SpaceX lancia la 25a missione della rete Internet Starlink: Spaceflight Now

Altri 60 satelliti Internet sono volati da Starlink in orbita a bordo di un razzo Falcon 9 all’inizio di mercoledì dalla Cape Canaveral Space Force Station in Florida, la 25a missione per lanciare un veicolo spaziale per la rete a banda larga di SpaceX.

Il Falcon 9 è decollato dalla piattaforma 40 mercoledì alle 04:28:24 EST (0828: 24 GMT) alimentato da nove motori principali a cherosene Merlin 1D. I motori a razzo hanno diretto il missile a nord-est di Cape Canaveral con una spinta di 1,7 milioni di libbre.

Dopo aver attraversato uno strato di nuvole ad alta quota, il lanciatore del primo stadio ha lasciato cadere il suo booster e ha acceso un motore di secondo stadio per accelerare i sessanta satelliti Starlink in orbita.

Nel frattempo, il booster di 15 piani è atterrato su un atterraggio mirato a bordo di una nave drone SpaceX di stanza nell’Oceano Atlantico a circa 400 miglia (630 chilometri) a nord-est della costa spaziale della Florida. La piattaforma di atterraggio tornerà a Port Canaveral per SpaceX per controllare il booster, rigenerarlo e riutilizzarlo per un altro volo.

Il booster utilizzato nella missione di mercoledì – designato B1060 nella flotta SpaceX – ha compiuto il suo sesto volo nello spazio e ritorno dal suo debutto lo scorso giugno. Questo è stato il 78 ° richiamo riuscito dell’Enhanced Falcon dal 2015.

Un razzo Falcon 9 è decollato nello spazio mercoledì all’inizio della Cape Canaveral Space Force Station. Credito: SpaceX

La copertura del carico utile simile a un guscio che copriva i satelliti Starlink avrebbe dovuto scendere durante i primi minuti del volo con il paracadute verso l’Atlantico, poiché la nave di soccorso pianificava di ripristinare le metà della crociera per riportarle in Florida per la ristrutturazione.

READ  Come ha fatto questo teschio a finire da solo in una grotta in Italia? Finalmente abbiamo una risposta

Il motore del secondo stadio ha messo in orbita di attesa lo stack di satelliti Starlink circa nove minuti dopo il decollo. Il missile ha attraversato l’Oceano Atlantico, ha sorvolato l’Europa e il Medio Oriente, quindi ha riavviato il motore per bruciare per un secondo sull’Oceano Indiano.

Il razzo ha dispiegato 60 satelliti a banda larga a piastra piatta poco più di un’ora dopo la missione alle 5:13 EDT (0913 GMT), pervadendo il lancio del 9 Falcon 9 dello SpaceX di quest’anno e il quarto dall’inizio di marzo.

Questo è stato il 23 ° lancio del Falcon 9 destinato a dispiegare i satelliti Starlink. Altre due missioni trasportavano carichi utili Starlink come passeggeri secondari.

L’imminente Falcon 9 di SpaceX dovrebbe essere lanciato all’inizio di aprile per portare in orbita un altro lotto di satelliti Starlink, con il ritmo veloce delle missioni che continuano.

Il lancio di mercoledì è stato il volo 120 del missile Falcon, 15 anni dopo il giorno dopo il primo lancio del razzo SpaceX Falcon 1 il 24 marzo 2006. Il Falcon 1 ha fallito pochi secondi dopo il decollo, a causa di una perdita di carburante e un incendio del motore che ha causato il missile cade vicino alla rampa di lancio su un’isola nell’atollo di Kwajalein nell’Oceano Pacifico.

SpaceX ha eseguito 87 missioni consecutive riuscite con i suoi missili pesanti Falcon 9 e Falcon da quando un’esplosione pre-lancio ha distrutto un missile su un satellite di comunicazione israeliano di proprietà israeliana nel settembre 2016. Per non parlare di questo incidente, SpaceX ha assemblato una serie di 96 successivamente ha lanciato Falcon Dall’ultimo guasto al volo alla fine della missione.

READ  La Cina rivela le prime immagini di Marte scattate dal rover Zhurong
Il razzo Falcon 9 viene lanciato mercoledì alle 4:28:24 EST (0828: 24 GMT) dal binario 40 della stazione delle forze spaziali di Cape Canaveral. Credito: Stephen Clark / Spaceflight Now

Con il lancio di SpaceX mercoledì, ha inviato in orbita 1.385 satelliti Starlink in una serie di missioni Falcon 9. Alcuni di questi satelliti erano prototipi, sono tornati nell’atmosfera e sono bruciati. Jonathan McDowell, astronomo presso l’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics e prestigioso tracker di attività di volo spaziale, ha detto che SpaceX aveva ancora circa 1.260 satelliti Starlink in orbita prima della missione domenicale.

La rete Starlink potrebbe eventualmente contare più di 10.000 satelliti, ma la prima tranche di Starlink conterrebbe 1584 satelliti in orbita attorno a 341 miglia (550 km) sopra la Terra su sentieri inclinati di 53 gradi rispetto all’equatore. I 60 nuovi satelliti lanciati mercoledì dispiegheranno i loro pannelli solari e attiveranno motori a spinta ionica alimentati da krypton per aumentare la loro altitudine prima di entrare in servizio nella rete Starlink.

SpaceX ha ricevuto l’approvazione dalla Federal Communications Commission per circa 12.000 satelliti Starlink a una gamma di altitudini e miglia, tutti entro poche centinaia di miglia dal pianeta. La bassa quota dei satelliti consente di fornire connettività ad alta velocità e bassa latenza ai clienti e aiuta a garantire che il veicolo spaziale ritorni naturalmente nell’atmosfera più velocemente che se stesse volando via dalla Terra.

Starlink offre già un servizio di prova temporaneo in regioni ad alta latitudine, come gli Stati Uniti settentrionali, il Canada e l’Inghilterra. L’ulteriore lancio di Starlink quest’anno consentirà l’espansione dell’area di copertura.

SpaceX ha annunciato all’inizio di questo mese che il suo servizio pilota Starlink inizierà presto a raggiungere i clienti in Germania, Nuova Zelanda e in altre regioni del Regno Unito, tra cui Galles, Scozia, Irlanda del Nord e Inghilterra settentrionale. SpaceX ha affermato che queste regioni potrebbero ricevere un servizio di prova nelle “prossime settimane”.

READ  Terrible wolves are not wolves at all - they form a distinct breed with jackals

SpaceX accetta preordini da potenziali consumatori Starlink, che possono pagare $ 99 per fare la fila per il servizio Starlink quando sarà disponibile nella loro zona. Per le persone negli Stati Uniti meridionali e in altre regioni a bassa latitudine, ciò dovrebbe arrivare entro la fine del 2021, afferma SpaceX.

Una volta confermato, i clienti pagheranno $ 499 per l’antenna e il modem Starlink, più $ 50 per la spedizione e la gestione, afferma SpaceX. L’abbonamento verrà eseguito $ 99 al mese.

I satelliti Starlink sono stati costruiti da SpaceX a Redmond, Washington, e ogni navicella pesa circa un quarto di tonnellata al decollo. Una pila a pieno carico di 60 satelliti Starlink pesa circa 34.400 libbre o 15,6 tonnellate metriche.

SpaceX ha dotato le versioni più recenti dei satelliti di maschere per attenuare la loro luminosità alle persone sulla Terra. Gli ingegneri hanno cambiato i satelliti Starlink lo scorso anno dopo che gli astronomi avevano sollevato preoccupazioni sul fatto che il veicolo spaziale potesse distruggere alcune delle osservazioni telescopiche.

Invia un’e-mail all’autore.

Segui Stephen Clark su Twitter: Incorpora un Tweet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *