Silvio Berlusconi tornerà come prossimo presidente dell’Italia?

Silvio Berlusconi posa prima della partita di calcio del 2016 tra la sua squadra AC Milan e SS Lazio a Milano, Italia.

Marco Lozzani | Getty Images

L’Italia sta per iniziare il processo di elezione del nuovo presidente, con alcuni vecchi volti tra i contendenti, uno dei quali è l’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

Berlusconi, 85enne magnate dei media e uomo d’affari, è un veterano della politica italiana e non è privo di polemiche. Un politico della vecchia scuola, Berlusconi è stato primo ministro in quattro governi italiani dagli anni ’90, resistendo a numerosi scandali sessuali e finanziari – e successive battaglie legali – nel corso degli anni, così come alle ricorrenti tempeste politiche italiane.

Al via lunedì il primo turno di votazioni parlamentari per decidere il nuovo capo di Stato italiano, un ruolo in gran parte cerimoniale ma comunque importante. Il premier in carica Mario Draghi è il capofila della corsa, ma una coalizione di destra che sostiene Berlusconi, il leader di Forza Italia, potrebbe bloccarne la candidatura.

Poco più di 1.000 cosiddetti “grandi elettori” partecipano al processo di voto per trovare un successore di Sergio Mattarella, che si dimette. L’elettorato è composto principalmente da legislatori e senatori italiani, oltre a rappresentanti regionali, e la maggior parte degli elettori appartiene a diversi partiti politici ma alcuni (poco più di 100) sono indipendenti.

Probabilmente ci saranno diversi turni di votazione durante un’elezione poiché i primi tre scrutini richiedono una maggioranza di due terzi (o 673 voti) su 1.009 elettori per eleggere un presidente. A partire dal quarto scrutinio è necessaria la maggioranza assoluta di 505 voti per eleggere un candidato. È raro che un presidente venga eletto al primo turno con la maggioranza dei due terzi richiesta.

READ  Trascrizione degli appunti di Pelosi in occasione di una foto con Mario Draghi, Presidente del Consiglio della Repubblica Italiana

Berlusconi può farlo?

Non è chiaro se Berlusconi sarà in grado di raccogliere un sostegno sufficiente, e conta sugli indipendenti per gettare il loro sostegno alle sue spalle.

“Il risultato del voto è aperto”, ha detto mercoledì in una nota Guido Giorgio Podrato, economista della Berenberg Bank, osservando che a pochi giorni dalla fine del collegio elettorale per iniziare a votare il 24 gennaio, Berlusconi è l’unico principale contendente. che ha dichiarato apertamente il suo interesse.

L’ex presidente del Consiglio non può però essere sicuro di ottenere tutti i voti dei tre partiti (Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia) che ora lo sostengono. Così com’è, la coalizione di destra dei tre partiti di centrodestra e tre di destra può dargli un potenziale 441 su 1.009 voti, ma ha bisogno del sostegno di altri partiti minori e indipendenti se vuole vincere.

«Se l’ha fatto [get support from all the parties in the right-wing alliance] E ottenendo ulteriore supporto dal difensore centrale Coraggio Italia, non sarà ancora all’altezza della maggioranza assoluta di 505 richiesta dal quarto round in poi. Con pochi voti in più, la coalizione centrodestra/destra potrebbe eleggere Berlusconi o un altro presidente a sua scelta. Italia FIFA, il centrista guidato da Matteo Renzi, può arrivare a 44 voti. Questo li avvicinerebbe alla maggioranza: con circa 30 voti dei membri non affiliati nelle due camere, raggiungeresti la soglia richiesta”, ha osservato Podrato.

“Ma per convincere Renzi e i membri non affiliati a unirsi a loro, i leader dell’alleanza centrodestra/destra potrebbero dover chiedere a Berlusconi di dimettersi a favore di un candidato meno controverso come l’ex capo di gabinetto di Berlusconi Gianni Letta, ex Economia Il ministro Giulio Tremonti, o l’ex sindaco di Milano Letizia Moratti”.

E la mia resistenza?

Draghi, che è visto come un candidato presidenziale non ufficiale del centrosinistra, è il candidato più probabile per l’incarico, anche se chi lo sostituirà come primo ministro solleverebbe maggiore incertezza per l’Italia.

Draghi è entrato in carica all’inizio del 2021 dopo che una coalizione di governo è crollata a causa del ritiro del partito italiano Viva, aprendo la strada a un nuovo leader dell’unità. Draghi, l’ex capo della Banca centrale europea, è ampiamente considerato come essere riuscito ad ancorare la nave spesso poco pratica Italia, ispirando agli investitori la fiducia di poter gestire la sua economia carica di debiti.

Non sorprende che vi sia un’aperta opposizione alla candidatura di Berlusconi tra il Partito Democratico di centrosinistra italiano, il movimento di sinistra Liberian y Ogwali e il movimento populista Cinque Stelle, con molti funzionari che affermano che la candidatura di Berlusconi è un’opzione inaccettabile, preferendo un candidato più neutrale . Tuttavia, i partiti non hanno ancora deciso un candidato alternativo da sostenere, Secondo i media italiani.

Mojtaba Rahman, amministratore delegato per l’Europa del Gruppo Eurasia, ha dichiarato giovedì in una nota che “Berlusconi ha sempre sognato di diventare presidente e finora ha avuto alleati a destra, Giorgia Meloni dei Fratelli d’Italia e Matteo Salvini della Lega. , al loro accordo di sostenerlo (la destra nominalmente ha accettato di farlo).Con la visione dei tre partiti che agiranno come un blocco in tutte le future elezioni, e in cambio del sostegno di Berlusconi nel bloccare una possibile modifica della legge elettorale che avrebbe danneggiare i suoi alleati.)

“Ma la sua candidatura è inammissibile per la sinistra a causa della sua storia di modifiche alle leggi per proteggere se stesso e le sue attività, condanne penali e procedimenti penali in corso”.

“probabilità zero”

Da parte sua, Matteo Renzi, leader del partito centrista italiano Viva ed ex primo ministro, giovedì ha detto alla CNBC che non c’era “alcuna possibilità” che Berlusconi sarebbe stato il prossimo presidente dell’Italia.

In un’intervista a “Street Signs Europe” della CNBC, quando giovedì gli è stato chiesto: “Per favore, non ci sono possibilità per Silvio Berlusconi di diventare presidente. So che l’ipotesi era molto eccitante per i giornali per molte ragioni, ma per me c’è nessuna possibilità che Silvio diventi presidente Berlusconi presidente.

Renzi ha detto che “c’è la possibilità che Mario Draghi diventi Presidente della Repubblica, ma questa è una scelta difficile per noi parlamentari, perché Mario Draghi era ed è tuttora Presidente del Consiglio. Ha salvato l’Italia l’anno scorso quando noi non eravamo il governo.. Quindi è l’uomo ideale per essere Primo Ministro”, ma allo stesso tempo può essere un grande capo”.

“Il dibattito su Draghi è reale, quello su Berlusconi no”, ha aggiunto Renzi.

Renzi ha paragonato il ruolo del presidente a quello di “arbitro” e, dato che il presidente è in carica da sette anni, potrebbe dare una certa stabilità alla politica italiana.

Ha osservato che “il suo ruolo potrebbe essere molto importante”, poiché il presidente potrebbe essere un potenziale leader di riserva in tempi di disordini politici. “La decisione della prossima settimana sarà molto importante, non solo per quest’anno, ma per i prossimi sette anni. Di solito in Italia il governo cambia molto velocemente, ma il presidente è l’istituzione più stabile”, ha aggiunto.

Si prevede che il vincitore delle elezioni presidenziali sarà annunciato giovedì prossimo o venerdì prossimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *