Seconda possibilità: l’orologio si è fermato dopo l’inizio dello tsunami giapponese un decennio dopo | Giappone

Per quasi 10 anni, l’orologio sospeso nel tempio Punchon Sakano è servito a ricordare il giorno in cui la forza della natura era vicina a distruggere la sua comunità.

L’orologio, che si ritiene abbia circa 100 anni, ha smesso di ticchettare oltre la costa nord-orientale da Giappone un colpo Terremoto e tsunami Ciò ha ucciso più di 18.000 persone l’11 marzo 2011.

Le onde hanno colpito il Tempio Fumunji, situato a poche centinaia di metri dalla costa colpita dallo tsunami nella città di Yamamoto nella Prefettura di Miyagi, solo l’inondazione dei suoi pilastri e del tetto è sfuggita.

Sakano ha salvato l’orologio, lo ha pulito e ha ferito la molla, ma le sue mani si sono rifiutate di muoversi.

Poi alla fine del 13 febbraio di quest’anno, poche settimane prima Il decimo anniversario del disastro – La stessa area è stata colpita da un altro forte terremoto, come descritto dai sismologi Dopo il trauma Terremoto del marzo 2011.

La mattina dopo, Sakano, il sommo sacerdote del tempio buddista, è andato a ispezionare la sala principale per eventuali danni quando ha sentito un ticchettio. L’orologio, che era rimasto muto anche dopo ripetute pulizie, si era ripreso.

Due mesi dopo, è ancora solleticata.

“Potrebbe spingermi avanti con un nuovo design”, ha detto Sakano, 58 anni. Mainichi Shimbun Giornale. “È come un segnale incoraggiante che una vera ripresa deve ancora arrivare”.

L’orologio che Sakano ha acquistato da un vicino negozio di antiquariato Fukushima Diversi anni prima del disastro del 2011, sembra essere stato nuovamente scosso dalla forza del terremoto di febbraio.

Un rappresentante di Seiko, il produttore di orologi, ha detto a Mainichi: “È possibile che il pendolo, che si era fermato, abbia ripreso a muoversi a causa della vibrazione del terremoto, o che la polvere che si era accumulata all’interno si fosse disintegrata”.

L’orologio è stato un’ispirazione silenziosa per Sakano quando ha deciso di aiutare la comunità locale all’indomani dello tsunami, ha raccolto volontari e un anno dopo ha aperto un caffè per persone le cui case erano state distrutte.

Di recente, con le riunioni di quartiere e il lavoro di volontariato congelati a causa della pandemia di coronavirus, Sakano ha iniziato a chiedersi se sia ora di terminare le sue attività comunitarie.

Ma quando l’orologio ha ripreso a ticchettare, ha detto, era come se lei lo stesse supplicando di non arrendersi e di “ricominciare a muoversi”.

READ  Nikki ha accusato Haley di ipocrisia per aver pubblicato una foto sul lungomare dopo l'attacco del Memorial Day a Kamala Harris

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *