‘Target ideale’: la Russia ha lucidato Trump come una risorsa per 40 anni – Ex spia del KGB | Donald Trump

Un’ex spia del KGB ha detto al Guardian che Donald Trump è stato coltivato come antenato russo per 40 anni e si è dimostrato disposto a prostituire la propaganda anti-occidentale, poiché c’erano le celebrazioni a Mosca.

Yuri Schwitz Inviato a Washington dall’Unione Sovietica negli anni ’80, l’ex presidente degli Stati Uniti viene paragonato a The Cambridge Five L’anello di spie britannico che ha portato segreti a Mosca durante la seconda guerra mondiale e l’inizio della guerra fredda.

Ora ha 67 anni, Shvets è una delle principali fonti di Compromesso americano, Nuovo libro del giornalista Craig Unger, incluso il suo precedente lavoro The Trump House, The Putin House. Il libro esplora anche il rapporto dell’ex presidente con Finanziere caduto in disgrazia Geoffrey Epstein.

“Ecco un esempio in cui le persone sono state reclutate quando erano solo studenti e poi sono salite a posizioni importanti”. Schwitz ha detto al telefono lunedì da casa sua in Virginia, “Qualcosa del genere stava accadendo con Trump.

Schwitz, un maggiore del KGB, lavorava come corrispondente a Washington per Saleh Agenzia di stampa russa TASS Negli anni ottanta. Si è trasferito definitivamente negli Stati Uniti nel 1993 e ha acquisito la cittadinanza statunitense. Lavora come investigatore sulla sicurezza aziendale ed è stato partner di Alexander Litvinenko, assassinato a Londra nel 2006.

Unger descrive come Trump apparve per la prima volta sul radar dei russi nel 1977 quando sposò la sua prima moglie, Ivana Zelnikova, Modello ceco. Trump è diventato l’obiettivo di un’operazione di spionaggio sotto la supervisione dei servizi segreti della Cecoslovacchia in collaborazione con il KGB.

Tre anni dopo, Trump ha inaugurato il suo primo grande progetto di sviluppo immobiliare. Grand Hyatt New York Vicino alla Grand Central Station. Trump ha acquistato 200 televisori per l’hotel da Simeon Keslin, un immigrato sovietico che è co-proprietario di Joy-Lud Electronics sulla Fifth Avenue.

READ  Cheney chiede un'indagine penale su Trump nella prima intervista dalla sua cacciata

Secondo Schwitz, Joy-Lud era controllata dal KGB e Kislin ha lavorato come un cosiddetto “agente del cane da guardia” che ha identificato Trump, un giovane uomo d’affari emergente, come un potenziale antenato. Keslin nega che ci sia alcun collegamento tra lui e il KGB.

Poi, nel 1987, Trump e Ivana Ha visitato Mosca e San Pietroburgo per la prima volta. Schwitz ha detto che i punti di discussione del KGB sono stati alimentati e lusingati dagli agenti del KGB che hanno lanciato l’idea che dovrebbe entrare in politica.

L’ex maggiore ricorda: “Per il KGB, è stato un attacco di streghe. Hanno raccolto molte informazioni sul suo personaggio in modo che sapessero chi fosse. La sensazione era che fosse intellettualmente e psicologicamente molto debole, ed era incline a adulazione.

Questo è ciò di cui hanno approfittato. Giocavano come se ammirassero profondamente il suo carattere e pensavano che questo fosse l’uomo che un giorno avrebbe dovuto essere presidente degli Stati Uniti: persone come lui che potevano cambiare il mondo. Gli hanno dato da mangiare questi presunti filmati con suoni d’azione efficaci ed è appena successo. Quindi è stato un enorme risultato per le misure attive del KGB all’epoca “.

Poco dopo il suo ritorno negli Stati Uniti, Trump ha iniziato a esplorare la nomina presidenziale repubblicana e ha persino tenuto una manifestazione a Portsmouth, nel New Hampshire. Il 1 settembre, ha detto Crea un annuncio a tutta pagina Sul New York Times, il Washington Post e il Boston Globe titolavano: “Non c’è niente di sbagliato nella politica di difesa estera americana che una piccola spina dorsale non possa aggiustare”.

READ  French cocks are now attacking with the law behind them

Annuncio mostra alcuni Viste molto non convenzionali Nella Guerra Fredda, Ronald Reagan si diresse in America, accusando il suo alleato Giappone di sfruttare gli Stati Uniti ed esprimendo i suoi dubbi sulla partecipazione degli Stati Uniti alla NATO. Ha preso la forma di una lettera aperta al popolo americano “sul perché l’America dovrebbe smettere di pagare per difendere i paesi che possono difendersi”.

Il bizzarro intervento è stato sorprendente e delizioso Russia. Pochi giorni dopo, Schwyz, che ora torna a casa, si trovava nella prima sede della direzione del KGB a Yasinevo quando ha ricevuto un telegramma che celebrava l’annuncio come una “misura attiva” di successo implementata da una nuova risorsa del KGB.

“Non ha precedenti. Sono ben consapevole delle misure attive del KGB a partire dai primi anni ’70 e ’80, e poi più tardi con le misure energiche della Russia, e non ho sentito niente del genere o qualcosa di simile – fino a quando Trump non è diventato presidente di questo Paese – perché lo era. Semplicemente ridicolo. Era difficile credere che qualcuno l’avrebbe pubblicato a suo nome e avrebbe fatto colpo sulle persone veramente serie in Occidente, ma lo fece, e quest’uomo divenne finalmente il capo “.

Mosca ha accolto nuovamente la vittoria elettorale di Trump nel 2016. L’avvocato speciale Robert Mueller non ha stabilito una cospirazione tra i membri della campagna di Trump ei russi. Ma il progetto di Mosca, un’iniziativa del Center for the Action Fund for American Progress, ha scoperto che la campagna di Trump e il team di transizione lo erano Almeno 272 contatti noti E almeno 38 incontri conosciuti con clienti legati alla Russia.

READ  L'Ucraina esorta la NATO ad accelerare l'adesione con il raduno delle truppe russe | notizie dal mondo

Schwitz, che ha condotto la propria indagine, ha dichiarato: “Per me, il rapporto Mueller è stato un’enorme delusione perché la gente si aspettava che sarebbe stata un’indagine approfondita su tutte le relazioni tra Trump e Mosca, quando quello che abbiamo ottenuto era in realtà solo un crimine. Non c’erano opposti dell’intelligence al rapporto tra Trump e Mosca “.

Ha aggiunto: “Questo è ciò che abbiamo deciso di correggere in primo luogo. Così ho condotto la mia indagine e poi ho incontrato Craig. Quindi pensiamo che il suo libro inizierà da dove Mueller si era interrotto”.

Unger, “Era una risorsa”, ha detto l’autore di sette libri ed ex redattore collaboratore di Vanity Fair su Trump. “Questo piano grande e ingegnoso non era quello che avremmo sviluppato per questo ragazzo e dopo 40 anni sarebbe diventato presidente. Ho iniziato, intorno al 1980, i russi stavano provando: “Reclutamento e inseguimento pazzi di dozzine e dozzine di persone”.

Trump era il bersaglio ideale in molti modi: il suo ego e il narcisismo lo rendevano un bersaglio naturale per il reclutamento. È cresciuto per 40 anni, fino alla sua elezione “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *