Scenografo “Luca” sul panorama italiano del film Pixar

Quando la scenografa Daniela Strigleva si è unita a “Luca” della Pixar nel 2016, sapeva due cose: la storia era ambientata in Italia ed era solo una finzione. Con un’animazione 3D ispirata alla grafica dei cartoni animati in 2D del regista Enrico Casarosa, il film, disponibile dal 18 giugno su Disney Plus, è la storia di due adolescenti che trascorrono un’estate tranquilla sulla costa italiana. E si dà il caso che siano mostri marini.

Avendo vissuto in Italia da bambina, con bei ricordi di nuotare nel caldo Mediterraneo, Strijleva sentiva di avere una profonda conoscenza del paese. Il raggiungimento della maggiore età del regista Enrico Casarosa e l’incontro con un mostro fuori dall’acqua è una lettera d’amore alle sue estati d’infanzia.

Per far emergere i dettagli, Casarosa, Strijleva e il team di produzione hanno esplorato luoghi in Italia, vagando per le stradine e i paesaggi panoramici delle Cinque Terre, dove si trova la città immaginaria di Portorosso. Abbiamo fatto battute di pesca e fatto snorkeling in mare. Volevo catturare i colori e le profondità del blu e del verde che rendono il Mediterraneo così unico”, afferma Stregleva.

E mentre era lì, ha scattato migliaia di foto e fatto schizzi. “Dobbiamo creare i nostri attori, dobbiamo costruire tutto perché non abbiamo il lusso di veri gruppi e umani nei nostri film”, spiega.

Gli elaborati fondali immergono il pubblico in un mondo incantevole e solare di gelaterie, Vespe e barche da pesca che contrastano con l’habitat dei mostri sottomarini. Durante la creazione della piazza della città, la piazza è stata progettata sulla base del design del teatro. “L’abbiamo aperto in un trapezio in modo da poterlo vedere tutto allo stesso tempo”, dice.

READ  Il marchio di stivali da cowboy degli anni '80 sta tornando alla ribalta: WWD

Casarosa e Strijleva si innamorarono entrambi della gente colorata della zona. Personaggi come le tre donne anziane sedute su una panchina, gli uomini che giocano a carte a un tavolo, il negoziante, il ristoratore e il pescatore erano tutti della classe operaia e ognuno aveva un lavoro specifico con un retroscena. Per quanto riguarda gli effetti, Strijleva dice: “Abbiamo guardato ai film neorealisti italiani. Abbiamo anche guardato i film di Jacques Tate perché c’è molta magia e umorismo in loro”.

Luca, doppiato da Jacob Tremblay, aveva un design carino. “È curioso, ha una grande immaginazione e guarda il mondo attraverso i suoi grandi occhi espressivi”, dice.

Una delle sfide più grandi è stata ottenere il carattere del mare. “Questa è stata la parte più difficile in termini di design. Il colore è così ricco che volevamo mantenerlo”, afferma. “Volevo che questo mondo si muovesse e si sentisse organico, senza linee rette”.

In vero stile Pixar, c’è un’abbondanza di uova di Pasqua. Gli spettatori dovrebbero annotare i nomi delle strade che onorano un regista o un autore, ad esempio. “Ci siamo divertiti molto a progettare la grafica”, afferma Strijleva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *