Rugby: Gli All Blacks raggiungono la fine del girone nel North Round

Analisi C’è una piccola ironia sulla più grande sfida degli All Blacks fino ad oggi nel loro tour nell’emisfero settentrionale.

Bewden Barrett segna contro il Galles 2021.
Foto: riprese

Dopo tre test unilaterali consecutivi, tutti i segnali indicavano correttamente la partita irlandese come quella per cui valeva la pena alzarsi, ma ora la squadra si trova un po’ stupita dai Black Caps e dalla loro emozionante progressione verso la finale della Coppa del Mondo T20.

In effetti, gli All Blacks non sono probabilmente nemmeno il più grande affare a Dublino questa settimana.

La Repubblica d’Irlanda ha ospitato, giovedì sera, il Portogallo nelle qualificazioni ai Mondiali all’Aviva Stadium, dove i visitatori stavano calcando Cristiano Ronaldo in campo e gli occhi del mondo del calcio su di lui.

Ronaldo, che è tornato al Manchester United dalla Juventus in questa stagione, sta guadagnando più in una settimana di quanto la maggior parte degli All Blacks stia guadagnando in questa stagione nonostante abbia preso un taglio di £ 6 milioni per trasferirsi all’Old Trafford.

Ma quando gli All Blacks scenderanno in campo, Ronaldo se ne sarà andato da tempo e l’attenzione sarà su ciò che l’Irlanda porterà agli All Blacks dall’aspetto molto forte.

La maggior parte è prevista, e il ritorno a sorpresa di Aaron Smith significa che è stato solo in un bagaglio a mano per il dovere questa settimana.

Aaron Smith ringrazia i fan.  I primi neri della Nuova Zelanda contro l'Irlanda.  1/4 di finale della Coppa del Mondo di rugby 2019.

Aaron Smith.
Foto: Footsport/Andrew Koringa

Sarà interessante vedere quale ruolo giocherà Smith la prossima settimana, dato che mentre la sua convocazione si trasformerà probabilmente in una grande resa dei conti con il capitano della Francia Antoine Dupont, non era esattamente una mossa che sembrava del tutto necessaria.

READ  Il presidente Biden parla con calma e porta avanti una grande economia

Un aspetto positivo del tour è stato che tutti e tre i quarterback erano così bravi che il debuttante Finley Christie sembrava a casa con una maglietta nera.

Brad Webber ha avuto un colpo in faccia che dovrebbe tenerlo fuori per le restanti due partite, quindi portare in campo Smith come copertura per infortunio è più una storia che se andassero con un altro giovane giocatore che non si farebbe illusioni che sarebbe stato il suo turno sedersi e guardare. O, più realisticamente, aiuta Christie e TJ Perinara a fare il lavoro.

La saga di selezione Beauden Barrett v Richie Mo’unga è iniziata, con Barrett che ha ottenuto il cenno del capo dopo la sua eccellente prestazione contro il Galles.

Ora siamo arrivati ​​al punto in cui dobbiamo accettare che Ian Foster stia semplicemente usando i due come cavalli da corsa, con tutte le possibilità che Mo’unga torni a partire dal prossimo fine settimana.

Per Bewden Barrett, la sua selezione è in qualche modo abbinata a suo fratello Jordi, la cui buona forma significa che ora è sicuramente la scelta numero uno per il terzino e anche un portiere affidabile. Questa era l’unica cosa che Mo’unga aveva su Beauden, ma ora il veterano del 100° test può convincere il suo fratellino a prendere il tee per lui.

Sam Kanye è ancora sul ghiaccio nonostante abbia passato indenne il match contro l’Italia.

Esattamente quello che fa il suo metodo alla schiena per il suo futuro capitano sarà intrigante, poiché Samuel Whitlock è stato naturalmente in forma come capitano e non sembra essere dell’umore giusto per chiamarlo un giorno in qualunque momento presto. A 33 anni, ha ancora un’altra Coppa del Mondo ed è probabile che partirà come l’All-Blacks con più presenze di sempre.

READ  JetBlue banned Lil Pump after refusing to wear a mask

La selezione di Sevo Reese mostra come una grave aberrazione di carriera avrebbe potuto portarlo a giocare contro, non per, gli All Blacks, e il suo licenziamento senza una condanna per un incidente di aggressione maschio-femmina nel 2017 ha rotto un contratto con la contea irlandese del Connacht.

Se fosse andato e avesse giocato nel modo in cui lo vedeva regolarmente nelle classifiche dei punti nel Super Rugby, è molto probabile che si qualificherebbe per la maglia verde ora dopo una residenza di tre anni.

Gli All Blacks si candideranno come candidati, ma c’è un’aria di mistero intorno a questo test dopo che l’Irlanda ha demolito il Giappone lo scorso fine settimana.

Gli irlandesi avranno ancora bisogno di tutti i loro giocatori chiave per giocare la loro migliore partita dell’anno allo stesso tempo, ma gli All Blacks saranno ben consapevoli che questo è esattamente quello che è successo l’ultima volta che sono andati a Dublino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *