Sener guida la squadra italiana nella classifica mondiale

L’arrivo di Jannik Sinner alla finale del Masters di Miami ha sollevato le speranze per una nuova era nel tennis maschile italiano, per la prima volta questa settimana, con 10 giocatori classificati nella lista ATP Top 100.
Nessun italiano è arrivato in finale all’ATP Masters 1000 in Nord America prima di Sinner, con le sue precedenti migliori apparizioni per Fabio Fognini in semifinale a Miami nel 2017.
Il diciannovenne Sener è diventato il secondo più giovane finalista a Miami dopo Rafael Nadal nel 2005, questa settimana è salito al 23 ° posto nella classifica mondiale ed è il sesto adolescente dal 2010 a raggiungere la top 30.
Sinner è terzo in Italia, dopo il numero 10 del mondo Matteo Perettini e il 18 ° seme di Fonini.
Seguono Lorenzo Sonigo (34), Stefano Travalia (69), Salvatore Caruso (87), Lorenzo Musetti (90), Gianluca Majer (91), Marco Chicinato (93) e Andreas Seppi (96).
Dopo essere avanzato nel 2019, vincendo l’ATP Challenger a Bergamo e le NextGen ATP Finals a Milano, Sinner ha vinto due titoli e ha raggiunto i quarti di finale del Roland Garros al suo debutto nel 2020.
Il giocatore italiano con il punteggio più alto di sempre è stato l’unico vincitore del Grande Slam, Adriano Banata, che ha raggiunto il record mondiale più alto nell’agosto del 1976 dopo aver vinto l’Open di Francia.
Solo Francia e Spagna hanno più giocatori nei primi 100 con 11 ciascuno, ma la loro età media è molto maggiore mentre cinque ‘Azzurri’ hanno meno di 26 anni e due sono adolescenti.
Otto dei giocatori francesi hanno più di 30 anni e sei sono spagnoli rispetto a due italiani, Funeni, 33 e Sebe, 37.
Musetti, 19 anni, è il più giovane giocatore nella classifica ATP Top 100, con Berettini 24, Sonego 25, Mager 26, Caruso e Cecchinato entrambi 28, e Travaglia, 29.
“E ‘una cosa bellissima, siamo in tanti”, ha detto Sunigo, che si è qualificato per i quarti di finale del torneo ATP di Cagliari giovedì.
“Ci sosteniamo a vicenda e non è un caso che se qualcuno fa bene, anche gli altri lo seguiranno”.

READ  I club italiani hanno messo in guardia sulle società ribelli

“Il successo invita”
Questa settimana, Sinner si allena al Monte Carlo Masters, tra cinque italiani in gara al fianco del campione Fognini, della seminatrice Berrettini, di Sonego e del wildcard Musetti.
Funini è caduto al secondo turno dell’Andalusia Open Stadium di Marbella, giovedì, in un torneo preliminare in cui ha conquistato il secondo posto.
“C’è una competizione positiva tra tutti noi, e il successo di uno di noi indica il successo dell’altro”, ha detto Sunigo alla Gazzetta dello Sport.
“Siamo tutti amici, molto vicini, la concorrenza è salutare.
“Il movimento italiano continua a crescere e sono sicuro che anche gli altri giovani arriveranno dalle retrovie”.
Ha aggiunto che l’Italia poteva sognare di vincere la Coppa Davis, che vinse solo una volta nel 1976.
“Speriamo di portarlo in Italia il prima possibile”.
A Cagliari, Sonigo ha battuto il francese Gilles Simon 6-4 6-1 per raggiungere i quarti di finale insieme a Musetti, che ha rovesciato la prima testa di serie britannica Dan Evans 6-1, 1-6, 7-6 (8).
L’ultimo italiano a vincere il titolo ATP in Italia è stato Filippo Volandri di nuovo a Palermo nell’ottobre 2006.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *