Steve Bannon si arrende all’FBI dopo un’accusa penale per aver sfidato il Comitato antisommossa del Campidoglio

Meno di un anno dopo aver ricevuto la grazia dell’ultimo minuto dall’ex presidente Donald Trump, l’ex capo stratega della Casa Bianca Steve Bannon è di nuovo in custodia dell’FBI.

Conservatore ed ex conduttore di podcast Notizie Breitbart Il capo dell’ufficio dell’FBI a Washington ha capitolato poco dopo le 9:30 di lunedì dopo essere uscito da un SUV nero con indosso una giacca verde invernale e una maglietta nera.

Mentre si dirigeva verso l’edificio, si fermò brevemente per rivolgersi alla telecamera che stava trasmettendo in diretta per lui la sua resa stanza della guerra Notazione audio. Ha detto ai suoi fan: “Non voglio che nessuno distolga gli occhi dalla palla, quello che facciamo ogni giorno” e ha dichiarato che lui e i suoi sostenitori “abbatteranno il regime di Biden” mentre chiamavano il caso contro di lui “tutto il clamore .” , non un segno.

Venerdì, un gran giurì nel Distretto di Columbia ha incriminato Bannon per due capi di oltraggio al Congresso, risultato di un deferimento della Camera dei Rappresentanti il ​​mese scorso dopo aver sfidato un mandato di comparizione che gli ordinava di testimoniare davanti al comitato ristretto della Camera che indagava sulla Astuccio. Ribellione del 6 gennaio.

I membri del comitato credono al signor Bannon, che nell’edizione del 5 gennaio di stanza della guerra Dichiarando che “l’inferno andrà in pezzi” il giorno successivo, quando il Congresso avrebbe dovuto incontrarsi per una sessione congiunta per certificare la vittoria del presidente Joe Biden alle elezioni del 2020, ha informazioni su ciò che i funzionari della Casa Bianca e della campagna di Trump potrebbero aver saputo del eventi della giornata.

READ  Gli Stati Uniti ritirano le batterie antimissile dal Medio Oriente: rapporto | Joe Biden Notizieden

Ma Bannon, che è stato consigliere capo di Trump da gennaio 2017 a luglio 2017, ha affermato che il privilegio esecutivo – un principio legale che protegge le conversazioni tra il presidente e i suoi consiglieri – gli impedisce di testimoniare sugli eventi che lo hanno preceduto. Al peggior attacco al Campidoglio dall’incendio di Washington nel 1814.

La maggior parte dei giuristi stimabili afferma che tali accuse non hanno alcuna risonanza perché gli eventi in questione si sono verificati molto tempo dopo che aveva lasciato il servizio governativo. Se condannato, l’ex ufficiale di marina e produttore cinematografico potrebbe rischiare fino a due anni dietro le sbarre se condannato.

La resa di Bannon all’FBI segna la seconda volta in meno di due anni che si trova sotto accusa e sotto la custodia delle forze dell’ordine federali.

Nell’agosto 2020, gli agenti dell’FBI sono sbarcati su uno yacht di proprietà del miliardario cinese e sponsor finanziario di destra Guo Wengui per il suo arresto con l’accusa di aver derubato insieme ad altri co-cospiratori i sostenitori di Trump di milioni di dollari tramite una raccolta fondi online per costruire un finanziato privatamente muro lungo il confine tra Stati Uniti e Messico.

Le accuse sono state respinte nove mesi dopo, dopo che un giudice federale ha stabilito che un perdono dell’ultimo minuto di Trump ha assolto il suo ex consigliere, ma Bannon deve ancora affrontare accuse simili nello stato di New York se i pubblici ministeri scelgono di perseguirli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *