SpaceX consente a SpaceX di riutilizzare i missili per le missioni militari

Immagine composita che mostra il booster Falcon 9 che decolla e atterra pochi minuti dopo vicino alla rampa di lancio.

spazioX

Il prossimo lancio di SpaceX segnerà una pietra miliare, il Pentagono lo consente Elon Musk Un’azienda manda in orbita un satellite della sicurezza nazionale con un razzo riutilizzato per la prima volta.

SpaceX è impostato per lanciare il satellite GPS III SV05 della Space Force giovedì dalla Florida, utilizzando un razzo Falcon 9 che ha lanciato il satellite GPS III SV04 lo scorso novembre. I razzi Falcon 9 dell’azienda possono essere parzialmente riutilizzati, con SpaceX che dirige regolarmente i booster – la parte più grande e più costosa del razzo – e poi li lancia di nuovo.

“In preparazione per questo primo evento, abbiamo lavorato a stretto contatto con SpaceX per comprendere i lavori di ristrutturazione e siamo fiduciosi che questo razzo sia pronto per il suo prossimo volo”, ha detto ai giornalisti il ​​dott. Walter Lauderdale, vice direttore della missione per lo US Space Force Systems Center. durante un briefing lunedì.

Il Pentagono ha assegnato a SpaceX cinque dei sei contratti di lancio GPS III fino ad oggi, con l’unica missione GPS III SV02 lanciata dalla rivale United Launch Alliance – la joint venture per costruire razzi in Boeing E il Lockheed Martin. I cinque contratti di lancio ammontano a $ 469,8 milioni e originariamente non includevano l’opzione di SpaceX di riutilizzare i razzi Falcon 9.

Come suggerisce il nome, i veicoli spaziali GPS III sono sostituti dei 31 satelliti attualmente in orbita.

Lo scorso anno lo Space and Missile Systems Center ha modificato i contratti per il lancio da parte di SpaceX del suo prossimo satellite GPS III per consentirne il riutilizzo, una mossa che i militari hanno stimato farebbe risparmiare circa 64 milioni di dollari.

READ  Scoperte "incredibili" dimostrano gli uragani di plasma spaziale | Notizie di scienza e tecnologia

In particolare, SpaceX ha chiesto a SpaceX di utilizzare lo stesso booster per lanciare l’SV05 che ha lanciato il satellite SV04. Ma il Dr. Lauderdale ha affermato che lo Space and Missile Systems Center non ha “altre restrizioni” su come l’azienda può utilizzare il booster Falcon 9 in futuro, e ha sottolineato che la Space Force è anche aperta al volo di carichi utili per la sicurezza nazionale su booster non militari. missioni.

Continuiamo a lavorare con [SpaceX] In attesa della missione SV06 del prossimo anno… lavoreremo con loro per vedere quali booster sono disponibili”, ha affermato il dott. Lauderdale. “Siamo decisamente aperti all’utilizzo di altri rinforzi e non solo di quelli che sono stati spostati [for Space Force]. “

Un razzo Falcon 9 che è atterrato dalla missione SpaceX Demo-2 è tornato a Port Canaveral, in Florida.

spazioX

La mossa segna un altro passo avanti nelle forze armate statunitensi che abbracciano la pratica di riutilizzo dei missili di SpaceX, in cui il governo in precedenza richiedeva all’azienda di utilizzare nuovi missili e smaltire i booster nell’oceano, la pratica tradizionale nel settore dei lanci.

Il Dr. Lauderdale ha affermato che lo Space and Missile Systems Center ha lavorato per consentire il lancio di razzi riutilizzabili negli ultimi cinque anni e ha stabilito nuovi requisiti. Ha sottolineato che il centro ha esaminato più di 440 modifiche al booster e ha completato più di 380 passaggi raggiunti prima del lancio.

“Nel complesso, il nostro approccio disciplinato fa parte di una dedizione incessante al raggiungimento di una missione di successo una volta alla volta”, ha affermato il dott. Lauderdale.

READ  Una serie di meteoriti nel cielo del Vermont questo fine settimana

Il lancio di giovedì sarà la terza delle missioni del National Security Space Launch Program della Space Force per far atterrare anche il razzo.

Diventa un investitore più intelligente con CNBC Pro.
Ottieni scelte di titoli, chiamate di analisti, interviste esclusive e accesso a CNBC TV.
Iscriviti per iniziare Prova gratuita oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *