Thomas Parr salta la finale e l’Italia vince il doppio sogno d’oro

Dicono sempre che in una finale olimpica può succedere di tutto, e nessuno se lo aspettava, Marcel Jacobs è diventato il primo vincitore italiano dei 100 metri maschili in 125 anni di storia dei Giochi moderni. Fai di questo il primo italiano a raggiungere la finale.

Ancora meglio, Jacobs è corso dritto tra le braccia di Gianmarco Tampere, che stava ancora festeggiando la finale dopo aver vinto una medaglia d’oro congiunta nel salto in alto. Lo Stadio Olimpico è in gran parte vuoto o no, è stato un momento oltre la comprensione della maggior parte delle persone.

Nato in Texas da madre italiana e padre americano, il 26enne Jacobs si è trasferito in Italia appena un mese dopo e fino a quest’anno è meglio conosciuto come saltatore in lungo, poiché il suo ex allenatore era un triplo. Anche prima di quest’anno, non ha nemmeno rotto 10 secondi, il suo tempo di vittoria di 9,80 ha battuto il record europeo che aveva stabilito solo due ore prima nelle semifinali. Anche in un evento noto per alcuni incredibili miglioramenti, è proprio lì.

Questa finale potrebbe finire per fornire l’esito più inaspettato di qualsiasi evento a Tokyo, solo per ora sembra che il nome del giocatore norvegese Carsten Warholm che ha battuto l’ultimo record mondiale sia scritto dappertutto. In questo caso, gli italiani hanno finito per rovinare la serata agli irlandesi.

Perché purtroppo Thomas Parr non sarà nella finale di martedì. Quarto nel quinto evento cinque anni fa a Rio, Barr era nelle stesse semifinali di Warholm e l’americano Benjamin Ray, il terzo uomo più veloce in vita, che si è classificato automaticamente primo nei due finalisti, ha vinto Warholm in 47.30.

READ  Il giocatore dell'Arsenal "pronto a forzare la mano" per bloccare l'uscita - pronto a fare pressione sui Gunners per muoversi

Barr è arrivato quarto dietro al turco Yasmane Kobelo, che aveva vinto la medaglia di bronzo a Rio poco prima. L’atleta irlandese ha comunque corso il secondo tempo più veloce della sua vita, 48,26 secondi, nonostante abbia colpito l’ultimo quarto ostacolo mentre si dirigeva verso una fila. Solo 47,97 ha ottenuto a Rio è stato più veloce, mancando la finale di un posto, poiché l’italiano Alessandro Sibelio ha finito per prendere l’ultimo posto in qualificazione in tempo dopo aver segnato 47,93 nella seconda semifinale.

La squadra irlandese ha presentato ricorso contro il metodo degli ostacoli di Sibelio, ma è stato respinto.

Bar era all’esterno ma non era completamente deluso, e ha mostrato una notevole compostezza per recuperare i suoi sforzi dopo un crollo quasi completo.

“Ad essere onesti, mi sentivo davvero, davvero bene”, ha detto. “Ho tenuto la parte bassa della schiena dritta fino alla curva più alta, e il mio obiettivo era di 13 passi a sei e 14 passi a casa. Avrei potuto arrivarci rapidamente”.

L’irlandese Thomas Parr ha risposto non qualificandosi per la finale dei 400 m ostacoli dopo le semifinali allo Stadio Olimpico di Tokyo. Fotografia: Brian Keane/INFO

“Mi sentivo come se avessi superato l’ostacolo senza problemi, molto più veloce di quanto faccio normalmente al settimo ostacolo, ma non ho preso la gamba appesa così velocemente come facevo prima e l’ho tagliata, era un pollice, e sì, ha completamente danneggiato il mio slancio, non mi sentivo sensibile alla gamba quindi sono riuscito a recuperare, ma probabilmente mi è costato un posto in finale.

“È un peccato perché questo è il secondo tempo più veloce che abbia mai corso e probabilmente avevo 47 anni. È stato frustrante vedere che l’ultima partita di semifinale ha avuto lo stesso tempo di vittorie del mio. Sarà difficile da seguire, è davvero deludente sono venuto qui come concorrente, sono stato competitivo tutto l’anno e non potevo farlo in un giorno in cui mi sentivo davvero bene.

“Far crollare in quel modo in una frazione di secondo è frustrante, ma questo è il gioco in cui mi trovo, sono stato uno di quelli sfortunati. Sapevo che ci sarebbero voluti PB, stavo inserendo blocchi e l’ultima cosa che ho detto , stiamo ottenendo PB qui, non ci sono due modi per farlo.” Hai ucciso il mio slancio colpendo quell’ostacolo, mi ha colpito molto duramente e penso che sia stata la differenza nel non aver battuto Copello”.

Guardare la finale di martedì renderà la finale di martedì ancora più difficile, Barr spera di far uscire Warholm e battere il suo record mondiale di 46,70 secondi stabilito a Oslo a luglio: “È fantastico far parte di questo evento, sta aprendo la storia in questo momento È stato bello poter smussare un po’ la finale olimpica.

“Sarebbe ancora più difficile ora guardare la finale, sapendo che avrei potuto entrare. Vorrei solo che corressero così velocemente da non essere vicino alle medaglie, per far valere la pena di non arrivare in finale. Ma io so sempre che sono in buona forma da un punto di vista, dalla mentalità, perché una cosa del genere non mi metterebbe KO.

“Chiunque può lanciarmi un sasso dagli spalti e me ne vado. Qualcuno può cadere davanti a me. Mi concentro solo su ciò che ho davanti. Se non fossi mentalmente forte potrei spegnerlo. È solo il il corpo non ha seguito ciò che la mente era pronta a fare. Questo è uno sport. “Ho avuto la mia giusta dose di escursioni a Rio. Ecco cos’è.”

Con Usain Bolt che ha vinto le ultime tre edizioni, c’è sempre stata un’incognita nei 100 metri, soprattutto dopo aver fatto saltare in aria il favorito pre-Games Trivon Brommel in semifinale, mentre il collega americano Fred Curley ha vinto l’argento nella sua migliore età. Di 9,84, il canadese Andre de Grasse ha segnato un miglior 9,89 per vincere il bronzo.

La venezuelana Yulimar Rojas è diventata anche la prima detentrice del record mondiale nel salto triplo all’interno di un campo vuoto con uno splendido salto finale per l’oro di 15,67 metri, uno sguardo di incredulità scritto sul suo viso. Il record precedente era di 15,50 metri, stabilito nel 1995 dall’ucraina Inessa Kravets.

Ci sono state scene simili nel salto in alto dove Moataz Issa Barshim del Qatar e Timbery sono finiti in parità dopo tre fallimenti a 2,39 metri. Avevano due scelte: fare un salto o condividere l’oro. Hanno scelto quest’ultima opzione ed entrambi gli atleti hanno immediatamente svuotato secchi di lacrime. È stata una notte pazzesca all’interno dello Stadio Olimpico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *