SpaceX si impegna a far atterrare il 75 ° razzo Falcon dopo aver lanciato altri 60 satelliti Starlink: Spaceflight Now

Un razzo Falcon 9 scompare in una coltre di nuvole poco dopo il lancio dal Kennedy Space Center della NASA all’inizio di giovedì. Credito: SpaceX

Un razzo SpaceX Falcon 9 lanciato attraverso una coltre di nuvole basse e foschia di luce, nel cielo sopra la costa della Florida all’inizio di giovedì e ha consegnato in orbita 60 satelliti Internet da Starlink. Il primo stadio del razzo è atterrato sulla piattaforma di atterraggio galleggiante di SpaceX nell’Oceano Atlantico per completare il suo ottavo volo nello spazio e ritorno.

Il razzo Falcon 9 da 229 piedi (70 m) ha lampeggiato e lanciato dalla piattaforma 39A del Kennedy Space Center alle 3:24:54 EDT (0824: 54 GMT). Quindici secondi dopo, la rampa di lancio a combustibile liquido è scomparsa su una superficie nuvolosa sopra lo spazioporto costiero, lasciando dietro di sé un flusso arancione che si attenua lentamente mentre i potenti motori principali del Falcon 9 ruggiscono.

Nella direzione nord-est, il Falcon 9 ha superato la velocità del suono e ha lasciato cadere il primo stadio booster circa due minuti e mezzo dopo il decollo. Un motore Merlin si è acceso nello stadio superiore per continuare il viaggio nello spazio, mentre il primo stadio è stato disceso in un atterraggio guidato a bordo del drone “Of Course I Still Love You” stazionato a circa 400 miglia (630 chilometri) da Cape Canaveral.

L’atterraggio di successo segna 75 recuperi intatti del missile Boosted Falcon da dicembre 2015. La missione booster di giovedì – designata B1049 – è stata lanciata ed è atterrata per l’ottava volta dopo il suo debutto nel settembre 2018, collegando un altro primo stadio al maggior numero di voli in SpaceX Express .

Booster Falcon 9 al precedente lancio di SpaceX il 15 febbraio Non è riuscito ad atterrare A bordo della nave drone dopo che uno dei suoi nove motori principali si è spento prematuramente mentre era a bordo.

Dopo aver raggiunto un’orbita di parcheggio iniziale, lo stadio superiore si è spostato a metà del globo prima di accendere nuovamente il motore per regolare l’orbita per un secondo sull’Oceano Indiano. 60 satelliti Starlink dallo stadio superiore del Falcon 9 sono stati schierati alle 4:29 EDT (0929 GMT) mentre volavano per 172 miglia (278 chilometri) sulla Terra a sud della Nuova Zelanda.

READ  La contea di Maricopa riporta il secondo decesso legato al virus del Nilo occidentale

Il lancio dell’obiettivo è avvenuto dopo una serie di ritardi che hanno fermato la missione dalla fine di gennaio. I ritardi sono stati dovuti alle condizioni meteorologiche e a problemi tecnici non specificati, e altre due missioni Falcon 9 con satelliti Starlink sono decollate dal vicino Pad 40 della Cape Canaveral Space Force Station mentre il volo dalla piattaforma 39A è rimasto sulla Terra.

Il cambiamento nell’ordine della missione significa che il lotto lanciato giovedì era sul volo Falcon 9 n. 20 destinato a trasportare satelliti Starlink, nonostante fosse classificato sulla gamma militare orientale come Starlink V1.0-L17. I lanci 18 e 19 si sono conclusi con il volo prima del numero 17.

I 60 satelliti Starlink, ciascuno del peso di circa un quarto di tonnellata, apriranno i loro pannelli solari e alimenteranno i motori a ioni Krypton per iniziare ad aumentare la loro altitudine a 341 miglia (550 km) nelle prossime settimane. A questa altitudine, i satelliti si uniranno a più di 1.000 satelliti Starlink attivi che volano in orbite inclinate di 53 gradi rispetto all’equatore, posizionandoli sopra quasi tutte le aree popolate del mondo.

SpaceX ha lanciato finora 1.205 satelliti Starlink con 60 nuove stazioni di ripetizione consegnate in orbita giovedì. Ma 63 Starlink sono stati intenzionalmente espulsi o rientrati nell’atmosfera dopo il fallimento, e altri 20 non stavano manovrando o sembravano decollare dall’orbita, secondo Conteggio satellitare Starlink da Jonathan McDowellÈ un rispettato astronomo e inseguitore dell’attività dei voli spaziali.

SpaceX è sulla buona strada per completare la pubblicazione del suo lotto iniziale di 1.584 stazioni Starlink, comprese le parti, entro la fine dell’anno. SpaceX non si fermerà qui, con l’intenzione di lanciare ulteriori “proiettili” orbitali dai satelliti Starlink in orbita polare per consentire la copertura globale, con una flotta di prima generazione di circa 4.400 veicoli spaziali.

READ  UAE Hope Mars probe: guarda dal vivo mentre la navicella spaziale che ha fatto la storia raggiunge il pianeta rosso

La Federal Communications Commission ha consentito a SpaceX di gestire fino a 12.000 satelliti Starlink.

L’azienda sta già fornendo un livello di servizio temporaneo su parti del territorio, come il Canada e le parti settentrionali degli Stati Uniti e del Regno Unito. Il beta testing dei servizi Starlink è già in corso con gli utenti in quelle regioni. SpaceX accetta anche preordini da parte dei consumatori Starlink, che possono pagare $ 99 per fare la fila per il servizio Starlink quando sarà disponibile nella loro zona. Per le persone negli Stati Uniti meridionali e in altre regioni a bassa latitudine, ciò dovrebbe arrivare entro la fine del 2021, afferma SpaceX.

Una volta confermato, i clienti pagheranno $ 499 per l’antenna e il modem Starlink, più $ 50 per la spedizione e la gestione, afferma SpaceX. L’abbonamento verrà eseguito $ 99 al mese.

Il booster SpaceX Falcon 9 si trova a bordo della nave drone “Of Course I Still Love You” dopo il lancio giovedì. Credito: SpaceX

“Starlink continua a migliorare con SpaceX che implementa infrastrutture e capacità aggiuntive, a un lancio medio di Starlink al mese, per aggiungere una capacità significativa in orbita insieme all’attivazione di portali aggiuntivi per migliorare le prestazioni ed espandere le aree di copertura del servizio in tutto il paese”, ha scritto SpaceX nel deposito .

Elon Musk, fondatore e CEO di SpaceX, ha twittato il 9 febbraio che Starlink di SpaceX sarebbe stato lanciato al pubblico una volta che avesse avuto un flusso di cassa prevedibile.

“Una volta che saremo in grado di prevedere ragionevolmente il flusso di cassa, Starlink diventerà pubblico”, ha scritto Musk in un tweet.

Fino ad allora, SpaceX spenderà denaro ad un tasso elevato per mantenere alta la distribuzione della rete di Starlink, dal lancio di satelliti a un ritmo medio ogni due settimane alla produzione di stazioni di terra per gli utenti. SpaceX ha affermato che l’intero progetto potrebbe costare più di $ 10 miliardi, ma Musk ha affermato che le opportunità di guadagno sono maggiori, fornendo risorse a SpaceX per sostenere i suoi audaci piani di inviare persone su Marte.

READ  The NASA Canadian Agreement illustrates how Artemis is a global launch

Il fulcro dei piani di SpaceX su Marte è un razzo di nuova generazione completamente riutilizzabile chiamato Starship, che la società afferma che alla fine sostituirà il razzo Falcon 9 e la navicella Dragon.

Il Falcon 9 è stato lanciato all’inizio di giovedì meno di mezza giornata dopo un volo di prova atmosferico per un prototipo dell’astronave dalla struttura di sviluppo SpaceX nel sud del Texas. Il veicolo di prova Starship ha effettuato un atterraggio controllato, il primo a far atterrare il veicolo spaziale da un’altitudine elevata, e un grande passo avanti per il programma missilistico.

Ma il prototipo è esploso pochi minuti dopo, spargendo detriti sul sito di atterraggio sulla costa del Golfo del Texas. Tuttavia, SpaceX ha dichiarato il test un successo.

Il fitto programma di lancio di SpaceX continua con la prossima missione Falcon 9 programmata per il lancio domenica sera dalla piattaforma 40 della stazione delle forze spaziali di Cape Canaveral con altri 60 satelliti Starlink. Quel volo è previsto per le 22:41 EST (0341 GMT di lunedì), seguito dal lancio di altri satelliti Falcon 9 con satelliti Starlink nelle prossime settimane.

Invia un’e-mail all’autore.

Segui Stephen Clark su Twitter: Incorpora un Tweet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *