Sipario nel 70 ° anno storico

È stato un periodo impegnativo di 13 mesi nel campo delle arti, non solo in Irlanda, ma anche in Italia, dove vive Rosita Kochi, direttrice artistica dell’opera del Wexford Festival. “Con i teatri chiusi, non è stato facile”, dice. “Ma, in effetti, ho recentemente portato a termine un progetto molto entusiasmante. Abbiamo realizzato un’opera, di Cilea Adriana Lecouvreur. L’opera, che risale al 1902, prende il nome dall’attrice francese del XVIII secolo Adrienne Lecouvreur, che era famosa per lei naturalezza nel suo stile. “” Abbiamo unito il mondo dell’opera e del teatro. Stavamo lavorando al Teatro Comunale di Bologna e abbiamo deciso di utilizzare l’intero teatro, non solo il teatro. Abbiamo trasformato l’intero spazio nel nostro gruppo, corridoi, palchi, foyer. Abbiamo fatto un vero film nel teatro del XVIII secolo. È stato un passo avanti nell’idea di realizzare un film d’opera “.

Attualmente sta lavorando a La Griselda del regista Alessandro Scarlatti (il padre di Domenico, che ha celebrato per la Sonata Clavicembalo) per la sua performance di luglio, “e finalmente potremo farlo davanti a un pubblico dal vivo”. “Stiamo anche progettando di realizzare un cortometraggio su Griselda per le strade di Martina Franca [in the heel of Italy], Bellissimo posto, tutto bianco come il litchi [which is known as the Florence of the South]E ti fa sentire come se fossi nel passato. Ora che il mondo si sta muovendo di nuovo, questo è un sollievo per gli artisti. È come l’aria fresca. “

Pensi che l’Italia sia stata molto attiva nell’aggregazione di spettacoli e trasmissioni. Nel primo periodo della pandemia, “i teatri non si fermavano. Non potevano far entrare il pubblico. Ma i concerti e le opere sono continuate. È stato fantastico per gli artisti italiani ed europei poter lavorare e avere l’esperienza di essere sul palco. Bisogna stare molto attenti, ma il teatro è un luogo sicuro “. Paragona il lavoro in teatro alla folla immensa che si cimenta in Piazza del Duomo a Milano per festeggiare dopo la recente vittoria dell’Inter. Lavoravano ad Adriana più di 50 persone. Lecouvreur Nessuno è rimasto ferito. Non è sicura che il teatro tornerà com’era, “ma non possiamo restare chiusi”.

READ  L'auto più iconica del film: 24 ore su 24, 7 giorni su 7 Wall St.

Ovviamente, la vita operistica è stata seriamente compromessa, anche nel paese in cui è nata l’opera. “I cantanti potevano pensare di diventare camerieri, ma i ristoranti chiudevano. Dovevano reinventarsi. I cantanti che avevano una professione a un certo livello andavano bene. Ma i cantanti all’inizio della loro carriera erano davvero in grossi guai”, ha detto. dice.

È stata in giuria per un test, di recente, dove ha sentito molti giovani cantanti: “La qualità è diminuita.” All’inizio non ho capito perché, poi l’ho capito. Per un anno le loro macchine non sono state è davvero acceso. È come un giocatore di calcio o un ginnasta che potrebbe essere Ha praticato uno sport ma non l’ha fatto bene. Il loro livello di tecnica è diminuito. È molto importante per loro avere l’opportunità di iniziare a lavorare immediatamente. Altrimenti, il l’effetto continuerà su di loro “.

L’anno scorso il Wexford Festival Opera è stato molto fortunato. La pandemia è stata dichiarata a marzo e c’è stato tempo per aggiustare e rimontare le date del festival in ottobre. Il festival ha riprogrammato il suo programma 2020 al 2021 e ha sostituito uno spettacolo online e all’aperto.

EDMIA

Il programma originale del 2020 intitolato Shakespeare doveva essere nuovamente compresso per tenere conto di potenziali limitazioni. “Il mio arrivo come Art Director a Wexford per pianificare il festival del 2020 è stato come un battesimo con il fuoco. Il giorno dopo la fine dello scorso ottobre, l’Irlanda ha chiuso di nuovo i battenti. Siamo stati davvero fortunati a poter inserire qualcosa che la trasmissione numeri e spettatori dicono che stava funzionando “.

READ  Lanciato a Milano il nuovo Netflix originale italiano con protagonista "Fedeltà"

Per il 2021, “dovevo essere ottimista”, dice. Relativamente bene. Ho mantenuto le tre rappresentazioni liriche originali l’anno scorso, “ma in versioni ridotte. Non sappiamo dove saremo in agosto, settembre o ottobre. Ma sicuramente se aspetto fino a luglio per decidere, sarà troppo tardi. Lo spettacolo deve essere pianificato in anticipo. ” Il pubblico di 200 persone è tanto quanto ci si aspetterebbe di essere in grado di accogliere quando il festival di quest’anno si aprirà martedì 19 ottobre.

La regista Rosita Cucci intende utilizzare l’anniversario per promuovere la lunga storia dell’Opera di Wexford.

Tra le opere di quest’anno, l’opera più vicina al suo cuore è Edmea (1886) di Alfredo Catalani, il compositore che ha eseguito la sua opera più famosa, La Wally, la famosa canzone del film Diva del 1981 di Jean-Jacques Benix nel 1981. Lei ha deciso di dargli un palcoscenico completo, in parte influenzato dalla sua performance a Parma nel 2024 come parte dell’accordo di coproduzione.

“Non vi è alcun contatto diretto con Shakespeare nell’opera a parte il fatto che la stessa Kochi trova la storia molto Shakespeare”. E ‘anche contento della sua piena produzione, perché “è diretta dal direttore principale, Francesco Silovo, che è stato davvero sfortunato. Lo abbiamo assunto lo scorso anno, poi nel 2020 ci ha dato solo i suoi concerti”.

Il compositore francese Ambroise Thomas Le Songe d’une nuit d’été (Sogno di una notte di mezza estate) del 1850 “è una bellissima opera, e mi dispiace molto di non essere stato in grado di eseguirla completamente. Lo faremo semi-messo in scena, che ci permetterà di goderci uno spettacolo vero. Magari con un gruppo più piccolo, ma con un gruppo, abiti e movimento “. L’opera non è basata sul dramma di Shakespeare, ma, con la costernazione di molti critici nel corso degli anni, Shakespeare stesso era un personaggio così come Falstaff e la regina Elisabetta I. 1994 per celebrare l’apertura del tunnel canale. Wexford presenta il lavoro in una versione rivista del 1886.

Ein Wintermärchen (Racconto d’inverno) di Karl Goldmark nel 1908 è “il ruolo più lirico di Wagner”. Le linee vocali sono molto carine di per sé, quindi ho pensato di farlo in formato concerto. ”

Feste di pranzo

Cucchi incaricò una troupe di musicologi di riorganizzare le tre opere. Questo per tenere d’occhio i regolamenti di distanziamento sociale nella fossa del National Opera House, poiché non hanno alcuna possibilità per i giocatori di gonfiarsi nello spazio normalmente occupato dai posti delle bancarelle. Dice che il lavoro svolto sui tre gradi “non è una scorciatoia. È una riorganizzazione appropriata”.

Oltre alle tre opere originariamente previste per il 2020, c’è un’altra opera di Shakespeare. I Capuleti ei Montecchi del 1830 di Bellini saranno presentati in produzione dai cantanti della Wexford Factory, l’accademia di sviluppo professionale del festival. Ho deciso una “residenza semestrale” per la fabbrica, quindi la squadra di cantanti sarà la stessa dell’anno scorso, e alcuni di loro appariranno anche in ruoli minori nei ruoli principali dell’opera.

Andrà in scena I Capuleti ei Montecchi, ma con una nuova versione della partitura per quartetto d’archi e pianoforte del direttore Giuseppe Montecchi. Questa produzione, diretta da Connor Hanrati, potrebbe sembrare uno dei brevi pomeriggi del festival. Ma non è. È uno spettacolo completo e avrà quattro spettacoli sul palco principale, due nel pomeriggio e due la sera. “Per la prima volta, il palco principale sarà come Vienna, con uno prodotto nel pomeriggio e l’altro la sera”, scherza.

Il soprano americano Angela Mead, che ha debuttato a Wexford nel 2010, torna per assistere a un concerto privato. Kochi dice che riaverli non è stato difficile. La cantante ha ricordi molto speciali del tempo che ha trascorso a Wexford, perché è qui che ha incontrato suo marito.

La serie del pranzo, una caratteristica del festival, riceverà quello che potrebbe essere considerato un importante aggiornamento e si sposterà dall’intimità della chiesa di Sant’Iberius al palco principale del Teatro dell’Opera. Il passo è quello di accogliere posti a sedere socialmente distanti in modo che i cantanti possano avere un pubblico adatto.

Quest’anno, ovviamente, ricorre il 70 ° anniversario di Kissford e Cucchi ha programmato un anno di attività a partire da settembre. Comprenderà l’attuale stabilimento di Wexford “e, infine, il nuovo impianto”, che sarà testato a dicembre o gennaio. La sua visione per la fabbrica è di espanderla a registi teatrali e altri professionisti dell’opera, inclusi i répétiteurs, “una classe ancora debole in Irlanda”. Questo fatto può quasi certamente essere spiegato dalla quantità limitata di lavoro che era storicamente disponibile. Come dice Cucchi, “I cantanti sono solo il primo passo”.

La celebrazione dell’anniversario prolungato di Wexford includerà anche eventi in tutta Europa e Cucchi vuole utilizzare il ricordo per “rafforzare la nostra lunga storia. Dobbiamo esserne orgogliosi e usare la nostra storia per guardare al futuro. Così come dobbiamo guardare al festival per portare nel futuro ciò che abbiamo imparato da esso, dobbiamo. Dare un’occhiata al Festival della Gioventù di 70 anni, per vedere cosa abbiamo imparato e cosa no da questa storia e renderlo migliore per il futuro . “

Wexford Festival Opera Si parte da martedì 19 ottobre a domenica 31 ottobre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *