Settembre in Sardegna – Cinque gioielli luccicanti da trovare nella preziosa isola d’Italia

Con acque turchesi paragonabili a quelle di Tahiti e spiagge sabbiose in competizione con le Seychelles, la Sardegna è un mosaico di tanti paradisi. Eppure la sua identità è oscurata dai più.

Ricca di miti e leggende, la storia dell’isola precede i maestosi templi e castelli costruiti dai romani, mentre i ricchi popoli del secolo negano la scienza con i loro piatti di vino rosso e formaggio.

Intrigante e misteriosa, la Sardegna chiede di essere scoperta, soprattutto in questo periodo dell’anno. Mentre il caldo si attenua e gli isolani del Mediterraneo tornano a casa, l’isola del Mediterraneo è una delizia di fine estate.

Con oltre 200 spiagge tra cui scegliere, è difficile vedere oltre il mare. Ma localmente ci sono montagne da scalare, profonde vallate e villaggi molto indipendenti che hanno sviluppato costumi, lingua e microculture alimentari.

Nonostante le differenze, tutti condividono un fascino comune; Ospiti abbaglianti con gioielli preziosi.

Ecco alcune delle gioie che brillano.

Corallo rubino

Chiudere

I gioielli in corallo rosso sono in vendita ad Alghero. BA Foto / Alami.

Utilizzato per realizzare gioielli, il corallo rosso è apprezzato da secoli e sostiene l’economia della città catalana di Alghero, sulla costa nord-occidentale. Solo 25 licenze vengono rilasciate ogni anno a speciali subacquei d’altura che utilizzano asce per scavare rami fragili che pesano più di 2,5 kg.

Alla fine del 1800, centinaia di navi arrivavano nella corsa all'”oro rosso”, ma ora le uniche barche nel porto di Alghero sono le navi da crociera che portano i visitatori alle grotte marine come la Grotta di Nettuno.

Acqua zaffiro

Chiudere

La spiaggia di San Theodoro, Sardegna. BA Photo / Granaio Renato.

L’acqua al largo della costa della Sardegna è affidabile e limpida e offre condizioni eccellenti per nuotare, fare snorkeling e immersioni. Le migliori spiagge sono La Belosa di Stintino sulla costa occidentale e La Poto, 9 km a sud.

Ma uno degli scenari più belli si trova senza dubbio tra l’arcipelago della Madeleine, le Bocche di Bonifacio e la Corsica. Fai una gita in barca per esplorare le sabbie rosa protette di Pudelli, colorate con piccole barriere coralline e osserva i cinghiali che nuotano nelle baie circondate da pini.

Insediamenti dell’età del bronzo

Chiudere

Sand Antin, una delle tante strutture in schiuma presenti in Sardegna. BA Photo / Granaio Renato.

In tutta l’isola sono state scoperte più di 7.000 torri coniche conosciute come nuraghe, costruite tra il XVIII e il XV secolo a.C. Non si trova da nessun’altra parte sulla terra, si sa poco degli edifici megalitici in pietra, sebbene molti siano straordinariamente ben conservati.

Il più grande insediamento, patrimonio mondiale dell’UNESCO, si trova a sud di Nuraxi de Barumini. Camminando tra la base geometrica dei muretti a secco, una magnifica vista finisce fino alla torre.

Piume di quarzo rosa

Chiudere

Fenicotteri nelle saline fuori Cochlear. BA Foto / Alami.

Una forma comune in ambienti esotici, i fenicotteri possono essere trovati mentre nutrono, raccolgono e flettono le loro zampe a spirale al largo della costa della Sardegna. Li trovi in ​​una piscina dietro la spiaggia La Cinda a San Theodore, a sud di Olbia in Costa Smarlda, dove nasce il nuovo Hotel Paglioni Resort Sardinia (baglionihotels.com) Aperto a luglio.

In alternativa, più popolazioni si trovano nelle saline e negli stagni di Machiavelli fuori Cagliari, capoluogo della Sardegna. Anche se può essere visto dalla strada, dovresti parcheggiare e attraversare il Parco Molendergius per dare un’occhiata più da vicino.

cielo d’argento

Chiudere

L’inquadratura del cielo notturno ha visto un’antica formazione rocciosa in Sardegna. BA Photo / Granaio Renato.

Al di fuori delle città e dei paesi, la mancanza di inquinamento luminoso rende la Sardegna un luogo ideale per studiare il cielo notturno. A un’ora di auto da Cagliari, l’imponente Sardinia Radio Telescope è il più grande d’Italia, anche se i tour sono attualmente sospesi a causa della baia.

Ma non hai bisogno di un sito scientifico per vedere le stelle. Non lontano da Alghero, nel nord-ovest, le rocce di Capo Cassia sono diventate uno spettacolo popolare per vedere la Via Lattea.

READ  Milan al lavoro: mercoledì rientra Ibrahimovic, ma incerto sui tempi di recupero notizia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *