Skoda Enyaq iV 60 Suite 2021 UK Recensione

C’è anche un’area vetrata molto ampia, che rende l’interno arioso. In particolare, il parabrezza, che è spinto in avanti così tanto che l’MPV è più di un SUV. Forse il numero di aree attraversate da questo incrocio è senza precedenti.

La finitura è robusta, i materiali sembrano rigidi anche se non lisci, e c’è un semplice cruscotto digitale e, forse ovviamente, un touchscreen centrale di massa. Almeno la temperatura viene visualizzata in modo permanente e abbastanza grande per una semplice pugnalata con le dita. Il cruscotto è sagomato in modo da poterci appoggiare la mano mentre si premono i quattro pulsanti necessari per spegnere la pista esasperante.

Negli anni ’80, c’è la possibilità di paddle al volante, che aumentano o diminuiscono la quantità di freno motore. Questo è stato rifiutato a 60 acquirenti, il che è un peccato se ti piace guidare perché ti dà qualcosa da fare. Così com’è, c’è l’opzione automatica, che considera i crossover anteriori e spesso prevede bene i livelli di minimo, o due alternative standard ai regimi: molto facili e non del tutto costose.

In ogni caso, non c’è la guida con un solo pedale. Striscerà a meno che non freni fino a fermarsi. Non si disturbi. La trasmissione ha una risposta fluida e lineare in entrambi i casi, in un modo che si adatta perfettamente a una Skoda. Come nello sterzo, è preciso, moderatamente equilibrato e consistente.

Ovviamente, poiché l’auto è a trazione posteriore, non c’è resistenza alla coppia sulla ruota durante lo spegnimento, ma questo è probabilmente l’unico indizio su quali ruote vengono guidate. L’Enyaq si rivela abbastanza buono, perché nonostante il suo peso elevato, il peso è basso nella parte centrale, ma è un compagno piacevole, non eccitante.

READ  Hardspace: l'aggiornamento Shipbreaker rinnova la sua storia e il tutorial

Si guida anche decentemente; Penso che gli anni ’60 siano migliori degli anni ’80, con un po’ più di conformità (anche se gli anni ’80 che ho provato indossavano cerchi da 21 pollici fino agli anni ’60, entrambi opzionali) e un controllo del corpo decisamente migliore. 60 richiede un “whump” per stabilirsi dopo un massimo o un minimo. 80 vuole un colpo e mezzo. Gli anni Sessanta sono l’auto più soddisfacente da guidare, anche se non andrà molto lontano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *