SpaceX Falcon 9 viene lanciato con successo con 60 nuovi satelliti Starlink

SpaceX Il razzo Falcon 9 ha lanciato con successo 60 nuovi missili Satelliti Starlink Giovedì mattina presto.

Il booster Falcon 9 è decollato Kennedy Space Center della NASA a Florida Sono le 3:24 ET, poche ore dopo il lancio del razzo della nave spaziale Esploso Dopo aver completato un volo di prova in alta quota Texas Mercoledì.

L’apparizione di un “uragano spaziale” per la prima volta nell’atmosfera superiore della Terra

Il razzo Falcon 9 è tornato Sbarcare E il Bloccato a cadere Dopo circa otto minuti e mezzo a bordo della nave drone SpaceX “Of Course I Still Love You”, che galleggia a poche centinaia di miglia in oceano Atlantico.

“Questo sarà il nostro settantacinquesimo recupero di un missile orbitale e l’ottavo per questo particolare booster”, ha annunciato l’ingegnere di propulsione di spaceX Dragon Youmei Zhou durante una trasmissione di lancio dal vivo.

Giovedì lancio Ha anche celebrato il volo 109 in generale per il missile ammiraglia di SpaceX, Secondo Space.com.

Sessanta satelliti sono stati dispiegati poco più di un’ora dopo il lancio.

L’attesissimo lancio è già stato posticipato tre volte questa settimana, ed è stato interrotto a causa del funzionamento spontaneo e scadente Condizioni meteoE il NASASpacelight.com segnalato Giovedi.

Questa è la sesta missione dell’azienda quest’anno e la sua ventesima missione Starlink.

Già là Più di 1.200 satelliti Starlink In orbita – alcuni di loro non sono più operativi – rendendo la più grande costellazione di satelliti, Secondo Fox 35 Orlando.

All’inizio di quest’anno, Accesso a SpaceX aperto Per satelliti a membri del pubblico in un’area di servizio esistente o pianificata utilizzando un sistema di prenotazione pre-ordine.

READ  Il video del rover Curiosity della NASA mostra una nuova vista panoramica di Marte

L’azienda prevede di lanciare Decine di migliaia Per creare copertura, capacità di rete e velocità.

Clicca qui per applicare FOX NEWS

In un tweet del 22 febbraioMusk ha affermato che la costellazione fornirà una copertura attiva della maggior parte della Terra entro il 2021 e una copertura globale completa entro il 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *