Schizzi di lava dal Monte Edna, Italia

Telegrafo

Ministero della Pubblica Sicurezza cinese – il “braccio obbligatorio” del Partito Comunista

A pochi isolati dal fiume Giallo attraversano Shanghai, rendendolo uno dei quartieri più antichi della città. Un cartello con inciso la scritta “pubblica sicurezza” si estende all’ingresso. È anche una delle migliaia di stazioni in Cina sotto il Ministero della Pubblica Sicurezza (MPS) – alcune in grandi edifici e altre in unità di furgoni mobili – responsabili della legge e dell’ordine. MBS per combattere la criminalità in tutte le sue forme come omicidio, furto, droga, criminalità economica, antiterrorismo. Opera anche a livello di base, conducendo pattuglie di quartiere, espellendo venditori ambulanti illegali, scrivendo biglietti del traffico e garantendo l’armonia sociale della distanza nei ristoranti. Ma in Cina, l’MBS, che ha due milioni di ufficiali e un’ampia gamma di filiali, è più di una semplice forza di polizia regolare. “MBS – non sono solo la polizia”, ​​ha detto Samantha Hoffman, analista senior presso il think tank Australian Strategic Policy Institute. “Sono lì anche per proteggere il governo del partito, Xi Jinping ha chiarito … alla fine, MBS è leale [Chinese Communist] Deve essere fedele al partito, così come ad altre parti del partito-stato. “

READ  Serena Williams ha perso ancora una volta sulla terra battuta in Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *