‘Scene di scheletri viventi’ – Bergamo, Italia

Santa Greta Inter in Chiesa Whites è così chiamato perché qui furono sepolti per la prima volta i resti di Santa Greta. Ciò indica che la chiesa era un tempo circondata da vigneti. L’originale Cesa de Santa Grata Interweeds appartiene al XIV secolo, ma fu distrutta nel XVI secolo. L’edificio attuale risale al XVIII secolo ed è un’aggiunta relativamente nuova a una città che rimane dell’antico impero romano.

L’edificio è molto modesto. “Scene di scheletri viventi” di Bonomini (“Scene de Sheletri Vivendi”) – una raccolta di sei dipinti che appaiono dietro l’altare. Vincenzo Ponomini dipinse questa raccolta tra il 1802 e il 1810 per celebrare il suffragio per i morti. In questo senso, i dipinti sono in mostra solo una volta all’anno per questa celebrazione. L’idea alla base delle immagini è quella di catturare scene naturali, trasformando corpi con scheletri, ricordando alle persone l’instabilità dell’esistenza umana.

Le persone utilizzate come ispirazione per questi dipinti erano ben note nella zona e, sebbene fossero indicati come scheletri, la loro relatività migliorò poiché erano facilmente riconoscibili. In particolare, la scena con il pittore è un autoritratto, con la moglie di Bonomini e il suo giovane studente. Il messaggio di base è che proprio come lo scheletro è parte integrante di un organismo, così la morte è parte integrante della vita.

Questa triste notizia non ha raggiunto tutti. È stato in grado di identificare l’identità della persona dietro ogni scheletro, derivata dall’umorismo, una caratteristica riscontrata in altre opere di fonominio. Tuttavia, non tutti apprezzano il mix di umorismo e vivacità. Nel XIX secolo questi dipinti furono rimossi dalla chiesa e donati al Museo di Firenze.

READ  Smettila di fingere che i fascisti italiani siano vittime innocenti

Sebbene manchino le espressioni facciali di questi personaggi, le loro emozioni possono essere facilmente intuite dallo sguardo, dagli abiti e dal contesto in cui appaiono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *