Supermercato russo subisce un contraccolpo dopo aver tirato fuori la pubblicità per una coppia gay | Russia

Una catena di supermercati russa di fascia alta si è scusata pubblicamente dopo aver pubblicato un annuncio con una coppia gay che fa acquisti nel suo negozio.

La decisione di VkusVill di ritirare l’annuncio ha suscitato una reazione rabbiosa da parte dei liberali di Mosca e di altri alleati LGBTQ russi, che hanno criticato il “vigliacco” della catena di supermercati e hanno affermato che avrebbero boicottato il negozio.

La serie sembra essere più preoccupata per il contraccolpo conservatore per aver presentato un quadro mediocre della vita esotica in Russia. L’annuncio è stato visto come una sfida alla Russia Legge sulla propaganda gay che vieta la “promozione ai minori di rapporti sessuali non tradizionali”.

Un rappresentante di VkusVill ha rifiutato di rispondere alle domande del Guardian sul fatto che la catena di supermercati avesse subito pressioni per ritirare l’annuncio.

Domenica, VkusVill si è scusato per il servizio fotografico “ferito” della coppia gay Yuma e Zhenya, e dei loro figli, Mila e Alina, che hanno affermato di aver apprezzato gli onigiri al supermercato con i funghi e che il loro prodotto preferito sono i ceci.

“Riteniamo che sarebbe ipocrita non mostrare le famiglie dei nostri veri clienti”, si legge nel post originale, che porta un avvertimento di 18 anni per rispettare la legislazione locale.

Pochi giorni dopo, l’annuncio è scomparso. Al suo posto, la catena ha offerto scuse che mettevano in evidenza immagini di coppie eterosessuali e sembrava dare la colpa della pubblicità a un piccolo gruppo del suo staff.

“Questo spazio includeva un articolo che ha ferito i sentimenti di un gran numero di nostri clienti, così come i dipendenti”, si legge in un post di follow-up su Instagram, aggiungendo che l’obiettivo del supermercato era quello di introdurre nuovi prodotti e non offrire “servizi politici o sociali”. visualizzazioni.”

READ  Sears e Cammart tirano la maglietta di Ashley Babbitt dopo le proteste | Attacco al Campidoglio degli Stati Uniti

“Ci dispiace che ciò sia accaduto in questo modo e consideriamo la pubblicazione una nostra colpa, una manifestazione di mancanza di professionalità da parte di alcuni dipendenti”. È stato firmato dai massimi dirigenti dell’azienda, incluso il suo fondatore Andrei Krivenko.

La dichiarazione originale è stata sequestrata da figure conservatrici russe, tra cui il famoso legislatore anti-gay di San Pietroburgo. Vitaly Milonov.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *