Sai da dove viene la pasta? Spoiler: non l’Italia

accedere CascateLa forma di pasta più nuova al mondo, italiana, significa “cascata”. Bashman ha creato la forma Prendi molta salsa e colpisci facilmente con una forchetta. Per me, a Storico del cibo ed ex chef bistrot, Sembra il figlio dell’amore di due paste meno conosciute, Creste della cistifellea E Mafaldin.

La storia di questa nuova forma è ampiamente documentata, in cui a Podcast in cinque parti, La storia dietro la forma della pasta era un po ‘cupa.

Cascadelli Significa “cascata” in italiano, da qui la sua forma. [Photo: Filibustre/Wiki Commons]

Noodle è nato

La pasta è uno degli alimenti trasformati più antichi, risalente al VI secolo a.C. 1100 a diverse migliaia di anni fa. In confronto, il pane Prima dell’8000 a.C.

Il tritico, o grano duro, è necessario per fare una pasta secca robusta Origine del Medio OrienteCosì, prima che gli arabi e altri in Medio Oriente diventassero comuni in Italia, le prime forme moderne di pasta secca – come l’asini de pepe e il couscous – avrebbero potuto essere preparate e mangiate.

Queste piccole forme di pasta possono essere conservate bene nei climi caldi e cucinate utilizzando pochissimo carburante, che nel mondo arabo scarseggiava. Poiché erano disidratati e robusti, erano il cibo ideale per le persone che viaggiavano in Medio Oriente e Nord Africa.

La prima forma di pasta era una semplice sfoglia, che veniva trattata come un impasto di pane. Non ha la qualità dei denti (conosciuta come “al dent”) associata alla pasta italiana oggi, e sarebbe stata simile al pane di mozzarella azzimo con salsa. Il Primo appunto sulla pasta al forno Non fino al V secolo d.C. Talmud di Gerusalemme.

READ  Grecia, Italia, Spagna hanno bisogno di dollari di viaggio europei

La maggior parte delle prime forme di pasta che consideriamo il centro della critica italiana – vale a dire vermicelli e spaghettiProbabilmente creato per la prima volta dagli arabi Non è apparso in Italia fino al IX o X secolo. Queste tagliatelle si diffusero quando il grano duro si affermò in Sicilia e i produttori di alimenti regionali impararono a lavorare con la farina di semola che produce.

L’Italia e l’eruzione dei modelli

Spaghetti, che significa piccole stringhe, Facile da fare E secco nel clima del sud Italia.

In Italia, questi spaghetti sottili erano originariamente tagliati da fogli usando coltelli o tronchesi. Quasi tutte le forme iniziali potrebbero essere state create a mano, il che è un processo difficile, quindi le persone hanno lavorato per trasformare la loro produzione in modo più efficiente man mano che la pasta acquisiva importanza nella loro dieta.

Ciò che ha davvero innescato l’esplosione delle forme di pasta Invenzione della pressa per estrusione. Sono state testate versioni di un estrusore del 1300, ma ci sono voluti Rivoluzione nella cinetica La rinascita che ha permesso alle macchine di produrre velocemente pasta in serie, comprese forme come maccheroni al gomito, ricottoni e tagliatelle.

La produzione manuale di pasta dura a base di semola può essere eseguita su larga scala dalle macchine per quanto possibile. L’impasto veniva steso con “dadi” di bronzo, che gli conferivano lo stile di pasta oggi familiare. Il bronzo era duro ma abbastanza morbido da poter essere facilmente lavorato utilizzando tecnologie preindustriali.

L’introduzione dei motori a vapore nel 1800 Durante la rivoluzione industriale Ha reso il processo di espulsione degli spaghetti ancora più efficiente. Quando la pasta prodotta in fabbrica divenne popolare tra il pubblico, i produttori aggiunsero rapidamente pasta di varie forme e dimensioni alle loro abilità. Forme fantastiche come gemmelly, radiatore, ruote di carro e conchiglie imbottite presto affollarono gli scaffali.

READ  Il presidente austriaco afferma che i vaccini del governo dell'UE vengono distribuiti equamente mentre l'Italia si propone di chiudere scuole e negozi
I pastai utilizzano trafile in bronzo per estrarre varie forme. [Photo: LucaLorenzelli/iStock]

L’America abbraccia i noodles

Gli Stati Uniti sono stati lenti a seguire molte delle forme di pasta comuni in Italia.

Questo nonostante il fatto che il padre fondatore fosse Thomas Jefferson È stato un grande sostenitore della pasta Aveva persino un pastaio a casa sua a Monticello.

I primi immigrati italiani negli Stati Uniti provenivano dalle parti settentrionali della penisola, ma il loro numero complessivo era piccolo. Il Il primo pastificio documentato negli Stati Uniti Fondata a Brooklyn nel 1848, durante la Guerra Civile, i maccheroni, come venivano spesso chiamati, erano molto comuni sulla tavola americana. Sebbene gli spaghetti italiani siano chiamati maccheroni, sono per lo più spaghetti piatti simili a spaghetti.

americano Il consumo di pasta iniziò ad aumentare A seguito del “massiccio afflusso” di quasi 4 milioni di immigrati italiani negli Stati Uniti dal 1880 al 1920, la maggior parte proveniva dall’Italia meridionale. La maggior parte dei piatti di pasta che gli americani conoscono oggi sono diventati popolari, come gli spaghetti e le polpette, i maccheroni al gomito e le linguine con salsa glam.

Ma gli americani non sono esistiti fino al “boom alimentare” italiano degli anni ’70 e ’80 Abituato alla cornucopia delle forme di pasta, Formati, salse e ripieni sono comuni in Italia.

Oggi gli americani considerano la pasta Uno dei loro cibi preferiti, Cioè c’è sempre spazio per un’altra categoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *