Soldati francesi affrontano un tribunale militare per una lettera di avvertimento di una “guerra civile” | Francia

Almeno 18 soldati hanno firmato una lettera aperta di avvertimento del pericolo di “guerra civile” in Francia La necessità di combattere i “pericoli” dell ‘”islamismo” e dell’ “antirazzismo” sta affrontando sanzioni militari, nel mezzo di un’aspra disputa tra il governo e l’estrema destra.

La lettera aperta, pubblicata dalla rivista di destra Valeurs Actuelles, metteva in guardia contro i “pericoli” dell ‘”islamismo e legioni di periferia” e accusava gruppi antirazzisti di fomentare “l’odio intercomunitario” sostenendo l’abbattimento delle statue di figure francesi. Dai tempi coloniali.

La lettera – firmata da almeno 18 soldati, tra cui quattro ufficiali, e un certo numero di personalità militari in pensione – affermava che le politiche “lassiste” del governo avrebbero portato al caos, richiedendo “l’intervento dei nostri compagni in servizio attivo in una rischiosa missione di proteggere i nostri valori culturali “.

Il capo di stato maggiore delle forze armate, il generale Francois Lecointer, ha detto che ogni soldato sarebbe comparso davanti a un grande consiglio militare e potrebbe essere “rimosso dalla lista” o “ritirato immediatamente”. Giovedì, il portavoce del ministero della Difesa Herve Grandjin ha affermato che “criticando apertamente il governo o facendo appello ai compagni affinché imbracciano le armi sul territorio nazionale”, i firmatari hanno chiaramente violato le regole militari.

La lettera ha fatto arrabbiare il governo francese in quanto leader di estrema destra Marine Le Pen Ha detto di aver compreso i sentimenti e ha invitato i firmatari a sostenere la sua politica e la sua candidatura alla presidenza francese nel 2022.

Con Harris Interactive Sondaggio di giovedì per LCI TV Dimostrato che il 58% dei francesi era d’accordo con il sentimento espresso nella lettera, il tono era stato fissato per un dibattito politico sempre più aspro un anno prima delle elezioni del 2022.

READ  I repubblicani tesi guardano come Donald Trump si prepara per il suo primo discorso da quando ha lasciato la Casa Bianca

Le Pen ha lanciato la sua intensa campagna mediatica per la presidenza davanti ai principali candidati di destra e di sinistra, che devono ancora essere identificati. Attualmente i sondaggi mostrano che è arrivata all’ultimo round contro Emmanuel Macron, che l’ha battuta nel 2017 in una dichiarazione centrista.

Il governo ha usato la disputa per attaccare Le Pen, che ha trascorso un decennio cercando di “disintossicare” l’immagine del partito di estrema destra e di espandere notevolmente la sua base di appoggio. Corteggiando i firmatari, ha detto il governo, Le Pen si è rivelata una figura pericolosa, immutata rispetto alla reputazione del partito che era stato attaccato sotto il padre, l’ex paracadutista Jean-Marie Le Pen.

Lo ha detto il ministro dell’Interno Gerard Darmanen Marine Le Pen Apparentemente ha mantenuto il “talento” di suo padre per le scarpe da trekking.

Le Pen ha prima fornito una risposta scritta ai firmatari della lettera aperta, dicendo: “Vi invito a unirvi a noi nella partecipazione alla prossima battaglia, che è la Battaglia di Francia”.

Ciò ha attirato critiche sia da sinistra che da destra ed è stato descritto dal quotidiano di sinistra Liberation come un “appello alla discordia”. Le Pen in seguito ha detto a Radio France Info che mentre i soldati hanno partecipato alla diagnosi di un paese che soffre di “fuorilegge, criminalità, odio per se stessi e rifiuto del patriottismo da parte dei nostri leader”, ha convenuto che “questi problemi possono essere risolti solo dalla politica. “

Sua nipote Marion Marechal, una giovane figura di estrema destra, ha detto giovedì che non credeva che la lettera aperta fosse un invito alla rivolta, aggiungendo: “Penso che abbiamo bisogno di soldati nel dibattito pubblico”.

READ  La Corte Europea dei Diritti Umani chiede alla Russia di rilasciare Alexei Navalny per motivi di sicurezza | notizie dal mondo

I ministri del governo hanno affermato che i firmatari erano una minoranza isolata e indipendente nell’esercito.

La lettera è stata pubblicata la scorsa settimana in occasione del 60 ° anniversario del fallito colpo di stato dai generali contrari alla concessione dell’indipendenza della Francia all’Algeria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *