Spagna e Italia imbattute nelle semifinali di Euro 2020

Luis Enrique ha riflettuto per alcuni secondi, ha guardato direttamente l’interrogante e ha fornito frammenti di risposte.

No, ha detto l’allenatore della Spagna, con il viso più bello, dopo che gli è stato chiesto se avesse visto una squadra migliore della sua all’Europeo.

Una risposta da lealtà cieca? Probabilmente.

O è stato il fatto che la Spagna è stata la capocannoniere di Euro 2020? Poteva.

O il fatto che La Roja abbia una striscia di imbattibilità che dura fino a ottobre, una striscia di 13 partite? Molto probabilmente.

Gli avversari della Spagna nelle semifinali del Campionato Europeo di martedì potrebbero avere qualcosa da dire su tutto questo.

L’Italia, un’altra tradizionale potenza del continente, è andata meglio a Wembley, con un record di 32 partite imbattute, a partire da settembre 2018.

Dal momento in cui il tenore Andrea Bocelli è sceso in campo allo Stadio Olimpico dopo la sua sensazionale esibizione di Nessun Dorma alla cerimonia di apertura, aprendo la strada all’inizio del torneo, gli italiani hanno avuto ragione.

Tre vittorie impressionanti della fase a gironi, senza compromessi. Una vittoria audace contro l’Austria migliore del previsto agli ottavi di finale. La capolista Belgio è stata eliminata nei quarti di finale.

Luis Enrique potrebbe non saperlo, ma in questo momento l’Italia sta arrivando.

Questa potrebbe essere una partita tra squadre che hanno quasi dimenticato come si sentivano la Spagna ha una sola sconfitta nelle ultime 29 partite, ma l’Italia sembra avere il vantaggio su entrambe le estremità del campo.

Molto è cambiato da quando Roberto Mancini ha assunto la guida nel maggio 2018, poiché la squadra si è evoluta in un’unità ad alta potenza che preme forte e attacca a un ritmo veloce. Ma la difesa di Azure aveva bisogno di una piccola presentazione.

READ  Mubadala Abu Dhabi firma un accordo sull'idrogeno con la società italiana di infrastrutture energetiche Sanam

I formidabili terzini difensivi Leonardo Bonucci e Giorgio Chiellini sono ancora in piedi, come hanno fatto per più di un decennio, e l’Italia ha subito solo due gol finora.

Al contrario, la difesa spagnola è in lavorazione, mentre il difensore centrale Aymeric Laporte si integra dopo il trasferimento dalla Francia.

In attacco, l’attaccante Alvaro Morata continua a frustrare la Spagna e sembra che Luis Enrique debba ancora stabilire la sua ala preferita. Ma l’Italia ha prodotto una prestazione solida e affidabile dell’attaccante Ciro Immobile e dell’attaccante esterno Lorenzo Insigne, che ha segnato il secondo gol decisivo contro il Belgio.

È al centro del campo dove la Spagna può sfidare seriamente l’Italia, diventando la divisione che può vincere o perdere la partita. Jorginho e Nicola Barella e forse Marco Verratti per l’Italia contro Sergio Busquets e Pedri Gonzalez e Koke per la Spagna è un duello da vedere a sé stante.

Nessuna delle due squadre è arrivata così lontano in una grande competizione internazionale dal 2012, quando si sono incontrate nella finale del Campionato Europeo a Kiev. La Spagna ha vinto quella partita 4-0. Rimangono due giocatori per ogni nazione: Bonucci e Chiellini per l’Italia, e Jordi Alba e Busquets per la Spagna.

Quindi, mentre questa regione è tutt’altro che un territorio inesplorato per due paesi con nove titoli di campionati europei o mondiali in mezzo, lo è per la maggior parte dei giocatori coinvolti.

Aspettatevi che gli spagnoli possiedano la maggioranza del possesso, ma forse non tanto quanto sono abituati. Ci aspettiamo che gli italiani realizzino rapidi contropiedi da palle rotanti, cercando di mettersi alle spalle dell’anziano Busquets e attaccare la difesa centrale spagnola.

READ  I lavoratori di Amazon scioperano in Italia per richieste di consegne guidate dall'epidemia | Reuters | Attività commerciale

La vittoria della Spagna, che ha la squadra più giovane del torneo, pone la prospettiva di un terzo titolo europeo in quattro edizioni e forse l’inizio di un nuovo periodo di successi per un paese che ha dominato il calcio mondiale dal 2008-2012.

La vittoria dell’Italia significa sicuramente che la squadra di Mancini entrerà in finale da favorita, indipendentemente da chi vincerà la seconda semifinale tra Inghilterra e Danimarca.

(Il titolo e l’immagine di questo rapporto potrebbero essere stati rielaborati solo dallo staff di Business Standard; il resto del contenuto viene generato automaticamente da un feed condiviso.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *