Terremoto di magnitudo 5.4 scuote l’Australia: i cittadini si sono svegliati dalle scosse | mondo | Notizia

Un terremoto di magnitudo 5,9 ha colpito la regione di Pilbara, nell’Australia occidentale, poco dopo le 21 di sabato. L’epicentro era a circa 15 miglia (24 chilometri) dalla città di Marble Bar, secondo l’US Geological Survey (USGS).

Le scosse causate dal terremoto erano profonde sei miglia (10 chilometri).

Diversi residenti ansiosi hanno riferito di aver sentito le vibrazioni e hanno inviato un modulo di incidente sul sito Web dell’USGS.

Altri che si trovano a più di 150 miglia di distanza hanno anche condiviso le loro testimonianze presso il Centro Sismologico Euro-Mediterraneo.

Alcuni hanno riferito di aver sperimentato blackout e tremori per circa 30 secondi.

“Casuale. La corrente si è spenta e alcuni elementi sono caduti”, ha scritto un testimone da Port Hedland, 96 miglia (156 km) a nord-ovest dell’epicentro.

“È durato circa 30 secondi”, ha aggiunto un altro utente che vive a Wickham, a 176 miglia (284 km) di distanza.

“Un po’ scosso”, ha scritto un terzo testimone, a 80 miglia (128 km) di distanza.

Al momento non si hanno notizie di feriti o danni materiali.

Nel 1924, le temperature raggiunsero i 100 F (37,8 C) per 100 giorni consecutivi.

L’Australia è soggetta a terremoti perché si trova vicino al famigerato Anello di Fuoco che circonda molte delle placche tettoniche della Terra.

La zona del disastro geologico a forma di ferro di cavallo si estende per miglia 25,000 dalla Nuova Zelanda attraverso l’Indonesia, le Filippine e il Giappone.

Copre anche gran parte del Canada, la costa occidentale degli Stati Uniti e il Sud America.

L’Oceano Pacifico è responsabile di circa il 90% dei terremoti del pianeta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *