Sears e Cammart tirano la maglietta di Ashley Babbitt dopo le proteste | Attacco al Campidoglio degli Stati Uniti

I rivenditori statunitensi Sears e Kmart si sono scusati e hanno tirato fuori una maglietta con le parole “Ashli ​​Babbitt American Patriot” dopo una protesta sui social media.

Babbitt È stato ucciso dalle forze dell’ordine mentre partecipava all’attacco al Campidoglio da parte di bande pro-Trump il 6 gennaio. Era all’interno dell’edificio e stava cercando di arrampicarsi attraverso una finestra rotta quando le hanno sparato.

Dopo la sua morte, la sua storia online ha mostrato che era una teorica della cospirazione, inclusa una credente in essa legale. Elementi del movimento conservatore stavano cercando di rendere Babbitt a martire per la loro causa.

Dopo che la disponibilità della maglietta è stata portata all’attenzione da un post su Twitter di un giornalista di Vox Aaron Robar, Bruciare cinguettare Una rapida scusa dal suo account ufficiale, scrivendo: “Grazie per aver portato questo prodotto alla nostra attenzione. Questo articolo non è più disponibile per l’acquisto su Sears.com o Kmart.com.”

Entrambi gli analisti sono di proprietà di Transformco.

l’anno scorso, Walmart La maglietta di All Lives Matter si trova sul suo sito web.

Entrambi i casi evidenziano le preoccupazioni dei venditori esterni: le aziende venderanno beni da fonti esterne senza controllo.

A giugno è stato Il giornale di Wall Street Ha riferito che Urban Outfitters e J Crew apriranno i loro negozi digitali a venditori esterni, nel tentativo di competere con Amazon, che vende merce prima di loro da anni.

Ad aprile, in una lettera agli azionisti, allora CEO di Amazon, Jeff BezosHa affermato che i venditori di terze parti rappresentano il 60% delle vendite totali di Amazon, rispetto al 34% nel 2010 e al 3% di dieci anni fa.

READ  The sacrilege trial begins over LGBT rainbow placement on a Polish icon

Il mese scorso, il primo rivoltoso del Campidoglio ad essere condannato, Anna Morgan LloydHo avuto la libertà vigilata invece del carcere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *