Tatuaggi, lacrime e l’astro nascente italiano Monty Ion sulla “meravigliosa opportunità” degli Azzurri a Twickenham

“Quindi ho Elvis e Michael Jackson, ma mi piacerebbe portare lì Freddie Mercury e Bob Marley.” Monty Ion ha discusso dei suoi tatuaggi e in particolare dei simboli musicali incastonati nella sua gamba destra, dove corre veloce dagli immobili.

La sua abitudine all’inchiostro è iniziata all’età di 18 anni ed è cresciuta al punto da incorporare i nomi delle figlie, i secondi nomi e le date di nascita. Il suo gusto musicale è stato ereditato da suo padre, Paul, che ha letto quei dischi più e più volte quando era cresciuto a Melbourne. “Ascoltare quelle canzoni sono alcuni dei miei ricordi più belli”, dice Ion.

È stato King ad attirare l’attenzione degli spettatori televisivi al debutto di Ion in Italia la scorsa settimana. Ion ha fatto lo stesso. Nonostante la sconfitta per 50-10 dell’Italia, Ion ha segnato il secondo metro più alto di qualsiasi giocatore nel turno di apertura, e solo due giocatori hanno vinto più dei suoi sei difensori in totale. Respinto per fuorigioco alare con accelerazione ingannevole e ancora ingannevolmente laterale.

L’Italia affronta un’altra partita difficile sabato a Twickenham, dove l’Inghilterra ha battuto la Scozia 11-6. La maggior parte delle persone vorrebbe evitare un animale ferito. Al contrario, Ion crede che sia il momento migliore per affrontarli. “È stato fantastico per la Scozia quando ho visto quella decisione”, ha detto Ione. “Penso che se possono farlo, perché non possiamo? È una splendida opportunità per uscire e giocare.

“Conosciamo la reputazione dell’Inghilterra e andiamo a questa partita. L’abbiamo messa da parte. Non ci interessa. Siamo aperti a tutte le possibilità. Non sono andato lì per giocare e battere un’altra partita. Andiamo lì per dare a tutti. di noi.”

READ  Un uomo è morto. Indaga sulla polizia locale

Se la bravura dell’opposizione non basta, il senso della storia può pesare sull’Italia. Non hanno mai battuto l’Inghilterra, con 28 sconfitte di fila. Tuttavia, Ione è senza paura.

“Con i risultati del passato per quanto riguarda l’Italia, cerco di non farmi disturbare”, ha detto Ion. “Non dovrebbe impedirmi di imporre il mio gioco e cercare di dare fiducia agli altri giocatori. A prescindere dai risultati passati, non vogliamo più vederlo. Ogni partita andiamo con una mentalità vincente. Siamo una squadra giovane con molto di volti nuovi e nuovo staff, quindi cerchiamo di consolidarci insieme, ma vinciamo. Abbiamo quella mentalità collettiva per entrare. Non ci aspettiamo che qualcuno ci batta “.

Con il suo debutto per l’Italia nella Coppa d’Autunno, Aione è diventato il terzo membro della sua famiglia a rappresentare la terza squadra internazionale. Suo cugino, Hooker Ole Away, rappresentava Samoa, mentre suo zio Digby Ione ha vinto 35 presenze per l’Australia. C’è solo un divario di nove anni tra Monty e Dickby, e hanno giocato insieme anche quando le loro carriere nello Stato Francois si sono intrecciate brevemente.

“Ho giocato due partite con lui, ma all’epoca ero molto giovane”, ha detto Ion. “È stato un momento indimenticabile per me. Era mio zio ma per me era come un fratello maggiore. È stato meraviglioso”.

Quell’esperienza di mettere da parte il suo tempo a Parigi è stata generalmente infelice. Ha lasciato l’Australia a soli 18 anni, ha trovato il rugby francese molto limitato e ha lasciato per giocare a rugby in Nuova Zelanda. “Ho avuto difficoltà a imparare il gioco di un adulto all’estero”, ha detto Ion. “Tornare in Nuova Zelanda mi ha fatto sentire molto indietro in termini di crescita, ma l’ho ripresa nel giro di un anno”.

READ  Italia: arrestati a Bari due rapitori rapiti dalle Tigri

Ion non aveva intenzione di tornare in Europa prima di ricevere una telefonata dall’allenatore del Treviso Kieran Crowley. Non sapeva che c’erano anche pagine di rugby professionistiche in Italia, ma Crowley discusse del progetto e ne divenne un avido. Ha avuto anche la possibilità di qualificarsi per la Nazionale italiana, ma ha dovuto ben presto prendere una decisione visto che il periodo di qualificazione per la residenza varia dai tre ai cinque anni.

“Il destino è cambiato il giorno dopo il mio arrivo, motivo per cui ho preso la decisione così rapidamente”, ha detto Ion. “Sono onesto, non so molto dell’Italia, ma è stato Kieran a dirmi di venire. Negli ultimi tre anni Treviso ha abbracciato un tipo di rugby kiwi, che è stato una parte importante del campo di gioco di Kieran. Lo è stato. un’esperienza meravigliosa, di cui non mi pentirò mai “.

Ci sarà sempre chi dubita della forza della fede dei cosiddetti “attori del progetto”, ma Ion si spinge fino in fondo e cerca di immergersi nella cultura italiana. Si è visto bene quando la maglia assira è stata presentata prima del suo debutto nella Coppa delle Nazioni d’Autunno contro il Galles, e c’erano lacrime dall’altra parte del mondo.

“Mio padre ha chiamato Digby e piange di quanto sia orgoglioso”, ha detto Ione. “Anche mio padre è uscito e ha portato una maglia italiana, che dice di indossare con orgoglio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *