Ronaldo torna in Portogallo mentre la Juventus lotta per mantenere l’élite europea


Porto (Portogallo) (AFP) – Cristiano Ronaldo torna nel suo nativo Portogallo per la prima volta come giocatore della Juventus, mentre la sua squadra affronterà il Porto mercoledì contro i giganti italiani per tenere il passo con i club europei più forti della Champions League.

In campo, la Juventus è ancora in piedi sotto l’allenatore debuttante Andrea Pirlo, ma brama la gloria europea più di ogni altra cosa dopo aver perso cinque finali di Champions League da quando ha vinto il titolo nel 1996.

Nel frattempo, fuori dal campo, il loro capitano Andrea Agnelli è una delle figure di spicco dietro i piani per riformare la competizione per club d’élite del continente.

Agnelli, che è anche l’influente presidente della European Club Association, è stato uno dei principali sostenitori della UEFA Champions League assicurando l’accesso a pochi membri dell’élite e rendendo difficile l’adesione di altri club.

Tra i discorsi di una Super League separatista che indubbiamente mostrerà il suo club, il più ricco e vincente d’Italia, il 45enne ha dato il suo sostegno per espandere la Champions League dal 2024 in poi, garantendo più partite e, in definitiva, più soldi .

“Penso che sia nostro dovere pensare al futuro e garantire che il calcio rimanga il miglior sport del mondo”, ha detto recentemente Agnelli, mentre contemplava le sfide per cercare di garantire che la Generazione Z non perda interesse per lo sport.

“Tutto dovrebbe essere basato sul merito sportivo, ma dobbiamo ricordare dove si trovano i nostri tifosi in futuro. Crediamo fermamente che più partite europee siano benvenute”.

La Juventus ha dominato il campionato italiano negli ultimi dieci anni senza mai riuscire a vincere la Champions League. Nel frattempo, il Porto è l’unico club al di fuori dei cosiddetti campionati “Big Five” negli ultimi 16 di questa stagione. Entrambi hanno vinto due volte la Coppa dei Campioni.

READ  L'italiano Paolo Garbisi stabilisce una legge per l'idolo di Sexton

Per il Torino, il successo in Europa in questa stagione è ancora più importante in quanto il loro dominio interno mostra segni di vacillamento sotto Pirlo con la speranza di vincere lo scudetto per la decima volta consecutiva.

La sconfitta per 1-0 contro il Napoli sabato ha lasciato la Juventus a otto punti dalla capolista Inter, anche se una partita in mano.

Ronaldo ha insistito sul fatto che “questa sconfitta non ci deluderà”.

“Alziamo la testa e pensiamo alla Champions League”.

Nel frattempo, il Porto ha pareggiato nelle ultime quattro partite a livello nazionale e si trova a dieci punti dalla capolista Sporting Lisbona.

Ronaldo contro Pepe

Le speranze della Juventus saranno su Ronaldo, cinque volte vincitore del Pallone d’Oro, capocannoniere in Champions League con 134 gol, firmato dal Real Madrid nel 2018 per consegnargli il trofeo.

Ronaldo affronta una squadra portoghese per la prima volta dal 2016, quando ha battuto il Real Madrid sul suo ex club Sporting 2-1.

Ma la sua ultima visita in Champions League all’Estadio do Dragao torna ai quarti di finale, il ritorno di aprile 2009 con il Manchester United.

È stato un pareggio per 2-2 dopo la difficile gara di andata all’Old Trafford.

Tuttavia, dopo sei minuti, Ronaldo ha raccolto la palla a 35 metri di distanza per sparare un fulmine per l’unico gol della partita e inviare la sua squadra.

Ronaldo ha giocato 12 partite europee contro squadre portoghesi divise tra Benfica, Porto e Sporting. Ha quattro gol contro di loro e tanti assist.

“Mi aspetto di vincere ma sappiamo che sarà molto dura”, ha detto a UEFA.com il capitano del Porto Pepe.

READ  Incontra Mary Philip, coach di Beckham Town

Il 37enne ha giocato al fianco del collega nazionale portoghese Ronaldo a Madrid, dove hanno vinto tre titoli di Champions League insieme.

“Secondo me, hanno il miglior giocatore del mondo e questo è Cristiano Ronaldo”, ha continuato il difensore brasiliano.

“Non ho mai giocato contro di lui. Quindi abbiamo interrotto il nostro lavoro per noi.

“Sarà una partita speciale tra Porto e Juventus, più di quella tra Pepe e Ronaldo.

“Il Porto deve ancora sconfiggere la Juventus. Spero che questa sia la prima volta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *