StoryCast ’21: Suspicious Mines – un sosia di Elvis rimasto intrappolato a mezzo miglio sottoterra | notizie dal mondo

Nell’agosto 2010, Edison Pena stava lavorando in una miniera di rame a San Jose nel deserto di Atacama, nel nord del Cile, quando tonnellate di rocce si sono schiantate e hanno bloccato la sua unica via d’uscita. Bina era uno dei 33 lavoratori intrappolati a mezzo miglio sotto terra, senza alcun modo di sapere se qualcuno sarebbe venuto a salvarli. Con il passare dei giorni e dei mesi, la meravigliosa storia dei minatori cileni conquisterà il mondo.

Edison Pena ha condiviso la sua intera storia per la prima volta in Trapped: The Chile Miners, episodio cinque di StoryCast ’21, una serie di podcast di Sky News che racconta 21 straordinarie storie personali di alcuni dei più grandi eventi di cronaca del secolo.

Iscriviti ora a Podcast di meleE il spotifyE il google podcastE il Altoparlante.

Edison Pena stava lavorando a mezzo miglio sottoterra quando una parte della miniera di rame a San Jose, in Cile, è crollata.

Quando tonnellate di rocce caddero dalla superficie della miniera, Pina corse verso di lui, ma era sicuro che non avrebbe potuto sopravvivere.

Quando tutte le rocce si sono posate, il 34enne si è sentito fortunato a non infortunarsi, ma in realtà i suoi problemi erano solo all’inizio.

Pena era uno dei 33 minatori cileni la cui uscita dalla miniera era bloccata da una parete rocciosa apparentemente impenetrabile.

Pina ricorda il disastro dell’agosto 2010, dicendo a Trapped: Miners in Chile: “Stavamo facendo qualcosa[sic]e poi all’improvviso sono iniziate enormi quantità di roccia, come se stessero cadendo enormi quantità di roccia… Abbiamo provato a correre, abbiamo detto questo a riguardo, noi siamo morti.

READ  Emmanuel Macron news: I tifosi abbandonano "cagnolino nell'Unione europea" prima delle cruciali elezioni presidenziali Mondo | notizia

“Uscire è impossibile, non c’è via d’uscita… e nemmeno un ragno può entrare”.

immagine:
I minatori cileni sono rimasti bloccati sottoterra per più di due mesi

Pina era un elettricista di professione che si recò alla miniera di San Jose per costruirsi una vita migliore.

Ma mentre fissava la parete rocciosa, aveva paura di non respirare mai più aria fresca e nemmeno di vedere di nuovo la luce del giorno.

Bina e altri 32 minatori non avevano modo di sapere se qualcuno sarebbe venuto a prenderli.

Ha continuato: “Avevamo paura perché la maggior parte delle volte pensavamo che saremmo morti. Era buio e non c’era luce”.

Edison Pena, al centro, è un abile maratoneta che ha continuato il suo hobby sotto il deserto cileno
immagine:
Edison Pena (al centro) è un maratoneta appassionato che continua la sua passione sotto il deserto cileno الاء

Quindi, dopo più di 17 giorni sottoterra, una delle manovre penetrò nelle loro camere sotterranee.

Lo sforzo di salvataggio è diventato una notizia internazionale e nessuno era sicuro che i minatori sarebbero stati trovati vivi. Ma ora che la roccia è stata finalmente sfondata, dalle profondità sottostanti si possono ascoltare le melodie dell’inno nazionale cileno.

Questa svolta ha permesso di inviare cibo, medicine e compresse per la reidratazione ai minatori intrappolati.

Appassionato maratoneta, Bina trascorreva il tempo correndo su e giù per il tunnel di due chilometri per tenersi in forma in attesa dei soccorsi.

Il minatore cileno era anche un imitatore di Elvis, che cantava canzoni di King of Rock and Roll per intrattenere gli altri minatori.

Edison Pena è stato avvistato in tournée a Graceland, l'ex casa del suo eroe Elvis Presley
immagine:
Edison Pena è stato avvistato in tournée a Graceland, l’ex casa del suo eroe Elvis Presley

Stava persino lanciando alcuni iconici passi di danza di Elvis.

READ  Resti umani trovati a Dibin dopo un attacco mortale a una donna del Colorado | Notizie dagli Stati Uniti

Ma mentre Pina stava cercando di rallegrare i suoi compagni minatori, la squadra di soccorso ha trascorso settimane cercando di trovare un modo per riportarli in superficie.

La miniera era così vecchia che i soccorritori avevano paura di provocare ulteriori valanghe scavando nella roccia.

Tutti sapevano che una sola mossa sbagliata poteva essere disastrosa.

Gli sforzi di salvataggio sono iniziati in superficie dopo che sono stati trovati i minatori
immagine:
Gli sforzi di salvataggio sono iniziati in superficie dopo che sono stati trovati i minatori

Il giornalista di Sky Jonathan Samuels è arrivato alla miniera il 6 ottobre 2010 ed è stato accolto dal rumore di trapani e generatori e dalla vista di centinaia di tende e camper.

Jonathan ha detto: “Ho visto alcuni bambini che correvano per il campo, i loro genitori erano lì, e ricordo che molti di quei bambini erano giovani, avevano famiglie piccole… e ricordo di aver guardato i bambini pensando: ‘Vorrei che tuo padre era fuori.”

Mentre Pina si avvicinava a 70 giorni sottoterra, era ottimista sul fatto che avrebbe reso viva la miniera, ma la domanda era: come?

Ora, Edison Pena e Jonathan Samuels si sono uniti per rivivere la storia nell’episodio finale di StoryCast ’21.

Puoi ascoltare Trapped: The Chile Miners Qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *