Senza Ronaldo e Lukaku, la Prima Divisione sarebbe sopravvissuta piuttosto che prosperare. Il cambiamento deve arrivare – l’atleta

Mentre Max Allegri stava camminando nel tunnel all’intervallo di sabato sera, forse non si aspettava già di sentire i fischi dei tifosi all’Allianz Arena.

Era la prima volta in quasi 18 mesi che la Juve giocava davanti ai suoi tifosi a Torino, e la prima volta da quando gli errori di Fuchs Chesney hanno regalato una vittoria a Udine lo scorso fine settimana, e Cristiano Ronaldo ha detto al club che se ne sarebbe andato ed è venuto indietro… per il Manchester United.

La sconfitta in casa contro la neopromossa Empoli – che non aveva mai battuto, segnando un pareggio in 13 trasferte precedenti – ha riportato alla mente uno dei momenti peggiori della scorsa stagione, quando il Benevento arrivò in città e fece arrabbiare l’anziana signora.

Nella conferenza stampa post-partita, ad Allegri è stato chiesto se questa fosse la Juventus più debole che avesse allenato. Altri sotto di lui hanno fatto la storia, vincendo sempre il campionato e facendo due finali di Champions League, quindi gli standard sono impeccabilmente alti.

Rispose: “Non è giusto”. “È una squadra della Juventus con i migliori giovani…” Matisse de Ligt, Manuel Locatelli, Federico Chiesa, Weston McKinney, Dejan Kulusevsky, Caio Jorge e il ritorno Moise Kean. “…Sai, i giovani giocatori non sempre hanno l’esperienza o la capacità di gestire alcuni momenti nelle partite, quindi dobbiamo gradualmente trovare un equilibrio”.

La sconfitta della Juventus nel fine settimana non può essere imputata alla cessione di Ronaldo.

READ  Raul Jimenez: l'attaccante del Wolverhampton torna dalla frattura al cranio nella sconfitta amichevole pre-campionatoوديةودية

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *