SpaceX sta per lanciare la sua prossima serie di satelliti Starlink – Spaceflight Now

Stazione di terra Starlink. Credito: SpaceX

Dopo aver superato luglio senza alcun lancio, SpaceX riprenderà le missioni ad agosto con i voli del razzo Falcon 9 dalla California e dalla Florida per iniziare a distribuire i satelliti Starlink su nuove orbite.

Diverse fonti hanno affermato che SpaceX si sta preparando a lanciare Starlink almeno due volte il mese prossimo, a partire dalla missione Falcon 9 in partenza dalla Vandenberg Space Force Base in California, entro e non oltre il 10 agosto. Un altro lancio di Falcon 9 è previsto per portare in orbita un gruppo di satelliti Starlink a metà agosto.

Sarà il primo SpaceX a essere lanciato dal 30 giugno, un divario insolitamente lungo nel fitto programma di lancio dell’azienda. SpaceX ha lanciato 20 missioni Falcon 9 nella prima metà dell’anno, principalmente per il programma Starlink dell’azienda.

L’ultima missione Falcon 9 per trasportare un carico utile completo di satelliti Starlink è avvenuta il 26 maggio.

Da allora, SpaceX ha attivato online centinaia di veicoli spaziali che sono stati portati in orbita nelle precedenti missioni Falcon 9, portando il numero di veicoli operativi Starlink da circa 950 satelliti a più di 1.300, secondo un rapporto. Analisi di Jonathan McDowell, un astronomo presso l’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics e un rispettato tracker delle attività di volo spaziale.

Più di 200 satelliti Starlink aggiuntivi si spostano verso le loro posizioni operative in un’orbita di 341 miglia (550 chilometri) sopra la Terra con un’inclinazione di 53 gradi rispetto all’equatore.

SpaceX ha ricevuto l’approvazione normativa dalla Federal Communications Commission per lanciare e far funzionare fino a 12.000 satelliti di trasmissione Internet. Le prime fasi della rete Starlink di SpaceX prevedono il lancio di 4.408 satelliti in cinque strati o missili orbitali in orbita terrestre bassa.

READ  Gli astronauti gestiscono più lavori sui pannelli solari nella terza passeggiata spaziale

Finora SpaceX ha lanciato 1.740 satelliti Starlink, inclusi prototipi che sono già stati ritirati, più di tutte le altre flotte di satelliti commerciali messe insieme. La maggior parte dei satelliti è stata lanciata in orbita con un’inclinazione di 53 gradi, il primo dei cinque “gusci” orbitali che la società prevede di completare il dispiegamento completo della rete Starlink.

Con questo proiettile sul punto di possedere più di 1.500 satelliti attivi, SpaceX si sta muovendo verso una nuova fase del programma Starlink.

Il completamento del primo “guscio” Starlink consentirà alla rete di fornire servizi Internet ad alta velocità e bassa latenza a basse latitudini, come il sud degli Stati Uniti. Il dispiegamento parziale del primo satellite orbitale a conchiglia inizialmente forniva il servizio sulle regioni settentrionali degli Stati Uniti, del Canada e dell’Europa, nonché alle latitudini più elevate nell’emisfero australe.

SpaceX, fondata e guidata dal miliardario Elon Musk, offre attualmente servizi Internet temporanei tramite i satelliti Starlink ai consumatori che si sono iscritti a un programma di beta test negli Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Germania, Nuova Zelanda, Francia, Austria, Belgio e Paesi Bassi.

Gli altri strati Starlink di SpaceX includeranno 1.584 satelliti a 335 miglia (540 km) e 53,2 gradi di inclinazione, 720 satelliti a 354 miglia (570 km) e 70 gradi di inclinazione e 520 satelliti distribuiti su due gusci a un’altitudine di 348 miglia (560) . chilometri) e un’inclinazione di 97,6 gradi.

La missione Starlink prevista per il lancio da Vandenberg il mese prossimo, nota come “Starlink 2-1”, inizierà a riempire una nuova crosta orbitale.

Un razzo Falcon 9 decolla dalla base aerea di Vandenberg il 21 novembre 2020 a bordo del satellite oceanografico Sentinel-6 Michael Freilich. Credito: SpaceX

L’implementazione di SpaceX con la FCC collegata ai collegamenti di telemetria del veicolo di lancio Starlink di Vandenberg indica che la piattaforma di atterraggio di supporto dell’azienda, o nave drone, sarà posizionata nell’Oceano Pacifico al largo della costa della Bassa California. La posizione della nave drone indica che il lancio avrà come obiettivo un’orbita di 70 gradi.

READ  La NASA ha chiesto un'indagine su una "meteora" scoperta nello stadio della scuola australiana - RT World News

Un’implementazione FCC simile al lancio Starlink del mese prossimo da Cape Canaveral mostra che la nave drone SpaceX si fermerà nell’Oceano Atlantico in linea con la traiettoria del missile diretta verso un’inclinazione di 53,2 gradi.

SpaceX ha recentemente spostato una delle sue navi senza equipaggio, chiamata “Of Course I Still Love You”, dalla Florida alla California per prepararsi alle imminenti missioni Starlink da Vandenberg. Settimane dopo, una nuova nave drone chiamata “A Shortfall of Gravitas” è arrivata a Port Canaveral per essere di stanza lì accanto alla nave drone “basta leggere le istruzioni”.

Altre missioni Starlink seguiranno il lancio a metà agosto. Si prevede che SpaceX lancerà una media di una missione Starlink al mese da Vandenberg nel prossimo anno, e ci sarà anche un ritmo regolare di voli Starlink da Cape Canaveral.

SpaceX non ha rivelato quali modifiche intende apportare alla prossima serie di satelliti Starlink, se presenti, che la società sta costruendo su una catena di montaggio in una struttura di sviluppo a Redmond, Washington. Un razzo Falcon 9 a pieno carico potrebbe portare in orbita 60 satelliti Starlink di prima generazione da un quarto di tonnellata in ogni missione, ma non è chiaro se quel numero potrebbe cambiare nei voli futuri.

A gennaio, Musk ha affermato che SpaceX offrirà collegamenti laser inter-satellitari a tutti i veicoli spaziali Starlink a partire dal 2022. I satelliti Starlink diretti in orbita polare quest’anno verranno aggiornati, su Twitter.

SpaceX ha lanciato 10 satelliti Starlink in un’orbita polare di 97,6 gradi in una missione di co-volo a gennaio. Altri tre payload Starlink sono stati lanciati in un’orbita simile il mese scorso in un successivo volo di condivisione.

READ  Gli scoiattoli vicino al lago Tahoe risultano positivi alla peste

Questi satelliti sono dotati di collegamenti laser inter-satellitari, che consentono ai veicoli spaziali di passare dati e traffico Internet tra loro senza instradarli attraverso una stazione di terra. L’aggiornamento consentirà a SpaceX di fornire una connessione Internet vicino ai poli e in altre aree prive di stazioni di terra.

Invia una mail all’autore.

Segui Stephen Clark su Twitter: Tweet incorporato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *