SpaceX Starship resiste sotto pressione, un fuoco di prova ha allineato il motore Raptor

Dopo alcune false partenze e alcuni lievi ritardi, la sonda spaziale Model 11 (SN11) di SpaceX ha superato con successo due dei tre test principali che la separano dal decollo.

SpaceX ha portato il veicolo spaziale SN11 dalla fabbrica alla rampa di lancio l’8 marzo, solo cinque giorni dopo che il veicolo spaziale SN10 è diventato il primo prototipo del suo genere ad atterrare in un unico pezzo. Uno o due problemi con l’incendio del recente atterraggio del Raptor hanno causato l’atterraggio dell’SN10 più velocemente del previsto e alla fine il missile è crollato dopo circa 15 minuti. Tuttavia, il volo di prova è stato un successo quasi inequivocabile e sembra che abbia lasciato SpaceX con una fiducia più che sufficiente per accelerare i preparativi per il test del volo successivo.

Con l’avvicinarsi del giorno successivo, SpaceX sperava di iniziare un test a prova di congelamento, ma Starship SN11 richiedeva più attenzione del previsto e errori sconosciuti alla fine significavano che solo il test della pressione a temperatura ambiente poteva essere completato entro la fine della finestra di test. Questi problemi sembravano persistere fino alla fine del 10 marzo, impedendo qualsiasi tipo di tentativo di verifica.

L’11 marzo, la Starship SN11 ha preso la sua prima vera prova di raffreddamento ed è stata caricata con azoto liquido (LN2), un liquido raffreddato con una densità e una temperatura paragonabili all’ossigeno liquido e al carburante metano della Starship ma senza il rischio di un incendio o esplosione catastrofica. Nel corso di circa tre ore, SpaceX non sembrava caricare completamente l’SN11 con LN2, un possibile segno di un problema tecnico che potrebbe facilmente essere una parte prevista del progetto di prova.

Stranamente, parti del test serale erano diverse dalle precedenti prove di raffreddamento, e c’è una minima possibilità che l’attività fosse in realtà un costante tentativo di fuoco che era stato ripulito molto prima dell’accensione, sebbene sia impossibile dirlo senza ufficiale conferma.

Oltre a questo, la parte più notevole del Freeze Proof è stato il test Attitude Control System (ACS) dell’astronave SN11 che ha comportato il lancio di ciascuna delle esplosioni di azoto-gas con gas freddo nella nave non meno di 5-10 volte per un totale di diverse dozzine di raffiche. Le astronavi della generazione attuale utilizzano principalmente quei propulsori per aumentare i flap ed eseguire manovre del viso durante i tentativi di lancio e di atterraggio suborbitale, mentre i prototipi della classe orbitale possono utilizzare lo stesso sistema di propulsione per controllare la loro posizione nel vuoto dello spazio.

Se il test a prova di freddo della scorsa notte passa e fornisce a SpaceX i dati necessari per fornire all’SN11 un certificato di buona salute, la navicella tenterà probabilmente di lanciare il primo fuoco costante del motore Raptor all’inizio di venerdì 12 marzo. Storicamente, SpaceX non ha mai lanciato un prototipo della nave stellare meno di 12 giorni dopo l’arrivo del sito di lancio, il che significa che un fuoco costante domani batterà il record precedente di tre volte. In quanto tale, l’SN11 avrà probabilmente bisogno di un giorno o due e sarà pronto per un tentativo di tiro costante già lunedì 15 marzo.

In ogni caso, è innegabile che la Starship SN11 si trovi su una traiettoria più veloce rispetto a qualsiasi dei suoi predecessori a tre motori, e un fuoco costante e pulito venerdì o lunedì attiverà il lancio della prossima settimana – L’attuale obiettivo di SpaceX– in mano.

READ  Il nuovo aggiornamento Marvel's Avengers è stato rilasciato, le note sulla patch sono state rivelate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *