Roma-Leicester: Mourinho è un uomo speciale, ma questo è un momento di Rodgers?

Il Leicester Brendan Rodgers ha pareggiato 1-1 con l’AS Roma guidata da Jose Mourinho dopo l’andata della semifinale di Europa Conference.

Diciotto anni dopo il loro primo incontro, il boss del Leicester Brendan Rodgers e Jose Mourinho dell’AS Roma si sfideranno giovedì sera per un posto nella finale di Europa Conference.

Potrebbe non essere la concorrenza ad avere un alto profilo nelle loro ambizioni di carriera, in realtà Rodgers Non ero sicuro di cosa fosseLink esterno Quando i Foxes sono stati eliminati per essere stati espulsi dall’Europa League, ma con un punteggio di 1-1, la gara di ritorno in Italia ha un significato per entrambi gli allenatori.

Mourinho e Rodgers hanno lavorato insieme durante il suo primo periodo “speciale” al Chelsea. Rodgers è stato un allenatore delle giovanili dei Blues dopo essere stato portato dalla Reading Academy nel 2004, prima di assumere la guida di Swansea City, Liverpool e Celtic, tra le altre squadre.

Ha affermato a lungo il suo posto come uno dei migliori allenatori di casa della sua generazione, quindi cercare di segnare un pareggio in Italia mentre l’allenatore cerca di battere il maestro sarebbe troppo lungo.

Tuttavia, la situazione di stallo allo Stadio Olimpico ha il potenziale per confermare il passaggio di Rodgers a Mourinho nell’attuale gerarchia degli allenatori.

No, ovviamente, in termini di carriera. Con otto scudetti in quattro paesi e due vittorie in Champions League, i momenti salienti della sua carriera ricca di trofei, Mourinho si è affermato come uno dei più grandi allenatori dell’era moderna.

Ma l’ultima vittoria significativa di Mourinho è stata anche per il Manchester United, quando ha vinto l’Europa League nel 2017. Quindi, per Mourinho, 59 anni, la partita di Leicester è importante.

READ  Il portiere dell'Italia Gianluigi Donnarumma arriva al Chelsea dopo il trasferimento estivo al Paris Saint-Germain

Per Rodgers, che è il giocatore più giovane del Portogallo fino ad oggi a 10 anni, guidare il Leicester alla sua prima finale europea lo confermerebbe come l’uomo del futuro, sottolineando ulteriormente l’idea di Mourinho come un uomo il cui tempo è passato.

club Grandi premi
Porto (2002-04) Primeira Liga (x2), UEFA Champions League, Coppa UEFA (ora Europa League), Coppa del Portogallo
Chelsea (2004-07 e 2013-15) Premier League inglese (x3), FA Cup, League Cup (x3)
Inter (2008-10) Serie A (x2), Champions League, Coppa Italia
Real Madrid (2010-13) Campionato spagnolo e Coppa del Re
Manchester United (2016-18) Lega Europea, Coppa di Lega
Tottenham (2019-21) Nessuno
Roma (2021-22) Nessuno

Non che Rodgers lo direbbe. Ha molta ammirazione per l’uomo che ha contribuito a plasmare la sua carriera.

“Un uomo speciale”, ha descritto Rodgers Mourinho prima dell’andata della scorsa settimana.

La filosofia calcistica di Mourinho era incentrata su forza e potenza. I Rodgers sono più sofisticati ed eleganti, ma condividono la stessa attenzione ai dettagli. Entrambi hanno la stessa voglia di mettere a punto ogni aspetto del loro piano di gioco.

“Era attento ai dettagli”, ha detto Rodgers di Mourinho. “Gestiscilo con i giocatori. La sua comprensione degli adattamenti tattici del gioco e di come puoi promuoverli con i giocatori.

“Aveva quella qualità speciale. Nei miei anni formativi come allenatore è stato interessante vedere come poteva portare le persone con sé”.

Rodgers è stato incuriosito dall’approccio carismatico di Mourinho al lavoro, almeno dal punto di vista dei media, stando occasionalmente in fondo alla sala durante le conferenze stampa per capire il modo unico in cui Special One ha gestito i giornalisti riuniti.

“Non ho dimenticato cosa ho guadagnato da lui da giovane allenatore”, ha detto Rodgers. “L’ho studiato e guardato. Ero al primo posto per quello.”

Tuttavia, quando gli è stato chiesto di unirsi alla divisione della prima squadra del Chelsea, Rodgers ha rifiutato, preferendo rimanere un allenatore di riserva poiché questo ruolo gli ha permesso di trascorrere più tempo sull’erba, come viene ora chiamato, allenamento vero e proprio, che considera il suo punto di forza.

Questo non deve essere interpretato come disprezzo. Né dovrebbe avere alcun senso che Rodgers manchi di rispetto per i metodi di Mourinho.

Le critiche a Mourinho, come ha sostenuto in precedenza Rodgers, provengono da coloro che non hanno idea di cosa significhi essere sulla linea laterale e sono troppo sotto pressione per cercare di ottenere risultati, partita dopo partita, settimana dopo settimana.

“Sono stato al Chelsea per quattro anni e poco – ha detto Rodgers -. Ci sono stato per tre di loro”. “Le squadre che ho visto allenare, allenarle per essere aggressive. Non c’è niente di sbagliato in questo. Ha formato le sue squadre per rendere molto difficile vincere. Anche questo va bene.

“È uno dei grandi della nostra generazione. Non ha nulla da dimostrare a nessuno. È un vincitore. Sarà sempre un vincitore”.

Ovviamente, questo non impedisce a Rodgers di voler battere Mourinho.

Vuole il vino portoghese che ha regalato all’ex allenatore di Real Madrid, Inter, Manchester United e Tottenham prima dell’andata per non avere l’amaro in bocca della sconfitta quando si bevono dopo la partita.

Parlando al “boot room” della FA una decina di anni fa, Rodgers ha sottolineato una filosofia di gestione che derivava dalla sua limitata carriera da giocatore, quando si è reso conto che stava trascorrendo più tempo senza la palla che con essa.

“La cultura era molto lunga e diretta e non mi andava bene come giocatore”, ha detto.

“Ero tecnico, ma le partite che mi è stato chiesto di giocare non erano divertenti da giocare. Ho iniziato un viaggio cercando di far sentire importanti i giovani giocatori e dare loro fiducia per affrontare il calcio”.

Quindi il gioco da dietro, i tiri dal fondo corti per i difensori all’interno dell’area di rigore, il comfort del portiere nel possesso palla, le tecniche usate da Pep Guardiola e Jurgen Klopp nel Manchester City e la corsa del Liverpool in vetta all’Europa League, derivano molto dal libro di Rodgers .

Al contrario, Mourinho è visto come un po’ un dinosauro, sempre più attratto dalla salvezza nella parte posteriore e che cerca di colpire in contropiede. Con il 68% di possesso palla e da 13 a quattro tiri per il Leicester, ecco come le statistiche raccontano la storia dell’andata della scorsa settimana.

Non è giusto per Mourinho, anche se il Leicester dovrebbe prepararsi a incontrare una Roma molto più ampia nella capitale italiana.

Ci si può aspettare un concorso interessante.

Per l’allenatore vincitore, ci sarà la possibilità di disputare l’edizione inaugurale della European Conference League a Tirana il 25 maggio, possibilmente accompagnato da una leggera vanteria sull’ex compagno di squadra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *