SpaceX segna il riutilizzo del booster all’avvio di Starlink

SpaceX ha lanciato un lotto di satelliti Starlink il 9 maggio a bordo di un Falcon 9 che stava effettuando la prima tappa del suo decimo volo, un obiettivo tanto atteso negli sforzi dell’azienda per il riutilizzo.

Il Falcon 9 è decollato dallo Space Launch Complex 40 alla Cape Canaveral Space Force Station alle 2:42 ET. Lo stadio superiore del missile ha dispiegato il suo carico utile di 60 satelliti Starlink nell’orbita terrestre bassa dopo circa 65 minuti.

Il lancio, il terzo in meno di due settimane per SpaceX, porta il numero totale di satelliti Starlink in orbita a più di 1.550. La società sta gradualmente espandendo il suo programma di test pilota per il servizio Internet a banda larga man mano che la costellazione cresce. SpaceX ha indicato nel webcast del lancio di aver aperto questo programma di beta test la scorsa settimana a persone in Austria e Francia.

Il lancio in sé è stato degno di nota perché era la prima volta che il primo stadio Falcon 9 veniva lanciato 10 volte. Il Booster ha lanciato per la prima volta un volo di prova del Commercial Commercial Crew 1 nel marzo 2019. Successivamente ha lanciato la Radarsat Constellation Mission, il satellite SXM-7 per SiriusXM e sei missioni Starlink, l’ultima delle quali è stata il 14 marzo, prima di questo lancio.

SpaceX ha identificato molto tempo fa 10 voli come obiettivo per il riutilizzo del Falcon 9 al fine di giustificare il significativo investimento dell’azienda nel riutilizzo. Ma negli ultimi mesi, i dirigenti dell’azienda hanno suggerito che il missile booster può volare più di 10 volte.

READ  La navicella spaziale più veloce mai passata da Venere, inviando un'incredibile cartolina

“Non sembra esserci alcun limite chiaro al riutilizzo del veicolo”, ha detto Elon Musk, CEO di SpaceX, in una conferenza stampa tenuta dalla NASA il 23 aprile dopo il lancio di Crew-2.

L’azienda utilizza le sue missioni Starlink per ampliare i confini del riutilizzo avanzato. Ha rivelato problemi, come È stato lanciato a febbraio quando il payload Starlink aveva raggiunto l’orbita ma il booster non è riuscito ad atterrare. Questo booster stava compiendo il suo sesto volo, ma alcuni componenti del motore, come “scarpe” o cappucci attorno ai motori, furono i pionieri nella vita. Uno di questi cappucci aveva un’apertura che consentiva il gas caldo dallo scarico del motore ad altre parti del motore, provocando un arresto che impediva la discesa dello stadio.

“Intendiamo far volare il Falcon 9 fino a quando non vedremo un qualche tipo di fallimento nelle missioni Starlink, che è un leader per la vita”, ha detto Musk nel briefing, indicando al momento che il decimo volo del booster era il prossimo. “Stiamo imparando molto sul riutilizzo. È un problema difficile per i missili”.

SpaceX non ha rivelato se proverà a utilizzare questo boost per un undicesimo lancio, ma l’atterraggio riuscito almeno preserva questa possibilità. “Questo booster tornerà a vivere”, ha detto Michael Andrews, l’ospite del webcast del lancio di SpaceX, poco dopo l’atterraggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *