Sei Nazioni di Rugby | Quattro giovani italiani sono desiderosi di offrire un futuro luminoso

Infanzia viziati guardando leggende come Sergio Paris, i fratelli Bergmasco, Alessandro Johnny e Martin Castroziovani hanno sicuramente ispirato le future star a conquistare lo scudo nel rugby italiano.

Per sfidare la nuova generazione di talenti, il gruppo di giovani cresciuti sotto l’occhio vigile di Franco Smith sta ora entrando nei ranghi.

Qui abbiamo selezionato quattro giovani che hanno già dimostrato di avere la capacità e il talento per diventare stelle del Guinness Sei Nazioni nel corso degli anni.

Charles Trowell

Da quando ha debuttato contro la Scozia nella Coppa d’Autunno lo scorso anno, Jacobo Trulla è stato un’asta diretta nel sottofondo italiano.

Zebra Full-Back Italy ha avuto un periodo utile nell’organizzazione Under 20, registrando sei tentativi in ​​una dozzina di partite – tre ai Campionati Sei Nazioni U20 nel 2019 e nel 2020, rispettivamente.

Ora, il 20enne senior crede che la squadra stia “progredendo continuamente” e il suo contributo all’eccezionale punteggio di Monty Ion contro l’Inghilterra nel 2 ° round del campionato di quest’anno è un esempio della qualità che può portarlo al numero 15.

Anche se Trulla, che può tornare in entrambe le divisioni, non ha attraversato la calce con la maglia azzurra senior, quello vicentino è sicuramente quello per il futuro.

Pavlo Corpici

Il capitano delle giovanili di Trulla non è altro che Pavlo Corbici.

La Benetton n. 10 è stata determinante nell’ascesa dei giovani italiani negli ultimi anni, che ha portato alle vittorie su Galles e Scozia nel Campionato Sei Nazioni U20. È stato protagonista della memorabile vittoria U18 contro l’Inghilterra nel 2018.

Cresciuto guardando la leggenda degli All Black Don Carter e il capitano dell’Inghilterra Owen Farrell, Corbyn ha attirato l’attenzione del mondo del rugby quando ha vinto un paio di vittorie contro la Scozia e la Georgia al campionato mondiale di rugby U20 2019.

READ  Verstappen lascia la sfortunata serie di vittorie in Italia dopo la sconfitta della Red Bull

La star italiana Karpici

Ora una squadra senior regolare da quando ha fatto i suoi progressi nel 2020, l’energia di Kirby è la chiave per le aspirazioni future dell’Italia mentre guiderà gli Azzurri al successo sulla scena mondiale.

In sei Guinness World Records quest’anno, la metà volante ha perso tutti e sette i suoi calci verso il bersaglio, dimostrando di essere una risorsa affidabile per Dee, mentre ha anche attaccato con la sicurezza di un giocatore con molti più cappelli. Nome.

Stephen Warney

Un altro laureato dell’organizzazione giovanile è Stephen Warney di Clochester Rugby. Il mediano di mischia ha debuttato contro il Galles nella Coppa d’Autunno e si è stabilito facilmente nella maglia numero 9.

L’italiano gallese è stato una luce splendente per Gloucester dallo scorso anno, causando dolore nel suo paese natale nella partita Man of the Match che ha giocato per l’Italia nella partita di apertura del Campionato Sei Nazioni U20 lo scorso anno. Ha anche ottenuto a livello U18.

Alunno dell’Hartbury College, la forte associazione di Warnie con Corbizi potrebbe servire come base per l’Assiria per molti anni a venire.

Stephen Warney inizierà il Guinness dei primati del 2021 nel 4 ° round contro l'Italia

Il semi-difensore di 19 anni è stato tenuto occupato finora, con un totale di 241 passaggi, il secondo più alto al Campionato Guinness Sei Nazioni 2021.

Gianmarco Lucci

Un’altra incarnazione del recente successo degli italiani a livello junior, Gianmargo Luccesi è stato rapidamente supervisionato nella squadra senior a soli 20 anni.

Smith: l’Italia continua a muoversi nella giusta direzione nonostante la sconfitta del Galles

Hooker ha rivelato finora tre presenze alternative per gli uomini di Smith in questo campionato, sostituendo ogni volta il capitano Luca Piggy. L’allenamento con Piggy gli servirà per aggiungere profondità al branco italiano di Luci.

READ  "In Italia la morte di un uomo è più importante della violenza sulle donne".

Con l’esordio per il suo club Benetton, il pre-rover pisano ha già puntato a cercare di superare due delle quattro presenze nel Guinness Pro 14 in questa stagione.

Gianmarco Lucci

Come altri nomi qui, Luccesi ha iniziato per la squadra italiana U20, che ha battuto il Galles a Colvin Bay lo scorso anno. È stato protagonista delle brevi sconfitte della squadra contro Scozia e Francia nello stesso campionato, e sembra che ci sarà un lungo futuro nel gruppo assiro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *