Rick Steves sulle Alpi Italiane e Relax nelle Dolomiti

Appoggiato allo schienale della mia poltrona, mi godo il calore del sole sulla pelle. Un mare vibrante si apre davanti a me, ma è un mare di fiori di campo. Non sono in spiaggia, sono in una fattoria, in attesa del più grande prato d’alta montagna d’Europa, curato da capre e mucche da masticare. Da lontano, le cime innevate appaiono sfacciate contro il cielo azzurro. Queste sono le Alpi italiane, le Dolomiti.

La mia colonna sonora è la risata allegra dei bambini italiani che si divertono in una fattoria didattica piena di creature alpine. A pochi metri di distanza, i loro genitori stanno bevendo vino sulla veranda della loro pensione nel loro chalet, godendosi appieno questo paese lontano (la dolcezza del non fare nulla)… come me.

Alti prati chiamati Alpe di Siusi (o “Seiser Alm” in tedesco) sembrano galleggiare in alto sopra Bolzano, separando due delle valli più famose del comprensorio sciistico dolomitico, la Val di Fassa e la Val Gardena. Misurando 3 miglia per 7 miglia, l’Alpe di Siusi è alta 6.500 piedi ed è piena di fattorie ed escursionisti felici che godono di dolci sentieri. Queste montagne si differenziano dal resto delle Alpi per la loro roccia dominante – il calcare – che forma pareti verticali trasparenti di colore bianco, grigio e rosa pallido che si innalzano bruscamente da valli e prati verdi.

All’inizio del prato, i Monti del Sassolungo offrono uno sfondo dolomitico. Al contrario, il Monte Sciliar – una cresta lunga e piatta che termina in temibili massi – si erge audacemente mentre guarda nella nebbia della penisola italiana. Non sorprende che lo Sciliar abbia dato agli antichi abbastanza volontà per generare miti sui poteri soprannaturali. La paura della strega di Schlieren, l’odierna mascotte del depliant turistico, è stata la causa della morte infuocata di molte donne del paese nel Medioevo.

READ  L'Italia multa Google di 123 milioni di dollari per aver abusato di una posizione dominante

Come riserva naturale, l’alpe incastonata tra le cime è praticamente chiusa al traffico. Una funivia porta i visitatori nel parco dalla valle sottostante. All’interno del parco, gli autobus trasportano gli escursionisti da e verso i punti chiave lungo la piccola strada fino ai piedi delle pittoresche Sassou Peaks. I percorsi pedonali nei prati sono l’ideale per il trekking tra i fiori selvatici, mentre gli impianti di risalita mobili fungono da punto di partenza per escursioni più spettacolari e ambite. Le mountain bike sono facili da noleggiare, benvenute sui numerosi impianti di risalita e consentite sui sentieri di campagna della prateria.

L’Alpe di Siusi è la mia tappa preferita nelle Dolomiti per il suo scenario idilliaco, ma anche per la sua facilità di accesso e la varietà di sentieri per passeggiate ed escursioni. C’è anche il fascino del vicino paese di Castelrotto, che uso come base di partenza.

Castelrotto è anche un simpatico burattino della cultura germanica in Italia: yogurt e canti a colazione… Wiener schnitzel e strudel a cena. La regione si è sempre affacciata al nord, prima come parte del Sacro Romano Impero e poi saldamente nel Regno austriaco degli Asburgo. Dopo la perdita dell’Austria nella prima guerra mondiale, il “Sudtirol” (Alto Adige) divenne “Alto Adige” in Italia. Mussolini fece quello che poteva per italianizzare la zona, incluso dare ad ogni città un nome all’italiana (come Castelrotto, noto anche come Castelrotto).

Questa storia faticosamente conquistata ha lasciato questo angolo nord-orientale d’Italia bilingue oltre che bilingue. I segni e la letteratura nella contea indipendente sono bilingue, ma c’è un’enfasi su der Deutsch. Sembra ancora austriaco, culturalmente e geograficamente. Il colore germanico rimane sotto forma di grembiule blu, faccia rossa e calzamaglia. La maggior parte dei locali parla ancora prima il tedesco e molti sentono un rapporto più stretto con i loro antenati germanici che con i loro compatrioti italiani. Sebbene la maggior parte di loro abbia una conoscenza pratica dell’italiano, guardano la TV in tedesco, leggono giornali auf Deutsch e vivono nei villaggi dall’aspetto tirolese. Il governo è riuscito a corteggiare la popolazione locale di lingua tedesca con rotture economiche che la rendono una delle regioni più ricche d’Italia.

READ  I borghi italiani offrono migliaia per invogliare i tuoi figli a trasferirsi e avviare attività commerciali

Adoro tornare a casa a Castelrotto dopo un’escursione nel prato. È stato costruito per i contadini piuttosto che per i pattinatori, quindi ha più carattere di qualsiasi altra città intorno. Entrando in chiesa, mi godo la pratica del coro. Poi, mentre uscivo dalla chiesa alle 3 del pomeriggio, le campane suonavano mentre guardavo la felice processione dei genitori che portavano a casa i loro bambini in età prescolare. Questi momenti idilliaci possono sembrare un cliché culturale, ma sono autentici e non offrono ai turisti. Sono momenti come questi che rendono facile godersi questo vortice germanico d’alta quota del vortice d’Italia.

Rick Steves (www.ricksteves.com), residente a Edmunds, scrive guide europee, ospita programmi di viaggio alla televisione e alla radio pubblica e organizza tour europei. Questo articolo è tratto dal suo nuovo libro “Per l’amore dell’Europa”. Puoi inviare un’e-mail a Rick a rick@ricksteves.com e seguire il suo blog su Facebook.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *