Secondo quanto riferito, Red Bull si aspetta un calo di peso significativo di 8 kg a Imola

Un rapporto dall’Italia ha affermato che la Red Bull prevede di perdere 8 kg del suo peso RB18 in tempo per il Gran Premio dell’Emilia Romagna a Imola ad aprile.

Una riduzione del peso di questa scala potrebbe valere la pena migliorare fino a 0,2 secondi per giro, che si riveleranno cruciali nella battaglia della squadra contro Ferrari in prima linea nel campo.

Il nuovo limite di peso introdotto in Formula 1 vede le vetture del 2022 più pesanti di 43 kg rispetto alle loro predecessori, ma è opinione diffusa che solo l’Alfa Romeo abbia costruito un’auto che soddisfi i nuovi requisiti sportivi.

Si ritiene che altre auto abbiano un aumento di peso “a due cifre”, che naturalmente influisce sulle prestazioni complessive a causa della massa aggiunta sulle auto.

Il consulente Red Bull Motorsport Helmut Marko ha accennato al fatto che è probabile che il team alleggerirà un po’ di peso dalla macchina in tempo per Imola, ma un rapporto dell’edizione italiana Motorsport.com Ha affermato che l’auto più piccola potrebbe essere fino a 8 kg più leggera, un enorme miglioramento rispetto all’Aston Martin che ha ridotto di pochi grammi l’AMR22 quando hanno deciso di rimuovere la vernice sulla loro auto.

Ammetto che la RB18 è più difficile da configurare rispetto ai loro rivali Ferrari in questo momento, ma la perdita di peso dovrebbe aiutare in più di un modo.

“La Ferrari è sempre una macchina veloce in tutte le condizioni [regardless of] disse Marco Servi TV.

READ  Dubai Tennis Championships: Andy Murray 'difficile' battere Christopher O'Connell

“La nostra macchina è decisamente più difficile da mettere a punto, ma a Imola perderemo un po’ di peso. Questo dovrebbe darci un enorme vantaggio di tempo, in altre parole, un guadagno di tempo”.

Il rapporto sostiene inoltre che nell’era moderna della Formula 1, il lavoro necessario per togliere un chilogrammo dal peso dell’auto costerebbe circa 250mila euro. [£212,400]quindi Red Bull avrebbe potuto investire circa 2 milioni di euro per avvicinare la propria vettura al peso minimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *