Scuola: Azolina, temo che papà non lavori più – politica

Torna in classe oggi per i ragazzi delle superiori Toscana (Poco più di 166 mila), Abruzzo (56.500) e Valle de Asta. I ragazzi restituiranno il 50% delle presenze. Tutte le altre regioni hanno scelto di tornare sui banchi degli studenti delle scuole superiori tra il 18 gennaio e il 1 febbraio. Oggi sono previste dimostrazioni e flash mob. Bambini, studenti e insegnanti, da nord a sud, sono invitati a tornare a scuola.

“È difficile per gli studenti capire perché non sono tornati a scuola. Capisco la loro frustrazione: la scuola è un diritto costituzionale se mi portano fuori da scuola. Non sarei qui”. Così è il ministro dell’Istruzione Lucia Assolina Su Radio Roy 1. “Tutto tranne il liceo nelle zone delimitate dal giallo è aperto, che crea profonde cicatrici e i bambini devono esprimere la loro comunità. Qualcuno commette l’errore di credere che la scuola non guadagni: se chiudo un negozio io, purtroppo, so quanto ho perso, come questo della scuola Non si parla, ma i costi sono altissimi. Sono molto preoccupato, oggi papà non può più lavorare, c’è un’oscurità da parte della comunità, i ragazzi sono arrabbiati, distratti e io sono preoccupato per l’esplosione all’uscita dalle elementari ”.

“Zero non è pericoloso, ma non è neanche lontanamente vicino – ha aggiunto – il rischio all’interno delle scuole è molto basso, come dimostrano gli studi italiani ed europei. La scuola è molto ben organizzata. Ho fatto tutto questo. Quello che posso fare non è diverso da come vengono condotte le attività di produzione”, ha detto. Invito tutti ad andare a scuola “, ha detto il ministro Asolina.

READ  Focnini, Italia, ha vinto direttamente a Chinner Monte Carlo

“Da parte mia non c’è contenzioso con le Regioni. Ma dobbiamo raccontarvi i fatti: volevamo riaprire le scuole il 9 dicembre. Qualcuno ha detto che non ce l’avevamo, ma sono iniziate le attività produttive. Un contratto firmato il 23 dicembre garantisce il ritorno del 50% delle scuole superiori. All’unisono con i territori forniti, è iniziato un lavoro massiccio sugli orari e molti altri autobus sono in programma. All’inizio di gennaio, molti leader regionali si sono detti disposti a riportare in classe il 75% dei bambini. Ci sono aree di lavoro migliori come la Toscana, dove monitoriamo tutto nel ministero, facciamo l’informazione; Il lavoro svolto dai gestori è encomiabile, è difficile per i bambini e oggi gli studenti capiscono perché non viene riaperto: hanno ragione, capisco la loro frustrazione, prendono la mia scuola e Se la scuola è un diritto costituzionale, non ci sarò “.

“Il ministro agisce” considerando la maturità. “Abbiamo chiesto agli studenti di fare dei progetti per noi: l’anno scorso ci hanno presentato dei piani ragionevoli; prenderemo presto una decisione, vista la completa incertezza sulle date in cui i ragazzi scivoleranno come la tela di Penelope, per sicurezza bisogna affidare loro il ministero”.

“Capisco i bambini: il diritto all’istruzione è necessario, e mi arrabbierò – dice il titolare del ministero dell’Istruzione – Ho il dovere di dire loro che il governo ha fatto tutto il possibile per riavere la scuola. A maggio 2020 i medici mi hanno scritto per chiudere la scuola, tanti oggi devono aprire le scuole. Ricevo lettere dai medici: vedono le difficoltà dei loro figli. Ho ricevuto ieri sera una lettera dall’anestesista “.

READ  La leggenda dei Rangers Cassa tornerà emotivamente in italiano, sono diventato una celebrità dopo un trapianto di spalla

“Ricominciando, il 75% dei test è stato eseguito ei commissari possono iniziare a regolare i test già effettuati. Completeremo i test di quella competizione il prima possibile. Mancano 4 giorni per completare. Normale competizione”.

Il ministro della Salute ha parlato anche della questione del rientro in classe domenica sera Roberto Speranza. “Domani discuteremo con le Regioni (edizione odierna), ma sembra complicato vedere la chiusura delle scuole superiori e l’apertura degli impianti di risalita. Sarà questo uno dei temi, e poi di nuovo in parlamento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *