Ricostruzione del Washington Post sull’attacco al Congresso

Il Washington Post Pubblicato Combinando diversi video caricati online dagli stessi sostenitori di Donald Trump, il video ricrea l’attacco del Congresso degli Stati Uniti del 6 gennaio scorso alla rappresentazione grafica del percorso intrapreso tra i corridoi, le stanze e le aule dell’edificio. 41 minuti dopo che le prime finestre sono state rotte alle 14.22 locali fino alla fine delle procedure di evacuazione di deputati e senatori, il video mostra diversi momenti giunti a pochi metri dai parlamentari, separati da semplici porte da alcuni agenti di polizia.

Il Washington Post Ha utilizzato il modello tridimensionale del Congresso per ricostruire una cronologia e un percorso in documenti, sms, testimonianze di parlamentari, foto e centinaia di video per ricostruire l’attacco. Utilizzando un metodo di riconoscimento facciale, si stima che almeno 300 persone siano entrate nell’edificio, aggiungendo che potrebbero essercene di più.

Ad esempio, la ricostruzione spiega che gli aggressori sono passati attraverso la camera del Senato un minuto dopo che il vicepresidente Mike Pence, che presiedeva la sessione di certificazione dei risultati delle elezioni, è stato portato in un ufficio vicino. La maggior parte dei senatori era ancora in aula. Dall’altro lato dell’edificio dove si trova la Camera dei Rappresentanti, i delegati sono separati dagli aggressori da un’unica porta a vetri rinforzata con barriere temporanee. Il video mostra tutta la forza della morte del sostenitore di Trump Ashley Babbitt, che è stato ucciso dalla polizia mentre scivolava e cadeva nello spazio aperto della porta.

Alcuni degli aggressori volevano “rapire e assassinare deputati e senatori”, I procuratori federali dicono che stanno indagando sull’attacco. Più di 100 persone sono già state arrestate in relazione all’attacco, che ha provocato la morte di cinque persone, tra cui Brian Signick, un ufficiale della polizia del Campidoglio, una forza di sicurezza del Congresso. Una delle questioni sotto inchiesta sono i legami tra i militanti coinvolti nell’attacco al Congresso e alcuni membri della polizia. Gli investigatori dell’attacco includono agenti di polizia statunitensi (Washington, California, Texas e altri), nonché membri di alcuni vigili del fuoco dello stato della Florida e di New York.

READ  Thales fornirà una soluzione di comunicazione dati alla metropolitana di Prussia in Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *