Tanguy Ndombele e Dele Alli sono tra i giocatori del Tottenham che hanno esaurito le possibilità di Antonio Conte di dimostrare il proprio valore

Era un commento che era stato quasi detto di sfuggita, ma che aveva chiaramente un significato da esso.

“Devi essere bravo per provare a cambiare idea”, ha detto Antonio Conte, dopo che gli Spurs hanno lottato nella vittoria per 3-1 sul Morecambe in FA Cup. “Se qualcuno ti delude è normale. Ero un giocatore ea volte mi è capitato che qualcuno fosse scontento della mia prestazione. Questa è la nostra vita. Ripeto: va bene”.

Il boss del Tottenham Hotspur stava affrontando una domanda su come Tanguy Ndombele è stato fischiato durante la sua uscita dopo una sostituzione nel secondo tempo, ma avrebbe potuto essere un messaggio per la maggior parte dei suoi giocatori titolari contro Morecambe.

Conté a quel punto si era calmato ei commenti erano stati pronunciati in modo relativamente passivo, ma come può accadere con l’italiano, può esserci più importanza in ciò che dice rispetto a ciò che accade all’inizio.

Molti giocatori degli Spurs dovrebbero essere ben consapevoli del significato delle sue parole nelle loro situazioni. Hanno bisogno di migliorare drasticamente per avere un’altra possibilità di mettersi alla prova, per non parlare di avere una possibilità regolare di calcio.

Ndombele, Dele Alli, Japhet Tanganga, Joe Rodon e Pierluigi Gollini devono pensare alla loro prossima mossa. Matt Doherty potrebbe essere incluso in quella lista, ma è già previsto che tornerà nei Wolves, con Adama Traore che andrà dall’altra parte. Questa vittoria di misura su Morecambe non farà che confermare che Conte ha bisogno di più movimento.

Nonostante la FA Cup sia ora ignorata da molti, così come il fatto che gli Spurs alla fine abbiano evitato quella che avrebbe potuto essere la loro peggiore eliminazione in assoluto, questo scontro al terzo turno ha significato molto per Conte e avrebbe dovuto significare molto per i selezionati. Il boss degli Spurs ha dato una pausa alla maggior parte dei suoi giocatori chiave, ma ha anche dato a un gruppo ristretto di giocatori la possibilità di mettersi alla prova.

READ  Stuart Dallas ha ricevuto risultati positivi dalla sconfitta dell'Italia, ma è stato fondamentale per l'Irlanda del Nord ottenere punti contro la Bulgaria

Molti falliscono il test. Il peggio era com’era. Dilly era povero. Rodon era casuale. Tanganga e Gollini non hanno potuto. Ndombele non era adatto a questo.

È noto che il Tottenham stava già cercando di spostare molti, soprattutto perché attualmente devono vendere per comprare. Questo avrebbe preso la decisione di Conte.

Tanguy Ndombele si è diretto dritto attraverso il tunnel dopo la sostituzione

(Getty Images)

Per questi giocatori è ancora più urgente perché l’unica cosa certa dell’italiano è che è sempre pronto a dare una possibilità a chiunque. È davvero una tabula rasa con Conte: se sei disposto a lavorare con lui, lui è disposto a lavorare con te.

Lo hanno dimostrato molti giocatori del Chelsea e dell’Inter. Harry Winks lo dimostrerà. Il centrocampista è passato dall’essere un giocatore che gli Spurs non vedevano l’ora di scaricare in qualcuno di cui Conte ora può fidarsi. Il suo gol del pareggio contro Morecambe ne è stato un segno simbolico. Winks è stato uno dei neofiti che l’ha sollevato.

Lo stesso non si può dire per alcuni altri.

Conte ha un po’ di pazienza per questo. Se vede che un giocatore non funzionerà, sta solo cercando di sbarazzarsi di lui. Le opportunità vanno solo così lontano.

Conte alla fine sta cercando di ridurre qualsiasi squadra a un gruppo che si atterrà esattamente a ciò che vuole, quindi non c’è nessuna macchia, nulla su cui pesare.

Mentre il boss degli Spurs era disposto a trattare tutti questi giocatori come se non ci fossero bagagli coinvolti, è come se pochi di loro avessero portato il proprio.

I problemi a lungo termine di Dele semplicemente persistono. E che dire di Ndombele? Anche solo uscire dal campo con un fischio era già abbastanza brutto. Ancora peggio, molti fan degli Spurs a terra hanno sentito che aveva già rallentato quando ha sentito quella reazione.

Che sia vero o no, quasi non importa, perché riassume che molti ne hanno avuto abbastanza.

Tuttavia, il problema per Conte e per la squadra è che al momento non ci sono giocatori per la maggior parte di questi giocatori.

Questo vale anche per i grandi nomi, di cui alcuni manager potrebbero vedere il potenziale di trasformazione. Nessuno vuole Ndombele. Nessuno vuole Dili.

Il problema specifico di un club come il Tottenham – che finanziariamente cade tra la prima classe e il comfort, anche se si vede parte della prima – è che Conte non può fare questa revisione così velocemente come vuole. Sta trattenendo il suo progetto, il che significa che ha solo una squadra per competere invece della squadra più ampia che ora è richiesta.

Ciò potrebbe cambiare nelle prossime settimane, poiché il presidente Daniel Levy discute le potenziali spese con il proprietario Joe Lewis.

Conte la pagherà. Spingerà anche alcuni di questi giocatori all’estero.

L’italiano non poteva dire tutto quello che voleva. Forse ha detto tutto ciò che era necessario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *