Sepolto nel mare: un cimitero italiano in cima a una scogliera crolla nell’oceano

Un cimitero italiano è crollato in cima a una scogliera nell’oceano, dozzine di bare galleggiano nel Mediterraneo e molti temevano che fossero sepolte sotto le macerie.

La frana è avvenuta lunedì intorno alle 15 a Camogli, località turistica nei pressi della città nord-occidentale di Genova, trascinando a terra circa 200 bare e distruggendo due chiese del cimitero.

Foto scattate dopo che un’ampia porzione della scogliera è crollata in mare, con bare tra le macerie e i detriti che galleggiano a una profondità di 160 piedi.

Sono in corso sforzi per salvare quante più bare possibili, poiché i parenti di coloro che sono sepolti nel cimitero devono aspettare una lunga attesa per vedere se i resti del loro caro sono tra quelli inghiottiti da una frana.

Nella foto: parte della scogliera su cui è costruita Camogli, che lunedì è crollata in mare. Si teme che la frana possa aver trascinato nell’oceano circa 200 bare

Le immagini della scena mostravano bare nell'acqua tra le macerie, a 160 piedi sotto la cima della scogliera

Le immagini della scena mostravano bare nell’acqua tra le macerie, a 160 piedi sotto la cima della scogliera

Rapporti locali hanno indicato che la frana era il risultato dell’erosione costiera, aggravata dalle recenti tempeste nella regione mediterranea della Liguria, nota come Riviera italiana.

I residenti hanno riferito di aver sentito la frana dalle loro case, e alcuni hanno detto di essere corsi al cimitero quando hanno sentito la scogliera cadere in mare.

Alcuni hanno espresso indignazione per l’evento, dicendo che probabilmente hanno perso le bare e le ceneri dei loro cari nel disastro, notando che è stato fatto poco per spostare i resti delle persone lontano dalla parte insicura del cimitero.

READ  Un camionista arrabbiato urtò ripetutamente il camion mentre due uomini gli lanciavano pali di metallo contro il parabrezza.

“Mi tremano le gambe, è come se fosse di nuovo morto”, ha detto una donna di nome Pamela Ha detto che il diciannovesimo secolo, Un giornale locale, dicendo che le ceneri dei suoi genitori sono andate perdute.

Un altro residente locale, Dimitri Perini, ha detto al giornale: “Ero a casa. Un vicino mi ha detto: ‘Hai sentito cos’è successo? “E sono corso qui. Ho i miei genitori e mio nonno che sta riposando nella parte del cimitero che è crollata”.

Germana Zobi si è detta furiosa, sostenendo che i funzionari del cimitero avevano continuato a vendere appezzamenti di terra a persone che ora erano scomparse in mare.

Ho perso mia nonna e non so nemmeno se la ritroveremo mai più. E ora sto cercando di capire che nemmeno mio padre eiaculava. Ha detto a Il Secolo che era un peccato.

Sono in corso gli sforzi per salvare quante più bare possibile, con i parenti di coloro che sono sepolti nel cimitero che affrontano una lunga attesa per scoprire se i resti del loro caro sono tra quelli inghiottiti da una frana.

Sono in corso gli sforzi per salvare quante più bare possibile, poiché i parenti di coloro che sono sepolti nel cimitero devono affrontare una lunga attesa per vedere se i resti dei loro cari sono tra quelli inghiottiti da una frana.

Nella foto: i vigili del fuoco erano tra gli addetti ai servizi di emergenza sulla scena del crollo che lavorano per recuperare il maggior numero possibile di bare perdute e al tempo stesso proteggere l'area.

Nella foto: i vigili del fuoco erano tra gli addetti ai servizi di emergenza sulla scena del crollo che lavorano per recuperare il maggior numero possibile di bare perdute e al tempo stesso proteggere l’area.

Il sindaco locale ha detto dopo il crollo che il cimitero di Camogli, costruito sul fianco di una rupe, aveva 150 anni e che i lavori di rafforzamento del pendio erano “ in corso da tempo ”.

Il sindaco Francesco Olivar, un geologo del commercio, ha detto che la frana era difficile da prevedere in anticipo e che gran parte di ciò che era crollato era rivolta verso la scogliera, il che significa che la maggior parte delle bare potrebbe essere sepolta sotto la frana.

READ  Sarah Cooper, with her voice

Fortunatamente il cimitero è stato chiuso al pubblico – come sempre accade lunedì – e non ci sono state segnalazioni che qualcuno sia rimasto ferito nel crollo della costa.

Gli sforzi per riportare le bare alle terre aride sono proseguiti fino a lunedì notte fino a martedì, quando lunedì sera sono state recuperate 10 bare, che saranno lasciate al medico della morte per determinare l’identità dei corpi che sono stati trovati.

Le autorità locali hanno schierato droni come parte degli sforzi di recupero, mentre i video hanno mostrato i lavoratori dei servizi di emergenza a bordo delle barche ai piedi della scogliera per valutare la situazione lunedì sera.

Un altro video, girato dal cimitero al momento della frana, mostrava persone presumibilmente operai viste dal tetto di un mausoleo, mentre un altro – il cui tetto era già parzialmente crollato – cadeva in mare.

Nella foto: un video clip che mostra il momento del crollo dal cimitero.  Il video, girato da qualcuno che credeva essere un operaio che si trovava al cimitero in quel momento, mostrava il soffitto di uno dei mausolei contenenti bare che crollavano.

Nella foto: un video clip che mostra il momento del crollo dal cimitero. Il video, girato da qualcuno che credeva essere un operaio che si trovava al cimitero in quel momento, mostrava il soffitto di uno dei mausolei contenenti bare che crollavano.

Il video mostra quindi il santuario che improvvisamente sprofonda fuori dalla vista e cade sulla scogliera mentre il terreno si ritira sotto di esso, portando con sé bare e ceneri di persone.

Il video mostra quindi il santuario che improvvisamente sprofonda fuori dalla vista e cade sulla scogliera mentre il terreno si ritira sotto di esso, portando con sé bare e ceneri di persone.

In fondo alla rupe del cimitero ci sono anche dieci case, tre delle quali abitate. I funzionari della città hanno offerto ai residenti delle case un alloggio temporaneo dopo il crollo.

Lo stridio di domenica si era già sentito, dando alla gente del posto un senso di ciò che stava arrivando, con l’area che ora sta crollando circondata. Gli alpinisti stavano già ripulendo la scogliera.

READ  Emmanuel Macron ha deriso per aver scambiato l'inglese perfetto con un ridicolo accento francese | Il mondo | notizia

Ma nonostante i segnali, il sindaco ha affermato che il crollo è imprevedibile, soprattutto nella sua ampiezza.

Ha detto: “Quello che è successo oggi lo ha incluso tra i momenti più bui in cui ho vissuto come sindaco, e sono vicino a tutti i miei concittadini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *