Sospetto sito di discarica trovato contenente 27.000 barili di DDT al largo della costa della California | Notizie dagli Stati Uniti

Sono stati trovati circa 27.000 oggetti – probabilmente barili contenenti il ​​pesticida vietato DDT – scaricati al largo della California.

Il sito, vicino all’isola Catalina ea 12 miglia da Los Angeles, è stato a lungo sospettato di essere un sito di rifiuti tossici risalente alla seconda guerra mondiale.

Alti livelli di DDT sono stati rilevati nei mammiferi marini della zona ed è stato anche collegato ai granchi nei leoni marini.

Circa 27.345 immagini “simili a barili” sono state identificate da un drone sottomarino sotto la guida dello Scripps Institute of Oceanography presso l’Università della California, San Diego.

I ricercatori hanno utilizzato il sonar per mappare più di 36.000 acri tra la costa di Los Angeles e l’isola Catalina.

Hanno iniziato dove sono stati scoperti 60 barili un decennio fa.

Eric Terrell, capo della spedizione, ha detto che la nuova scoperta ha mostrato una massa di barili 900 metri (3.000 piedi) sotto la superficie e ha coperto un’area “sorprendente”.

Più di 100.000 “detriti totali” sono stati trovati sul fondo del mare, hanno aggiunto i ricercatori.

I registri di spedizione mostrano che le aziende industriali lo usarono come piattaforma di scarico fino al 1972, quando fu introdotto l’Ocean Dumping Act che bandì il DDT.

Si stima che siano state scaricate 350-700 tonnellate, ma spetta ad altri confermare con il campionamento se i barili contengono il pesticida.

immagine:
La discarica si trova a circa 12 miglia da Los Angeles. Pic: Scripps Institution of Oceanography presso l’Università della California, San Diego.

L’effetto a lungo termine del DDT sulla vita marina è ancora sconosciuto, ha detto il chimico oceanografo Scripps e il professore di scienze della terra Lihene Aloheer.

READ  Coronavirus Live News: il bilancio delle vittime in India supera le 300.000; Taiwan denuncia "l'indifferenza" dell'OMS dopo l'incontro di disprezzo notizie dal mondo

Ma a dosi elevate, questa sostanza è considerata un possibile cancerogeno per l’uomo, e gli studi hanno anche indicato “effetti riproduttivi”, secondo l’Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti.

Diana Agha, una professoressa di chimica presso l’Università di Buffalo, ha detto che i barili possono essere spostati in un luogo più sicuro se non vengono fuoriusciti.

In caso di perdite, è possibile utilizzare campioni di sedimenti, acqua e vita marina per valutare il danno.

Il sondaggio, condotto dal 10 al 24 marzo, segue un rapporto del Los Angeles Times dello scorso anno.

Il documento ha rivelato i registri di spedizione di Montrose Chemical Corp. che mostravano 2.000 barili di rifiuti contenenti DDT venivano scaricati nell’oceano ogni mese dal 1947 al 1961 al largo di Catalina, e che altre società venivano scaricate lì fino al 1972.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *