“Sono scettico sulla proprietà dei tifosi dell’InterSpac nell’Inter”


Il giornalista italiano Matteo Marani ha espresso le sue opinioni sull’iniziativa InterSpac per portare un modello di contributo popolare alla proprietà nerazzurra.

Parlando alla radio italiana Sky Sport Italia, Marani ha chiarito di essere scettico sulla fattibilità di passare a un modello di proprietà dei tifosi per un club italiano come l’Inter, sostenendo che non è qualcosa che ha precedenti storici nel paese.

InterSpac è un progetto introdotto dall’economista e tifoso dell’Inter Carlo Cottarelli tra gli altri, che mira a portare le azioni nerazzurre nelle mani dei tifosi piuttosto che il controllo di un unico proprietario.

Tuttavia, Marani si chiede se gli obiettivi di un simile progetto potranno mai avere successo.

Per lui, un club come l’Inter è troppo grande e complesso per essere gestito nel modo in cui suggerisce il concetto di InterSpac e richiede una leadership più diretta che una persona per operare.

Marani ha dichiarato la proprietà delle azioni popolari dell’Inter:

Lo trovo così difficile e poco pratico che non ci sono precedenti storici per questo. Non siamo il calcio tedesco dove la proprietà è diffusa. Qui c’è un principio di funzionamento diverso, c’è un titolare che sostiene finanziariamente il club».

Ha proseguito: “E’ un’idea interessante, che non voglio scartare ma sono scettico per l’esperienza e la storia del calcio italiano, soprattutto di una grande squadra come l’Inter, che è poco pratica e costosa.

“Forse come supporto per i titolari che guidano, ma la dirigenza del club è diversa”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *