Theodore John Conrad: uno degli uomini più ricercati d’America finalmente rintracciato 52 anni dopo una rapina in banca | Notizie dagli Stati Uniti

Uno dei fuggitivi più ricercati d’America, uscito da una banca con un sacchetto di carta pieno di 215.000 dollari, è stato identificato 52 anni dopo.

Theodore John Conrad era un cassiere di banca di 20 anni presso la Society National Bank di Cleveland quando ha saccheggiato la cassaforte ed è rimasto senza soldi ed è scomparso.

Il furto non è stato rivelato fino a quando non è riuscito a denunciare l’attività lunedì, per un valore di $ 1,7 milioni in denaro di oggi. Il ritardo gli ha dato un inizio anticipato di due giorni nelle forze dell’ordine.

Era il 1969 e dove si trovasse è ancora un mistero, nonostante numerosi investigatori che cercassero di rintracciarlo e chiamassero programmi TV come America’s Most Wanted e Unsolved Mysteries.

Ma l’US Marshals Service ha finalmente risolto il caso freddo questa settimana.

Ha rivelato in una dichiarazione che Conrad vive sotto il nome di Thomas Rundle a Lynfield, nel Massachusetts, dal 1970.

Hanno detto che ha vissuto una “vita modesta” in un sobborgo di Boston per anni, ma è morto di cancro ai polmoni a maggio, all’età di 71 anni.

Il maresciallo lo ha rintracciato abbinando i documenti che ha completato negli anni ’60 con altri documenti che Randley aveva presentato più di recente, inclusa una dichiarazione di fallimento nel 2014.

Conrad era ossessionato da The Thomas Crown Affair di Steve McQueen l’anno prima che fosse derubato e si vantava con i suoi amici di quanto fosse facile rubare dalla sua banca.

Nella sua dichiarazione, il servizio di spedizione degli Stati Uniti ha affermato di aver persino detto loro che stava pianificando una rapina.

READ  I cadaveri dei bambini affondano sulla costa libica dopo che le barche dei migranti sono affondate | Immigrazione

Necrologio a Thomas Randle Ha detto che ha lavorato come golfista professionista in un country club di Boston, alla fine è diventato il suo manager a tempo pieno e ha persino giocato nel tour professionale in inverno.

Ha detto che in seguito è passato alla sua carriera nella vendita di auto di lusso e ha lavorato per decenni presso concessionarie tra cui Range Rover e Volvo.

Il feldmaresciallo americano dell’Ohio settentrionale, Peter G. Elliott, era uno degli investigatori. Ha detto di essere sollevato dal fatto che il mistero fosse stato risolto perché suo padre aveva lavorato al caso e “non ha mai smesso di cercare Conrad e ha sempre voluto chiuderlo”.

“Siamo stati in grado di abbinare alcuni dei documenti che mio padre ha rivelato sui giorni del college di Conrad negli anni ’60 con i documenti di Randelli che hanno portato alla sua identificazione”, ha detto.

“Spero che mio padre riposi un po’ più facilmente oggi sapendo che la sua indagine e il servizio del maresciallo negli Stati Uniti hanno posto fine a questo mistero vecchio di decenni. Nella vita reale non tutto finisce sempre come nei film .”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *