel 2013, in soggezione per ciò che aveva visto.

“Questo è il più veloce che il mio cuore batte mai, negli ultimi 10 minuti – hai mai visto sei paesi finire così?” Roberts ha detto alla BBC, dopo la partita.

“Per me, questa è una delle più grandi partite del Sei Nazioni che abbia mai visto e penso che la maggior parte degli spettatori assisterà mai a questo torneo.

“Aveva tutto, ci ha provato dall’inizio. Nel primo quarto d’ora abbiamo fatto quattro tentativi”.

“Ho rifiutato i tentativi. C’erano carte, due segnali acustici, uno rosso e quella fine – non l’abbiamo mai visto prima.”

Il tentativo dell’ultimo minuto di Bryce Doolin ha significato una vittoria per 32-30 per la Francia e ha privato Wells di piazza pulita. Gli uomini di Bevac possono ancora vincere il Campionato Sei Nazioni, in attesa del risultato della partita della Francia contro la Scozia, mentre la squadra di Fabian Galthi dovrà segnare quattro tentativi e vincere più di 20 punti per rivendicare il loro primo titolo Sei Nazioni dal 2010.

Eddie Jones insiste che l’Inghilterra sa ancora dove stiamo andando

Eddie Jones ha insistito che i suoi giocatori in Inghilterra stavano ancora rispondendo ai suoi metodi nonostante una sconfitta per 32-18 contro l’Irlanda che ha eguagliato la peggiore prestazione complessiva nel torneo Sei Nazioni.

I tentativi di Keith Earls e Jack Conan, accompagnati da 22 punti Johnny Sexton, hanno portato alla terza sconfitta nella competizione e, per moltiplicare la miseria dei campioni caduti, sono stati costretti ad arrendersi all’Aviva Stadium.

READ  The Cleveland Cavaliers ran out of power - and the players - in a 103-83 loss to the Orlando Magic

L’Inghilterra finirà quinta solo per la seconda volta dal 2000 per aumentare il controllo su Jones, ma l’allenatore è convinto che la squadra sia ancora sulla strada giusta.

Quando gli è stato chiesto se avesse ancora a che fare con i suoi giocatori, Jones ha detto a PA: “Sì, sicuramente, non penso che sia questo il problema. Se pensassi che fosse il problema, non sarei l’allenatore della squadra.

“Per quanto deluso dal risultato, sappiamo ancora dove stiamo andando e continueremo in modo positivo.

“Come ho sempre detto, stiamo attraversando un periodo di transizione nella squadra. Questo è quasi un momento normale perché avvenga due anni prima della Coppa del Mondo.

“Abbiamo avuto una squadra abbastanza stabile negli ultimi quattro anni ed è normale. Ma dopo il nero, potrebbero esserci dei cambiamenti di personale.

“Ma eccelso ancora? Certamente. Non credo sia questo il problema. Se così fosse, non avrei allenato la squadra”.

Maru Etoji difende l’allenatore dell’Inghilterra sotto il fuoco

Maru Itogi insiste sul fatto che sono i giocatori dell’Inghilterra, non Jones, che dovrebbero essere ritenuti responsabili delle scarse prestazioni al Sei Nazioni.

Sarasens, seconda fila, Etogi crede che Jones stia mantenendo i suoi giocatori in carreggiata, dicendo a PA: “Eddie è un grande allenatore.

“È uno dei migliori allenatori con cui ho lavorato – il suo ritmo di lavoro, la sua conoscenza, il suo senso dei giocatori, il modo in cui sta facendo il suo lavoro – davvero secondo a nessuno.

“Come giocatori, dobbiamo essere responsabili del nostro comportamento. Alla fine della giornata, Eddie non può giocare per noi.

“I giocatori devono essere responsabili, e se chiedi a un giocatore che è stato sotto la guida di Eddie, dubito che qualcuno direbbe diversamente. È un allenatore davvero speciale. Dipende solo da noi”.

“Non stiamo mostrando il meglio della squadra in questo momento, ma penso davvero che abbiamo uno dei migliori allenatori del mondo”.

Senza parlare di punizioni “dure” e di uno spogliatoio “cupo”.

Il capocannoniere del Galles Josh Navidi ritiene che alcuni dei rigori assegnati alla Francia siano stati “duri”, mentre il giocatore di back rowing ha sottolineato il knockout nei minuti finali della partita come un momento importante.

Al 78 ‘Welles ha ricevuto un barlume di speranza mentre cercava disperatamente di vedere la partita di Parigi e rivendicare il Grande Slam. Il knockout a centrocampo vede Cory Hill raccogliere il pallone, ma Welles viene subito messo sotto pressione per chiuderlo, portando ad un rigore per la Francia che porta al tentativo vincente nella partita decisiva di Dulin.

Nella sua valutazione della prestazione della sua squadra, Navidi ha detto: “Non è andata a nostro favore, ma il modo in cui abbiamo giocato a volte in attacco è stato buono. Negli ultimi 20 minuti eravamo sotto la pompa e andremo solo in una direzione.

READ  "L'Inter ha già vinto lo scudetto, fare i playoff renderà il campionato italiano più interessante.

“Ha funzionato a loro favore ed è stato un peccato che non siamo riusciti a uscire. Se fossimo usciti … alla fine avevamo il vantaggio per KO ma un minuto prima della fine ci è stato dato un rigore fuori casa e era chiaramente fuori dalla nostra squadra. Mani “.

Parlando ai media dopo aver lasciato il “cupo” spogliatoio, a Navidie è stato chiesto se Wells poteva fare qualcosa di diverso in ritardo.

“È difficile”, ha spiegato. “L’importante per me era il vantaggio dei gol e mancavano due minuti alla fine. Pensavo che sarebbe saltato in aria per il KO e abbiamo sparato un rigore che alla fine li ha portati in corner”.

“Era fuori dal nostro controllo. Ci sono state molte punizioni. Poco sono state dure, ma alla fine è stata come una chiamata dell’arbitro e non c’è molto che puoi fare al riguardo”.

“Sono molto orgoglioso. Abbiamo giocato molto bene e ad essere onesti avremmo dovuto guardare la partita. Non l’abbiamo fatto. Sono orgoglioso dei ragazzi e resteremo uniti. Questo è tutto quello che possiamo fare in questo momento.”

Townsend è sollevato dopo che i club inglesi hanno accettato di rilasciare le star scozzesi

A suo agio Gregor Townsend ha ringraziato i club della Premier League per aver accettato di rilasciare le sue stelle in Scozia a causa del rinvio della Cortina delle Sei Nazioni contro la Francia venerdì.

L’allenatore di Dark Blues ha lasciato la gara dopo che gli organizzatori del torneo hanno annunciato all’inizio di questa settimana che lo scontro a Parigi sarebbe continuato venerdì nonostante nessun accordo gli consentisse di scegliere i giocatori principali che giocano per il club di rugby a sud del confine.

Ma ora è stato raggiunto un accordo, il che significa che artisti del calibro del capitano Stuart Hogg e del compagno di squadra di Exeter Johnny Gray hanno avuto il via libera per affrontare i Bleus.

Poiché la data di riorganizzazione del venerdì sera cade fuori dalla finestra internazionale, i club inglesi non erano obbligati a mettere a disposizione i propri giocatori.

Ma Townsend – parlando dopo che la sua squadra ha ottenuto la vittoria record per 52-10 sull’Italia – ha detto all’Agenzia di stampa dell’Autorità Palestinese: “Mi è stato appena detto che i negoziati sono prossimi alla fine.

“Ci sarà un risultato positivo ed è bello sentirlo.

“Grazie alle parti coinvolte, Rugby, Sei Nazioni e PRL, possiamo arrivare a questa posizione in cui avremo una squadra forte – il più forte possibile – per andare a Parigi, che è una partita davvero importante per noi e il campionato.

READ  Yannick Sener si considera "fortunato" a giocare nell'era di Novak Djokovic, Rafael Nadal e Roger Federer

“Questo protegge l’integrità della concorrenza? Sì, penso di sì, ma penso anche che dimostri che possiamo lavorare insieme e trovare una soluzione”.

Nuove chiamate per espellere l’Italia dal Campionato Sei Nazioni

David Flatman, rappresentante di Inghilterra, Arabi e Bagni, ha rinnovato le chiamate al Sei Nazioni per offrire promozione e retrocessione.

Parlando dopo la vittoria della Scozia per 52-10 sull’Italia al Super Saturday, il 41enne Flatman ha detto che era ingiusto che le nazioni che vogliono competere nel torneo aspettino di vedere se l’esperienza dell’Italia con i giovani si è rivelata vincente.

Ha detto: “Jake Boldry può distinguersi in qualsiasi squadra al mondo, ma fino al suo ritorno non riuscirà a rendere l’attuale squadra italiana un concorrente”.

“Gli alti e bassi devono iniziare e presto, se vogliamo evitare una partita per round di questo grande vecchio torneo, non vale la pena guardare.

“Il mio cane, Badger, adora quando giochi in Italia perché sa che andrà a piedi. Peccato.

“Sì, l’Italia sta provando giovani giocatori e sta cercando di crescere, ma chiunque altro ami un posto nei Sei non dovrà sedersi e aspettare per vedere se questa ultima ricostruzione italiana darà i suoi frutti. Non è progressista e non è giusto. “

CJ Stander si è occupato di completare l’addio dell’Irlanda

CJ Stander, carico di emozioni, è stato trattato con il perfetto addio dell’Irlanda mentre aiutava la sua squadra a sconfiggere l’Inghilterra 32-18 nella partita finale del Six Nations Championship 2021.

Il back vogatore aveva annunciato all’inizio della settimana che questa sarebbe stata la sua ultima stagione con una maglietta verde e si è tirato fuori con stile.

Il 30enne ha rilasciato una toccante intervista post partita con ITV Sport in cui ha annunciato di aver “dato tutto alla maglia dell’Irlanda”.

“Lo staff e la squadra di difesa … sono molto grato, i sogni diventano realtà”, ha detto dopo aver vinto il 51esimo cappello irlandese dopo il suo debutto nel 2016.

“Ho lavorato sodo per questa maglietta, e per essere in quella maglietta … i ragazzi hanno reso facile entrare.

“È stato un piacere. Dal profondo del cuore, ti ringrazio per tutte le lettere e le parole gentili. Non sono riuscito a raggiungerle tutte ma significa molto.”

Un mostro tornerà a casa in Sud Africa con la moglie Jean-Marie e la figlia Everly quando lascerà Limerick alla fine del suo contratto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *