“Sta pompando”: l’adolescente neozelandese Matthew Garbet si unisce al Torino in Serie A

Matthew Garbet dribbla tra due difensori durante la partita della Nuova Zelanda contro il Giappone alle Olimpiadi di Tokyo.

Atsushi Tomura/Getty Images

Matthew Garbet dribbla tra due difensori durante la partita della Nuova Zelanda contro il Giappone alle Olimpiadi di Tokyo.

Il calciatore del Wellington Matthew Garbet potrebbe diventare il primo neozelandese a giocare nella popolare competizione calcistica italiana di Serie A.

Il 19enne si è unito alla Serie A Torino con un contratto a lungo termine dopo essersi assicurato un trasferimento dal club svedese di seconda serie Valkenburgs FF.

Nessun maschio neozelandese ha mai giocato nella competizione italiana di Serie A. La feroce attaccante Katie Rudd ha trascorso una stagione con la Juventus nel 2017, mentre Nico Kirwan attualmente gioca per il calcio Padova, club italiano di terza divisione.

Premier League svedese

Maze corre dal calciatore neozelandese Matthew Garbet che porta a un comico autogol.

Nonostante abbia firmato un contratto da prima squadra, Garbett partirà con l’Under 19 del Torino e partirà da lì.

Per saperne di più:
*Il centrocampista bianco Joe Bell legato a un trasferimento da 1 milione di dollari al club inglese
* La prossima Renault Piscopo? Wellington Phoenix firma il centrocampista italo-australiano
* Liberato Kacas felice di trascorrere il suo tempo in Belgio tra l’interesse della Juventus

“E’ davvero eccitato. Aveva due opzioni sul tavolo, una in Premier League”, ha detto il padre di Garbet, Andrew.

“Sentiva che il Torino aveva un buon piano in atto ed era un ambiente in cui poteva continuare a crescere e giocare il calcio che voleva.

“E’ carico. Ha firmato il contratto di prima squadra, ma vista l’età verrà inserito nell’Under 19 per capire il sistema, il gioco e l’ambiente.

READ  "L'Inter può vincere il girone in Champions"
Il giocatore più importante del Torino è il loro capitano, l'attaccante della nazionale italiana Andrea Belotti.

Marco Albuzi/AFP

Il giocatore più importante di Torino è il loro capitano, l’attaccante della nazionale italiana Andrea Belotti.

Il piano è farlo allenare con la prima squadra nei prossimi mesi, poi il suo piano con il club è di spingere la prima squadra a gennaio”.

Garbett è nato in Inghilterra ma è cresciuto sulla costa di Kāpiti prima di trasferirsi a Wellington per frequentare il Wellington College e continuare il suo sviluppo alla Ole Football Academy.

È stato finalista della Chatham Cup con i Western Suburbs prima di firmare il suo primo contratto da professionista con i Falkenbergs il 17.

Garbet era un membro della squadra neozelandese che ha raggiunto i quarti di finale delle Olimpiadi di Tokyo.

Matthew Garbet è pronto per passare al Torino dal club svedese Falkenburg.

Philip Rollo / Roba

Matthew Garbet è pronto per passare al Torino dal club svedese Falkenburg.

Ha iniziato a centrocampo nelle ultime due partite contro Romania e Giappone.

La Serie A è ampiamente considerata come uno dei primi cinque campionati in Europa insieme alla Premier League inglese, alla Ligue 1, alla Germania e alla Liga.

Chris Wood e Winston Reid giocano entrambi come giocatori in Premier League, mentre Sarpreet Singh gioca per i campioni di Germania del Bayern Monaco, ma attualmente è in prestito al club di seconda divisione SS Jan Regensburg.

Alcuni dei più grandi nomi del mondo giocano in Italia, in particolare la superstar portoghese Cristiano Ronaldo.

Il capitano del Torino Andrea Belotti faceva parte della squadra italiana che ha battuto l’Inghilterra in un’emozionante serie di calci di rigore per vincere il Campionato Europeo il mese scorso.

Il club è stato incoronato campione italiano in sette occasioni, l’ultima delle quali nel 1976.

“Con sua madre francese e suo figlio dall’altra parte del mondo, è sempre stato un sogno giocare a calcio professionistico”, ha detto Andrew Garbet.

“Penso che sapesse fin dalla tenera età che il suo sogno era un po’ più facile da navigare con questo passaporto europeo e che è vicino a vivere quel sogno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *