‘Terrificante’: donna di Singapore incarcerata per 30 anni dopo aver torturato e ucciso la sua cameriera | Singapore

La Corte Suprema di Singapore ha condannato una donna a 30 anni di carcere per l’omicidio della sua cameriera birmana, dopo oltre un anno di abusi che includevano fame, torture e percosse.

La singaporiana Gayathiri Murugian si è dichiarata colpevole a febbraio di omicidio premeditato tra 28 capi di imputazione relativi al suo abuso nei confronti della 24enne Biang Nghe Don, che è stata picchiata per 14 mesi, che hanno portato alla sua morte nel 2016.

Il giudice See Kee Oon ha affermato che sebbene Murugayan, 40 anni, avesse sofferto di significativi problemi psicologici, i crimini che ha commesso erano ripugnanti e sono stati commessi di proposito.

“Le circostanze estremamente aggravanti e spaventose dei crimini sono considerazioni critiche che fanno pendere la bilancia verso la vendetta e la deterrenza”, ha affermato il giudice nella sentenza, secondo un testo fornito dalla corte.

“Era consapevole delle sue azioni e determinata nel suo comportamento. Non le mancava la capacità di capire cosa stava facendo”.

Joseph Chen, l’avvocato di Murugian, ha detto che un membro della famiglia del suo cliente gli aveva chiesto di presentare ricorso per una pena detentiva più breve da 15 a 16 anni in modo che potesse trascorrere del tempo con i suoi figli dopo il suo rilascio.

“Le persone con un disturbo mentale guardano le cose in modo diverso e non riescono a tirarsi fuori dalla situazione”, ha detto. “Per i familiari, una condanna a 30 anni è grave quanto l’ergastolo”.

READ  Un sostenitore di Joe Biden ha detto di nascondere la firma dei passeggeri "violati" nella fila dell'aeroporto statunitense | mondo | Notizia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *